archivio documenti


Verbali

Verbali delle riunioni dei dd.s.s.


01. 02.2007

07.12..2006
05.10.2006
18.09.2006

22.02.2006
16.01.2006
28.11.2005

16.03.2005

11.01.2005


08.07.2004
03.06.2004
11.05.2004
20.04.2004
11.12.2003
11.11.2003
03.07.2003
04.06.2003
07.05.2003
28.10.2002

Verbali a.s.2008-2011
Verbali a.s.2007-2008
Verbali delle riunioni dei docenti referenti di rete
Verbali delle riunioni dei DSGA

 

Verbale dell’incontro di Rete del giorno 01/02/07

         O.d.g.     1                 Formazione 626
                            2                 Integrazione alunni migranti
                            3                 Eventuali

  1. Formazione: si esamina l’offerta della Società EUService (più economica rispetto ad altre).

     Entro il 10 Febbraio i DDSS delle Scuole interessate invieranno sulla e-mail della Preside Pacher i nominativi dei docenti  per ciascuno dei percorsi di          formazione previsti (Primo Soccorso, Antincendio, Rappresentanti dei      lavoratori; ASPP_ Addetto Servizio Prevenzione e Protezione.    Successivamente la Prof.ssa Pacher incontrerà il responsabile dell’EUService      con il quale concorderà il numero dei corsi da attivare, le sedi, i calendari e i          costi, tentando di ottenere un ulteriore sconto, sulla base del numero alto di      addetti da formare.

  1. Integrazione alunni migranti

     La Prof.ssa Donninelli illustra gli strumenti, elaborati dal gruppo di lavoro di          Rete, mediante i quali le Scuole verificheranno il livello di conoscenza della      lingua italiana e raccoglieranno notizie sulla famiglia e sulla cultura di  appartenenza.
     Si propone di utilizzare i mediatori linguistici già nella fase preparatoria  per produrre gli strumenti dell’accoglienza nella doppia lingua: in italiano e    nella lingua dei Paesi di più frequente provenienza degli alunni migranti.
     Si propone, per gli alunni che arrivino a percorso scolastico già avanzato (Sc.       Media e Sc.      Superiore) un ricorso al CTP.
     La D.S. Carovita propone una programmazione di interventi e di percorsi    di      orientamento già dal mese di Aprile e di non legare gli interventi alle singole emergenze.
     Si propone ancora, di formare un piccolo gruppo di docenti in ogni scuola per      l’insegnamento dell’italiano come 2° lingua.
     A questo riguardo           la Prof.ssa Donninelli comunica che il CIDI di Roma sta      attivando corsi gratuiti, ai quali ci si può iscrivere, compilando la scheda che si      trova sul sito del CIDI.
     La Prof.ssa Donninelli comunica, che si sta firmando con l’Università “La   Sapienza” un Protocollo per l’utilizzo di studenti, laureandi e specializzandi in    lingua cinese, nelle scuole della Rete, con funzioni che la Rete stessa dovrà      definire (mediazione, supporto alla didattica individualizzata ecc…).

  1. Progetto Dispersione

     Pacher comunica che, a nome della Rete, ha aderito alla richiesta di Mondo           digitale di presentare alla Provincia in ATS un  progetto di prevenzione della           dispersione scolastica, rispondendo ad un bando che prevede la scelta di 4   progetti per il 2007.

  1. Ricerca – azione “Dalla didattica delle discipline alla didattica per competenze”

     Pacher comunica che è terminata la prima fase del percorso (le lezioni frontali       della Prof.ssa Ricciardi) e che si darà inizio alla seconda parte (elaborazione di         obiettivi e prove di accertamento di competenze da parte di Gruppi di ricerca,        da testare nelle scuole).
     Per questa seconda parte verranno trovati “tutor” di ricerca che forniranno assistenza e coordinamento.

  1. La D.S. Salacone informa che all’interno della costituenda “Consulta della Scuola” del Municipio VI opereranno Gruppi di lavoro su argomenti che si riterranno cruciali. In particolare si pensa di attivare i seguenti gruppi di lavoro:

  –   Integrazione alunni stranieri;
     –   Utilizzo ottimale locali scolastici;
     –   Flussi di iscrizione, offerta formativa di rete, proposte per il                                 dimensionamento.

     Le Scuole sono invitate da ora a compilare le tabelle reperibili nel sito di Rete        inviate dal Municipio VI, elaborate dal delegato Cintioli e dalla Commissione           Scuola per l’esame dei flussi di iscrizione e per la rilevazione dell’uso degli    spazi.
     La rilevazione verrà effettuata con appuntamenti “in loco” da Cintioli e         Salacone, secondo un calendario che verrà stabilito.

  1. Il giorno 8/2/07 alle ore 12 in Via di Torre Annunziata si incontreranno tutte le Scuole dell’infanzia, elementari e medie del Municipio VI per l’esame dei dati delle iscrizioni.

     Si prega di portare il numero totale di alunni immigrati e disabili inseriti, in    relazione al n° totale degli alunni iscritti (distinguendo i nuovi dai già frequentanti).

Ha verbalizzato Salacone
Inizio pagina




Verbali delle riunioni dei docenti referenti di rete
Verbali delle riunioni dei DSGA



VERBALE DELL’INCONTRO DI RETE DEL GIORNO 07/12/2006

Presenti :

  

 4° C.D. “CARLO PISACANE”

  Simonetta Salacone
  Palma Zuccaro

 126° C.D. “VIA FERRAIRONI”

  Enzo Labasi

 21° C.D. “F.CECCONI”

  Tiziana Santoro

132° C.D. “P.R.PIROTTA”

  Diana Donninelli

I.C.”ALBERTO MANZI”

  Mariolina Bisazza

S.M.S. “SAN BENEDETTO”

  Marina Del Re

S.M.S. MASSAIA

  Flora Longhi

25° C.D. “VESPUCCI”

Patrizia Pistigliucci

77° C.D. “BELLI”

Mario Picchiassi

107° CD GIULIO CESARE

Angelo Ferlisi

34° C.D. MADRE TERESA DI CALCUTTA

Patrizia Angelista

117° CD MASSIMO TROISI

 Nadia Ponzo

81° CD MARCO POLO

 Ugo Poce

LICEO CLASSICO BENEDETTO DA NORCIA

 Mario Soletti

IS V. AQUILONIA, 50

Guglielmo Neri

LICEO CLASSICO KANT

 Alessandro Bellia

LICEO SCIENTIFICO LEVI CIVITA

Simonetta Caravita

4° CTP

Marco Manariti

Università La Sapienza

Claudia Pacher

Coordinatore Rete


Per il 1° punto al’o.d.g. “ Analisi delle proposte presentate nella Conferenza di servizio” Claudia Pacher fa presente che tutti i materiali presentati nella conferenza di servizio sono stati pubblicati sul sito della rete. L’adesione alle diverse proposte verrà confermata dai docenti referenti delle scuole nel prossimo incontro fissato per il 18 dicembre. Comunica che si è svolto nei locali del Polo Intermundia l’incontro rivolto ai docenti proposto dall’Ass. Save the children sulla sicurezza informatica e che c’è la possibilità per un paio di classi seconde medie di partecipare ad un percorso progettuale.

Per il 2° punto“Consulta municipale della scuola: sintesi dell'incontro” interviene Simonetta Salacone e presenta le proposte emerse nell’incontro del 25 novembre nei locali del 6° Municipio al fine di costruire insieme una Consulta della scuola e dei Sistemi educativi. Invita i presenti a condividere la bozza presentata in apposita riunione fissata per il giorno 13 dicembre 2006 alle ore 11.30 sempre nei locali del 6° Municipio in via di Torre Annunziata. E’ importante la presenza delle scuole del territorio per avere una rappresentanza significativa nella Consulta. Tra i problemi che si dovranno affrontare insieme c’è quello del dimensionamento delle Istituzioni Scolastiche e delle iscrizioni degli alunni stranieri.
Interviene Angelo Ferlisi per comunicare che il 7° Municipio sta facendo una ricognizione degli spazi scolastici non utilizzati. Tiziana Santoro precisa che l’Ente Locale tende a ritenere utilizzati solo gli spazi dove sono inserite le classi, non considerando che nella scuola servono anche i laboratori e altre aule speciali. A questo proposito Simonetta Salacone fa presente che il Dip XI ha effettuato lo scorso anno uno studio proprio su questo argomento, partendo dalla normativa ormai vecchia sull’edilizia scolastica con lo scopo di riparametrare gli spazi scolastici sulle esigenze attuali delle scuole. Si impegna a chiedere una copia dei risultati dei lavori.

Per il 3° punto “Scuola della Seconda Opportunità : una risposta ai bisogni del territorio” viene data la parola a Simonetta Caravita che illustra le azioni per il recupero della dispersione scolastica che il 4° CTP sta portando avanti da alcuni anni in collaborazione con la dott.ssa Aiello del Dipartimento di Psicologia dell’Università La Sapienza e l’ARCI di Roma. Il progetto è stato finanziato per il 2006/07 dal l’Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche – Dip. XI – ai sensi della Legge 285/97 ed è un progetto di rete che vede coinvolte anche alcune scuole medie del 6° Municipio. Il progetto è finalizzato ad offrire ai ragazzi con alle spalle esperienze di disagio e di insuccesso scolastico la possibilità di conseguire la licenza media e creare le condizioni e le opportunità per un rientro positivo nel sistema formativo. L’approccio deve necessariamente essere integrato, flessibile e basato sull’individualizzazione dei percorsi.Le azioni che vengono intreprese tendono a risanare il “danno motivazionale” causa dell’abbandono precoce da parte degli adolescenti dei percorsi scolastici tradizionali.
Sono stati già sperimentati con un certo successo microstages con le scuole superiori.
Alessandro Bellia ricorda che la sua scuola Liceo Levi Civita opera con la sezione ospedaliera di via dei Sabelli e ha sperimentato il reinserimento a scuola di alcuni ragazzi dopo il ricovero.
Marina Del Re interviene per sottolineare l’importanza di uno sportello psicologico nelle scuole rivolto soprattutto ai docenti con un approccio di tipo relazionale.

Finiti i punti all’o.d.g. interviene Guglielmo Neri per lamentare il disagio delle scuole che non riescono a far fronte al pagamento dei professori impegnati negli Esami di Stato e che hanno un budget per le supplenze sempre più incerto. Chiede di fare una rivendicazione al MPI.
I Dirigenti Scolastici presenti concordano con tale proposta, anche per il problema del pagamento della TARSU edecidono di scrivere una lettera al Ministero competente.

Prima di chiudere la seduta si fa una sintesi dei progetti attualmente in atto:
Pacher: per “Orientarsi in rete” c’è stato un incontro lunedì 4 u.s. ed è stata firmata la convenzione per ulteriori 12 mesi.
Zuccaro: per “Dalla didattica delle discipline alla didattica delle competenze” si sta regolarmente procedendo con gli incontri di formazione
Donninelli fa il punto sul progetto “Il mondo nella rete” il cui prossimo incontro con i referenti delle scuole è fissato per il giorno 11 p.v.

Alle ore 14.00 la seduta è sciolta.
Il prossimo incontro è fissato per il primo giovedì di febbraio.

Ha verbalizzato Claudia Pacher

Inizio pagina



VERBALE DELL’INCONTRO DI RETE DEL GIORNO 05/10/2006

Il giorno 05/10/2006, alle ore 12.00 nei locali dell’Istituto Comprensivo “Alberto Manzi” in via del Pigneto 301   si è tenuto l’incontro dei   Dirigenti scolastici della Rete delle scuole dei distretti XIV e XV.
 O.d.g:
1-Incontro con i rappresentanti del sesto e settimo Municipio per un confronto sulla Consulta Municipale della scuola
2- Condivisione del Protocollo d'Intesa 2006-2007 
Sono presenti 

Anna Maria  Aglirà

D.S.

19° C.D. “ENRICO TOTI”

Donatella Trani

D.S.

4° C.D. “CARLO PISACANE”

Simonetta Salacone

D.S.

126° C.D. “VIA FERRAIRONI”

Palma Zuccaro

docente

Tiziana Santoro

D.S.

132° C.D. “P.R.PIROTTA”

Diana Donninelli

docente

I.C.”ALBERTO MANZI”

Vera Tosti

D.S.

I.C. “VIA G.B. VALENTE”

Marina Del Re

D.S.

S.M.S. MASSAIA

Flora Longhi

D.S.

25° C.D. “VESPUCCI”

Patrizia Pistigliucci

D.S.

77° C.D. “BELLI”

Antonio Passaro

D.S.

16° C.D. TRILUSSA

Mario Picchiassi

D.S.

107° CD GIULIO CESARE

Angelo Ferlisi

D.S.

34° C.D. MADRE TERESA DI CALCUTTA

Patrizia Angelista

Docente con delega D.S.

117° CD MASSIMO TROISI

Nadia Ponzo

Docente con delega D.S.

81° CD MARCO POLO

Ivana Sorce

D.S.

SMS PAVONI

Ettore Proietti

D.S.

SMS PIRANESI

Marco Pintus

D.S.

SMS TONIOLO

Rosanna Macrini

D.S.

LICEO CLASSICO BENEDETTO DA NORCIA

Guglielmo Neri

D.S.

LICEO CLASSICO KANT

Marco Manariti

 

 

Claudia Pacher

 

 

Luisa Colcerasa

 

 

Verbalizza Salacone.

Non essendosi presentati i rappresentanti dei Municipi 6° e 7°, si passa direttamente al 2° punto all’o.d.g.  

  1. Condivisione del Protocollo d'Intesa 2006-2007 

Si legge la bozza di protocollo di intesa per l’anno scolastico 2006/07 il cui testo definitivo, dopo le modifiche e/o integrazioni, verrà pubblicato sul sito della rete.
A seguito della lettura si apre la discussione e il confronto.
TRANI :

  1. c’è necessità di fare chiarezza sul rapporto fra coordinamento dei DD.SS. e coordinamento dei docenti referenti di rete. I DD.SS. hanno compiti istituzionali in quanto rappresentanti legali dei propri Istituti, i docenti referenti rappresentano – in modo volontario - se stessi e il collegio
  2. vanno chiariti i compensi per  consulenti, referenti,DSGA incaricato delle funzioni amministrativo-contabili : abbiamo una responsabilità sui fondi che attribuiamo alla rete.
  3. da chi viene approvato il piano delle attività? La conferenza di servizio è solo un momento di presentazione o è la sede in cui si delibera il piano stesso?
  4.  Necessità di chiarire i compiti dei 2 docenti  referenti nei confronti delle scuole della rete
  5. 300 euro di versamento sono tanti per una dotazione ordinaria molto scarsa
  6. per alcune scuole mettere a disposizione le attrezzature può essere un problema

MANARITI

  1. attenti a non essere eccessivi nella definizione di compiti e funzioni per evitare che troppa formalizzazione appesantisca ed intralci le attività
  2. L’operatività va affidata ad un gruppo promotore per garantirne l’efficacia

PINTUS

  1. La filosofia della rete è la collaborazione volontaria non l’obbligo a compiti e impegni
  2. È chiaro che il contributo serve a coprire quelle attività che garantiscono la sopravvivenza della rete

COLCERASA

  1. le scuole hanno sempre operato in rete su mandato del collegio  e del consiglio
  2. va definito chi formalizza gli incarichi: la rete non è soggetto istituzionale

ANGELISTA

  1. per quest’anno le attività sono in gran parte definite e sono frutto di specifici protocolli di Intesa
  2. i referenti dei docenti delle scuole in rete nella riunione del 2 u.s. hanno  ipotizzato  un nuovo campo di azione per il futuro : memoria, storia e identità del territorio  su cui c’è comunque da progettare un percorso in continuità

SALACONE

  1. la filosofia della rete non deve essere sacrificata alla formalizzazione
  2. bisogna rendere consapevoli gli OO.CC. dei benefici e delle convenienze culturali, operative, di condivisione, di risparmio per la formazione, di riconoscimento da parte della direzione regionale

NERI

  1. la rete è più centrata sul primo ciclo
  2. il collegio della mia scuola non è disponibile a  finanziamenti aggiuntivi ai 300€ annuali stabiliti

PACHER

  1. rispetto all’aggiornamento la rete ci consente un risparmio sui diversi percorsi richiesti dai docenti delle diverse scuole e di solito viene richiesto un contributo a docente che può ricadere sui fondi per la formazione della 440.
  2. i corsi sulla 626 e sulla privacy sono possibili solo in rete
  3. Orientarsi in rete ha avuto una ricaduta di competenze e i finanziamenti per questo progetto sono ricaduti quasi al 70% sul personale delle scuole coinvolte
  4. Non bisogna dimenticare che ci arrivano molte proposte da parte di altri soggetti che vedono nella rete una risorsa: questo ci fa uscire da un’ottica ristretta

ZUCCARO

  1. L’esigenza di un confronto fra i diversi ordini di scuole è fondamentale: la rete facilita scambi ed iniziative
  2. L’U.S.R. ha indetto un progetto riservato  alle scuole secondarie di 1° e 2° grado con scadenza a fine ottobre e privilegia le scuole in rete.

PACHER

  1. Comunica che la data della Conferenza di servizio sarà stabilita al più presto
  2. descrive nel dettaglio il  percorso di formazione legato al progetto “DALLA DDIDATTICA DELLE DISCIPLINE ALLA DIDATTICA DELLE COMPETENZE” .  L’avviso definitivo sarà inviato via e mail alle scuole e messo sul sito della rete entro la prossima settimana.
  3. fa presente che vi è una proposta del CEMEA del Mezzogiorno  riguardante Scuola e Volontariato diretto soprattutto alle scuole secondarie di 2° grado

 SALACONE

  1. avvisa della necessità di istituire altri corsi sulla 626 : verranno messi in rete i progetti e i relativi costi.
  2. fa presente che vi sono  un percorso presentato dall’Associazione LIBERA e uno sulla memoria  presentato dal prof.Poce del Liceo Benedetto da Norcia  da vagliare  e mettere in comune: potrebbero essere percorsi da inserire in Orientarsi in rete.

 
DEL RE

  1. ricorda di segnalare ai giovani “dispersi” l’esistenza del CTP. Il progetto complessivo delle offerte verrà pubblicato sul sito della rete.

Alle ore 14.15 la riunione ha termine.

Inizio pagina


VERBALE DELL’INCONTRO DI RETE DEL GIORNO 18/09/2006
Il giorno 18/09/06, si è tenuto l’incontro dei Docenti referenti delle Scuole e dei Dirigenti scolastici della Rete delle scuole dei distretti XIV e XV presso l’I. C. “A. MANZI”

O. d. g.:
1. La Rete, attività e prospettive a. s. 2006/07
2. Protocollo d’intesa

Presenti dirigenti e docenti di 22 scuole:
1. SIMONETTA SALACONE 126° C. D. “IQBAL MASIH”
2. NICOLETTA PETRILLO 80° C. D. “GESMUNDO”
3. VERA TOSTI I. C. “VIALE VALENTE”
4. ORIANA MUCCIOLI S. M. S. “PIRANESI”
5. PATRIZIA MARTINI 4° C. D. “PISACANE”
6. MARIO PICCHIASSI 107° C. D. “G. CESARE”
7. ETTORE PROIETTI 107° C. D. “PIRANESI” I. C. “A. MANZI”
8. .. IPSIA EUROPA
9. ANTONIO PASSARO 16° C. D. “TRILUSSA”
10. MARINA DEL RE S. M. S. “MASSAIA”
11. FLORA LONGHI 25° C. D. “VESPUCCI”
12. PATRIZIA PISTIGLIUCCI 77° C. D. “G. G. BELLI”
13. ANGELO FERLISI 34° C. D. “M. TERESA DI CALCUTTA”
14. ….. DI VITTORIO LATTANZIO
15. LOREDANA … 34° C. D. “M. TERESA DI CALCUTTA”
16. ELVIRA DE DOMINICIS 34° C. D. “M. TERESA DI CALCUTTA”
17. NADIA PONZO 81 C. D. “MARCO POLO”
18. MARIA TERESA NARDI LICEO “BENEDETTO DA NORCIA”
19. PAOLA LATINI 25° C. D. “VESPUCCI”
20. ANNA MARIA AGLIRÀ 19° C. D. “E. TOTI”
21. CONCETTA ICASTRO 19° C. D. “E. TOTI”
22. IVANA SORCE S. M. S. “PAVONI”
23. M. CRISTINA BISAZZA S. M. S. “SAN BENEDETTO”
24. PALMA ZUCCARO 126° C. D. “IQBAL MASIH”
25. PATRIZIA ANGELISTA 117° C. D. “M. TROISI”
26. CARMELA FALSETTI 21° C. D. “CECCONI”
27. GIUSEPPINA LIONE 21° C. D. “CECCONI”
28. TIZIANA SANTORO 132° C. D. “PIROTTA”
29. M. GIULIA RONZANI S. M. S. “MASSAIA”
30. LUIGI CARLONE IPSIA “EUROPA”


1° punto all’o. d. g.
Discussione preliminare
Si ribadisce l’ interesse delle scuole nello stare insieme realizzando attività e progettazioni comuni e la necessità di lavorare in maniera più coesa.
Bisogni emersi:
a) Necessità di un maggiore coinvolgimento della scuola dell’infanzia: nel XIV distretto vi sono 3 scuole dell’infanzia statali, nel XV Distretto sono più numerose;
b) Educazione adulti e lotta contro la dispersione scolastica. Emerge la necessità di potenziare il ruolo della Scuola Media di 2° grado all’interno della rete; occorre riprendere i lavori in continuità rivolti all’orientamento; occorre tornare a parlare del curricolo in verticale e prendere contatto diretto con le scuole dell’ordine precedente. Ruolo dei Centri Territoriali Permanenti nella progettazione di azione volte a combattere la dispersione scolastica: prendere contatto con i C. T. P. per parlare degli alunni a rischio dispersione. Attività dei C. T. P.: preparazione degli esami di 3^ media, italiano per stranieri…

Attività della rete
a) Attività finanziate come rete:
a. Integrazione alunni stranieri. La rete ha ottenuto un posto su organico aggiuntivo, la prof.ssa Donninelli è, per l’a. s. 2006/07, distaccata sul progetto per l’inserimento degli alunni stranieri nelle scuole “Il mondo nella rete” presentato all’U. S. R Lazio. Si è già svolta una riunione il 14/09/06, il prossimo appuntamento è programmato per il 09/10/06 (alfabetizzazione, mediatori, formazione per docenti);
b. Progetto “Dalla didattica delle discipline alla didattica delle competenze” finanziato con 15.000,00 euro dall’U. S. R Lazio. Le scuole debbono contribuire con 50,00 euro per ogni docente partecipante. Sintetica presentazione del progetto: 1^ fase, formazione; 2^ fase, gruppo ricerca – azione sul curricolo.
c. Progetto sull’handicap finanziato con 5.000,00 euro, finanziamento insufficiente per realizzare l’intero progetto, quindi bisognerà operare delle scelte per decidere come realizzarlo.
d. Orientarsinrete, quest’anno si farà un lavoro con argomenti più unificanti: argomento unico diviso in sezioni.
b) Progetti non realizzati dalla rete ma, a cui la rete ha partecipato o parteciperà
a. INVALSI, sulla valutazione
b. V Municipio: richiesta di adesione per un progetto sulla dispersione scolastica del Comune di Roma
c. Associazione Libera, propone un progetto sull’educazione alla legalità. L’IPSIA “Europa” e il Liceo “Benedetto da Norcia” già lavorano con la suddetta associazione sul percorso “Uso responsabile del denaro”
d. Adesione a “Mondo Digitale”
e. Finanziamento ottenuto per “laboratori sull’educazione stradale” per scuole con maggior numero di alunni stranieri (€ 7.000,00 circa)

Bilancio Sociale
Nel 2003 è stato già pubblicato un opuscolo contenente i lavori più significativi della rete. Il Bilancio sociale 2003-06 sarà presentato durante la Conferenza di Servizio (fine ottobre – novembre). Il prodotto finale del Bilancio sociale dovrà essere la base della futura organizzazione della rete.

Protocollo d’intesa
Avrà validità annuale. Viene letta la bozza del protocollo d’intesa e si decide di:
• Mettere la bozza del protocollo d’intesa sul sito della rete per favorirne la più ampia diffusione fra tutte le scuole e per stimolare proposte
• Costituire un gruppo di coordinamento ristretto formato da dirigenti, docenti, DSGA, esperto estero

Organizzazione
• Ogni scuola nomina un docente referente
• Di norma, ci sarà una riunione mensile per i dirigenti e si decide per il primo giovedì del mese alle ore 12
• Di norma, una riunione mensile per i docenti referenti
Proposta del VI Municipio
“Consulta della scuola”, la scuola quale luogo di relazioni, necessità di un tavolo di incontro in cui le scuole posano esprimere opinioni e fare proposte.

Ha verbalizzato Palma Zuccaro

Inizio pagina


VERBALE DELL’INCONTRO DI RETE DEL GIORNO 22/2/2006


Il giorno 22/2/06, alle ore 17 nella scuola di Via Ferraironi si è tenuto l’incontro dei Docenti referenti delle Scuole e dei Dirigenti scolastici della Rete delle scuole dei distretti XIV e XV.
L’incontro, organizzato su richiesta del coordinamento dei Docenti della Rete, aveva un unico punto all’ o.d.g.:

1. –la Rete, attività e prospettive

Presenti DDSS e Docenti di 21 Scuole:
2. Salacone e Zuccaro per il 126° Circolo
3. Liberati per l’80° Circolo
4. Masciavé e Tramontorre per l’IC Via Valente
5. Trani e Martini per il 4° Circolo
6. Bandettini per il 134° Circolo
7. Pellegrini e Cataro per il 107° Circolo
8. Cesarini per l’82° Circolo
9. Proietti e Muccioli per la SMS Piranesi
10. Crispino e Leotta per la SMS Pavoni
11. Latini e Pizzuti per il 25° Circolo
12. Pintus e Pasciuto per la SMS Toniolo
13. Falsetti per il 21° Circolo
14. Bellia per il LSS Levi Civita
15. Menchise per la SMS Baracca
16. Ferlisi , Anania e De Dominicis per il 34° Circolo
17. Nardi per il LC Benedetto da Norcia
18. Neri e Galloro per il LC Kant
19. Angelista per il 117° Circolo
20. Della Volpe e Loche per la SMS Parri
21. De Stefano e Carlone per l’IPSIA Europa.

Salacone, dopo aver percorso brevemente la storia della Rete, dalla sua nascita alla sua crescita, esprime la propria preoccupazione per il fatto che l’anzianità media dei Dirigenti scolastici e dei Docenti delle scuole di Rete condurrà a repentini, massicci e coincidenti pensionamenti, con il rischio che la cultura di rete non abbia il tempo di sedimentare fra i nuovi docenti che entreranno negli organici delle scuole (peraltro il ricambio non sempre avviene con titolari, poiché sui posti disponibili, spesso è chiamato personale precario o con incarico annuale). Trova pertanto utilissimo il presente incontro.
Pacher descrive gli impegni a breve termine della Rete.
Realizzare, come già deliberato, il “bilancio sociale” con i fondi della Rete e il contributo dell’équipe di sociologia, coordinata da Manariti
Realizzare il percorso di formazione sulla innovazione “Dalla scuola dei contenuti alla scuola delle competenze”, che sicuramente verrà finanziata dalla DR Lazio
Formulare un progetto di Rete per la formazione dei docenti titolari di classe sull’handicap (circ. MIUR n. 575/2006)
Zuccaro riferisce quanto emerso nell’incontro dei docenti referenti della Rete, in presenza di una collaboratrice di Manariti, relativamente ai punti forti e a quelli deboli della Rete.
Fra i punti di debolezza sono annoverati i seguenti:
Difficoltà, per i referenti, a coinvolgere i Collegi sulle esperienze e le proposte di Rete
Difficoltà a comunicare fra i Collegi e la Rete
Diversità di percezione dell’importanza della Rete fra i DDSS e i Docenti
Fra i punti forti, che si stanno consolidando nella consapevolezza diffusa sono annoverati i seguenti:
La Rete è luogo di confronto per arrivare a letture comuni e a posizioni condivise rispetto alle innovazioni e alle relative disposizioni attuative
La Rete rende le scuole più visibili sul territorio e favorisce la contrattazione con le Amministrazioni
La Rete serve a effettuare percorsi più ricchi di formazione-aggiornamento
E’ necessario ed urgente:
Affrontare in modo solidale la ineguale distribuzione sul territorio di alunni migranti
Promuovere uno sportello del Municipio che risponda alle esigenze delle scuole in cui sono inseriti alunni migranti e ai bisogni delle stesse famiglie dei migranti
E’ opportuno riformulare e firmare il Protocollo di intesa fra le Scuole della Rete

Pacher ricorda l’importanza del percorso “Orientarsinrete, di cui non tutti i Collegi hanno percepito la significatività. Di fatto è ancora difficile diffondere e promuovere l’utilizzazione di metodologie comuni che si siano rivelate utili ed efficaci.
Ricorda ancora come molte occasioni e proposte pervengano alle nostre scuole e alla sua solo in quanto siamo scuole di Rete: è bene rendersi conto di tali opportunità e non sprecarle. Cita a questo proposito, come esempio, l’offerta dell’Associazione Alisei ( 75 ore di formazione gratuita per i docenti, e lo sportello per alunni e genitori, sul tema dell’integrazione degli alunni migranti)
Angelista chiede che la Rete programmi in giugno le principali attività e che siano previste anche le risorse per l’impegno aggiuntivo dei/delle docenti. Trova efficace lavorare in microreti, fra scuole vicine.
Muccioli ricorda che fino ad oggi la partecipazione dei docenti è stata del tutto volontaria. D’altra parte il confronto fra docenti è risultato particolarmente importante per gli stessi, anche per realizzare continuità fra segmenti scolastici. La continuità può e deve diventare un tema unificante. Invita ancora a considerare che l’interesse dei DDSS per la Rete è diverso da quello dei docenti: questi ultimi sono più interessati alla didattica, i DDSS alla interpretazione della normativa e ad argomenti riguardanti la gestione e l’organizzazione. Non sempre i docenti referenti, che partecipano con entusiasmo agli incontri mensili, trovano ascolto presso i propri Collegi e Dirigenti.
La Rete, con le sue attività, deve essere elemento di qualità e comparire nei POF delle Scuole che firmano il Protocollo. E’ necessario creare uno spazio per la comunicazione delle attività della Rete in ogni riunione collegiale. Occorre creare situazioni operative comuni sia fra scuole vicine dal punto di vista logistico che fra scuole che hanno sintonie culturali e progettuali.
Proietti La Rete amministra due distretti: è situazione complessa. Questa Rete, dalla sua nascita, ha avuto come momenti forti:
La politica scolastica
L’aggiornamento
I percorsi comuni di innovazione
E’ però risultato meno influenzato dalla Rete il lavoro quotidiano.
Della Volpe il problema più cruciale resta quello della carenza di comunicazione, che non si sa se debba essere accreditato ai DDSS o ai referenti di Rete. Si chiede come dare maggiore visibilità, alle attività di Rete e come sensibilizzare meglio i docenti.
Loche La Rete è stata fondamentale perché le scuole del Primo ciclo di questo territorio riuscissero a dare risposte unitarie e riflessive nella fase di disorientamento seguito al varo di una riforma confusa, autoritaria e regressiva. La scuola dell’obbligo è riuscita a difendersi da proposte scarsamente approfondite quali il portfolio o addirittura non legittime in alcune parti, come il documento di valutazione indicato dal MIUR, grazie a posizioni prese insieme. La condivisione, meditata e giustificata culturalmente e professionalmente, ha reso credibili alcune scelte delle scuole anche nei confronti delle famiglie. Alcune posizioni della Rete hanno avuto risalto anche sulla stampa. La Rete è stata altamente meritoria nei confronti della maturazione critica e della riflessione culturale complessiva dei Collegi. e ha incoraggiato anche le posizioni , indubbiamente non facili dei DDSS.
Masciavé La Rete è vissuta come strumento valido se ci aiuta a risolvere problemi. Non può viceversa risolversi in un ulteriore aggravio di lavoro. La Rete è ancora estranea al vissuto di molti Collegi, perché non se ne percepisce il “bisogno didattico”. Più percepita, infatti, è la funzione di servizio per l’aggiornamento, la lettura comune di documenti del MIUR o del CSA, la gestione condivisa dei momenti cruciali quali quelli delle iscrizioni al nuovo a.s.. Non sempre appare chiaro quale sia il tavolo che seleziona le proposte e le fa ritornare ai Collegi.
Pacher La Rete facilita la diffusione di proposte che provengono dall’esterno (dal Comune, dalle Associazioni, dalle ASL) I Collegi più sensibili danno ormai per scontato che la Rete esista e operi, anche se molti docenti non sentono il dovere di mobilitarsi o prestarsi perché la Rete operi.
Ferlisi Fornisce alcune proposte per far arrivare con più evidenza le proposte della Rete ai Collegi:
Utilizzare i momenti, ormai ricorrenti nei calendari, della progettualità degli Istituti: è compito dei DDSS far emergere nelle riunioni dei Collegi le problematiche più comuni e diffuse da affrontare a livello condiviso e farsene portavoce negli incontri di Rete
Un altro spazio di utile impegno per la Rete si deve trovare nell’utilizzo solidale delle (scarse) risorse soprattutto per quanto riguarda quelle tecnologico – informatiche. A tale proposito , per ottimizzare le risorse, sarebbe auspicabile utilizzare anche le competenze presenti nelle scuole superiori del territorio, il cui apporto potrebbe facilitare l’uso dei laboratori nelle scuole dell’obbligo.
Neri ribadisce che il quadro delle offerte di Rete dovrebbe arrivare entro settembre, per essere recepito nel Piano annuale delle attività delle scuole. Per quanto riguarda la scuola superiore esprime l’esigenza che all’interno delle scuole le ASL attivino sportelli di servizio psicologico per la consulenza e la prevenzione dei problemi : la Rete potrebbe essere uno strumento forte
per contrattare tale servizio con le ASL. Pone poi il problema degli alunni migranti i quali, quando arrivano in età di scuola superiore, hanno già consolidate competenze e categorie linguistiche molto radicate che rendono difficile l’inserimento e l’adattamento a didattiche di tipo diverso ; : per alcuni ragazzi ciò può significare un prevedibile fallimento.
Galloro ribadisce che molti alunni già in età adolescenziale, sono incapaci di effettuare anche una elementare analisi del testo, senza la quale competenza è impossibile introdurre attività quali
l’analisi logica e quella del periodo .
Nardi Ricorda quanto in passato sia stato utile programmare percorsi “in verticale” dalla scuola dell’infanzia alla superiore: questa pratica va riproposta in quanto :
Collega le diverse scuole e favorisce la conoscenza fra i docenti
Crea continuità per gli alunni i quali ritrovano approcci metodologico - didattici non eccessivamente distanti e linguaggi simili , nei passaggi da un ordine all’altro di scuola
Valorizza la pratica dell’ “imparare insieme ” fra docenti di ordini di scuola diversi, i quali spesso hanno approcci diversi alla cultura disciplinare e alla didattica
Ricorda infine che la Rete ha una grande importanza nel rendere visibili le scuole rispetto all’EL e nel rendere le stesse interlocutori autorevoli e competenti.: Ciò vale anche sul piano della richiesta di risorse: in passato la Rete è riuscita ad avere più risorse rispetto a quelle che avrebbero ottenuto, da sole, le singole scuole.
Trani La Rete è soggetto collettivo politico alto e nobile. Lo sta dimostrando il dibattito odierno . Essa crea coesione, laddove gli interventi della Amministrazione Scolastica , come in questa legislatura, tendono a dividere . La rete è momento alto di elaborazione culturale, anche e soprattutto perché favorisce progettualità in continuità sia orizzontale che verticale.Riassume gli elementi che sono, a suo parere, aspetti forti di qualità:
Radicamento e attenzione alla dimensione territoriale
Progettualità in continuità verticale fra diversi ordini e gradi
Volontà esplicita di affrontare in comune e con taglio solidale problemi urgenti e gravi quali la presenza massiccia di alunni migranti, soprattutto in certe scuole (ricorda che il 4° Circolo ha il 67% di alunni iscritti che provengono da famiglie di migranti . ed è assolutamente necessario che tale situazione sia affrontata sia sotto l’aspetto dell’aggiornamento dei docenti e del DS che sotto quello di interventi di arricchimento dell’offerta didattica e di sportello per le famiglie)
Capacità e volontà di affrontare in modo solidale il problema ormai prossimo del dimensionamento, in rapporto a nuove situazioni della distribuzione della popolazione scolastica sul territorio
Capacità e volontà di affrontare insieme temi di organizzazione e gestione (organici ATA, competenze dei DSGA, aggiornamento su tematiche quali l “la privacy, e la sicurezza, contratti vari…)

Zuccaro e Bandini riassumono gli argomenti emersi nell’incontro dei docenti referenti di Rete, sui quali per il prossimo a.s. si propone di tenere incontri tematici :
1. stranieri (si propone un gruppo di studio con gli amministratori locali e l’avvio di qualche sperimentazione)
2. handicap e disabilità (si propongono sportelli e coordinamento più efficaci fra scuole e presidi ASL)
3. aggiornamento e formazione per docenti su tematiche disciplinari, metodologiche e - didattiche
4. la comunicazione a distanza (anche a partire dalla valorizzazione e riproposizione più diffusa di esperienze simili a quella effettuata con Orientarsinrete)

Pacher conclude ricordando gli impegni della Rete da realizzarsi nell’immediato futuro:
1. Bilancio sociale (come condividere il percorso, con quali risorse realizzarlo, oltre a quelle della Rete)
2. Costituire quattro gruppi di Progetto (in cui coinvolgere le FFSS delle scuole delle quattro diverse aree) per elaborare il programma di Rete per i prossimo a.s.
3. avviare, non appena l’USR l’avrà approvato, il percorso di formazione sulle competenze
4. stendere e presentare entro il 10 marzo un progetto di Rete sulla formazione dei docenti anche curricolari, sull’integrazione dei soggetti disabili (circ. USR n. 575)

Su quest’ultimo argomento i referenti per l’handicap delle scuole della Rete si danno un appuntamento per il giorno 28/2 presso la scuola di via Ferraironi.


La riunione si chiude alle ore 19,30
Ha verbalizzato Salacone

Inizio pagina


Verbale della riunione di rete del 16/01/2006
Il giorno 16/1/2006 si è tenuto presso l'IC “Manzi”l'incontro dei DDSS delle Scuole dei distretti XIV e XV.
Presenti: Ermili, Salacone, Ferlisi, Passero, Colcerasa, Cesarini, Pacher, Santoro, Greco, Del Re, Longhi e le docenti Zuccaro e Angelista


ODG:1) Comunicazioni della coordinatrice della Rete
2) Finanziamento progetti di ricerca-azione e di formazione in rete
3) Eventuali e varie

Punto 1 all'odg: Comunicazioni della DS Pacher:
• la Direzione Regionale ha finanziato con 6.000 euro le attività di aggiornamento-formazione in rete per l'attuazione della riforma per l'as 2004/5. Tali fondi serviranno a compensare il Gruppo di lavoro che ha effettuato il percorso di approfondimento sul portfolio, gli interventi dell'ispettrice Spinosi, l'impegno straordinario della segreteria della scuola Manzi e i costi di riproduzione del materiale elaborato e distribuito nei diversi incontri dalle scuole “Manzi” e I. Masih”.
• Il Dipartimento XI realizza presso il Polo INTERMUNDIA , Scuola Media “De Magistris” un Corso di formazione gratuito sui temi dell'intercultura, dell'inserimento di alunni migranti a scuola e dell'insegnamento dell'Italiano come seconda lingua. Il Corso avrà inizio il giorno 8/2/06. Il programma e il calendario verranno inseriti nel sito di Rete.
Punto 2 all'odg: Finanziamento progetti di ricerca-azione e di formazione in rete
• Pacher informa che, a seguito degli incontri a cui lei e Colcerasa hanno partecipato per la nostra Rete territoriale e a seguito dell'incontro di Fiuggi, con la Circolare n. 13620 del 22/12/05 la Direz.Reg. comunica che verranno finanziati 60 progetti di ricerca-azione e di formazione in rete, per l'attuazione della riforma degli ordinamenti scolastici. Non è indicata l'entità del finanziamento.
La nostra rete è interessata ad approfondire il tema della definizione e della valutazione delle competenze disciplinari e trasversali in continuità , esigenza già emersa durante i lavori del Gruppo che lo scorso anno si occupò del portfolio. La tematica da affrontare nel progetto per il presente anno può essere così indicata “Dalla didattica delle discipline alla didattica delle competenze”
Salacone comunica che, durante l'illustrazione dei Progetti di prevenzione della dispersione scolastica tenutasi nella Sala della Protomoteca del Comune di Roma nel mese di novembre 2005, la coordinatrice della rete ARACNE , Prof.ssa Ricciardi, ha mostrato un lavoro svolto fra scuole di diverso ordine e grado del territorio su di un analogo argomento. Il percorso svolto ha visto un approfondito lavoro di gruppi di docenti distinti per discipline, per la definizione di obiettivi e la predisposizione di prove da somministrare in ingresso e in uscita per classi finali e iniziali dei diversi segmenti dell'obbligo.
L'insegnante Ricciardi, interpellata, si è dichiarata disponibile a coordinare una ricerca-azione dello stesso tipo nel nostro territorio.
Si discute a lungo e si perviene alle seguenti conclusioni (da presentare al coordinamento dei docenti delle scuole della Rete, che potrà ovviamente aderire o esprimere altre esigenze o proporre modifiche) :

1. La definizione e la valutazione delle competenze interesserà per quest'anno scolastico l'Italiano, la Matematica e, per le altre discipline, quelle relative all'asse motorio-espressivo e all'asse scientifico- tecnologico(anche sulla base dell'adesione al percorso dei docenti delle diverse discipline/ambiti)
2. Il percorso prevederà alcuni incontri frontali e unitari (pochi) di riflessione sulle tematiche disciplinari e sulle modalità complessive di predisposizione e somministrazione delle prove di verifica, che verranno poi effettivamente utilizzate nelle singole scuole e classi.
3. una serie più numerosa di incontri si svolgerà per gruppi di docenti degli stessi ambiti disciplinari e servirà a decidere quali competenze individuare in relazione agli obiettivi definiti come irrinunciabili e quali prove utilizzare per valutarne il raggiungimento.
4. Un paio di incontri finali serviranno per confronto e discussione sui risultati raggiunti a seguito della effettiva somministrazione delle prove
5. Verranno affrontati anche argomenti trasversali quali: la motivazione, il metodo di lavoro, la tipologia

Inizio pagina


Verbale della riunione di rete del 28/11/2005

PRESENTI: 132° Circolo (Santoro), 80° Circolo (Catrambone), 81° (Cesarini),
19°(Colcerasa), 126° (Salacone), 4°(Trani), SMS Pavoni (Leotta), SMS Toniolo (Pintus), SMS Massaia (Del Re), 77° Circolo (Pistigliucci), 117° Circolo° (Angelista), 34° Circolo (Ferlisi), IC Via Valente (Masciavé), IC Manzi (Pacher).

I DDSS e i Docenti delegati presenti, esaminando le indicazioni ministeriali sulla VALUTAZIONE, contenute all’interno della CM n.84 dell’ 11/11/2005

PRESO ATTO che ogni Collegio sta studiando risposte, confrontandosi con le attuali disposizioni, a partire da quanto è stato oggetto di studio e riflessione nel precedente a.s.;
PRESO ATTO che, come anche indicato nella CM 84/2005 i Collegi hanno già deliberato l’impianto della Programmazione per l’a.s. in corso;
PREMESSO che ritengono fondamentale che la scheda abbia un impianto e una struttura uniforme
PREMESSO che deve essere salvaguardata e valorizzata la riflessione del Gruppo di lavoro di Rete sul portfolio svolto nel precedente a.s.
CONSIDERATO che non sono ancora pervenute le osservazioni del Garante sugli elementi che possono essere oggetto di privacy

TRASMETTE AI COLLEGI DEI DOCENTI
le seguenti osservazioni, alcune delle quali condivise pienamente, altre con possibili, diverse soluzioni e orientamenti, invitando i Collegi a prenderle in considerazione, nel momento in cui dovranno deliberare sull’intera materia.

PROPOSTE PIENAMENTE CONDIVISE:
1. Il Comportamento è voce trasversale, possibilmente da inserire nel giudizio globale e da articolare in voci quali “autonomia, partecipazione, interesse, relazionalità…” . Poiché si tratta di un giudizio articolato su più voci, non può essere espresso con un giudizio sintetico.
2. Informatica è strumento/linguaggio trasversale, da inserire nel giudizio globale ovvero da valutare all’interno dei percorsi disciplinari o progettuali in cui viene utilizzata.
3. Le attività opzionali, considerate integrate nel curricolo, vanno valutate o nel giudizio globale ( ha partecipato a …) o dentro le discipline di riferimento.
4. Per esigenze di uniformità è condivisibile che si utilizzino i nomi delle discipline delle Indicazioni Nazionali, ma aggiungendovi indicatori riferiti anche ai precedenti Programmi.

PROPOSTE PARZIALMENTE CONDIVISE E CON POSSIBILI DIVERSE SOLUZIONI

1. Religione Cattolica se è voce contenuta all’interno della scheda, come attività “obbligatoria opzionale” ripropone il modello del vecchio esonero e ripropone elementi di discriminazione (esplicitamente vietati dal Concordato e dalle Intese).L’informazione relativa all’avvalersi o meno può considerarsi dato sensibile oggetto di privacy. Per queste considerazioni alcuni dei presenti ritengono che la valutazione di RC vada effettuata con comunicazione distinta dalla scheda uguale per tutti, e che l’eventuale attività programmata per chi non si avvale e decide di seguire un’attività didattica alternativa proposta dalla scuola vada valutata all’interno della disciplina o progetto a cui si riferisce o su scheda a parte.
2. E’ utile inserire indicatori di discipline, concordandoli all’interno dei Collegi e dei Consigli di classe/interclasse, con la possibilità di aggiungerne di particolari per alcuni soggetti (stranieri, rom) e integrandoli per gli alunni disabili o facendo riferimento, per questi ultimi, al PEI.
3. Convivenza civile. Premesso che la Convivenza civile è contenuto trasversale e interdisciplinare ; che alcune voci (come Comportamento e Convivenza Civile) è bene che non siano segmentate e disciplinarizzate; che l’Educazione alla legalità (declinata in educazione interculturale, ambientale,ecc.) costituisce l’orizzonte culturale che unifica le scuole di Rete e che si realizza in progetti contenuti nei POF di tutte le scuole della Rete; che tale voce, come quella “Comportamento” non è valutabile con un giudizio sintetico; si propone che tale voce sia valutata all’interno del giudizio globale e/o nelle discipline o all’interno dei Progetti a cui si riferisce.
4. La Valutazione intermedia e finale potrà essere articolata in voci esplicitate e predefinite e conterrà elementi di valutazione sulle attività trasversali e su quelle opzionali. Si indica come possibile la scelta di alcune scuole di inserire per questa parte della scheda una griglia.( in tal modo si rischia di spersonalizzare la comunicazione, ma questo fatto, legato alla astrattezza della valutazione finale, potrebbe essere temperato dagli elementi di “narrazione” sul percorso contenuti nella documentazione del percorso formativo)
Inizio pagina


Verbale della riunione di rete del 16/03/2005

Il giorno 16/03/2005alle ore 11.00 presso il I.C. “A. Manzi” si è tenuta la riunione delle scuole della Rete del XIV e XV distretto.
Ordine del giorno:
1. Offerte relative alla privacy
2. Adesione iniziative USR Lazio sul portfolio
3. Eventuali e varie

Per il P. 1 all’ordine del giorno: i DDSS Sestilli e Teti informano sull’esame, da loro svolto su mandato della Rete, delle offerte relative alla privacy. Sono state esaminate le offerte delle società “Tre-G” e “Innova Servizi”.
Viene considerata più conveniente la seconda che presenta una offerta “a pacchetti”, comprensiva di:
• Esame della situazione e compilazione del documento;
• Assistenza annuale alla scuola per tutta la gestione del problema privacy;
• Fornitura di un server per antivirus e difesa del sistema informatico;
• Informazione per tutto il personale (compresi i docenti);
• Formazione per il personale della segreteria e per i docenti che trattano dati sensibili;
Le scuole potranno utilizzare anche solo parte dei “pacchetti”.
Qualora la richiesta riguardi da 5 a più scuole, vi sarà uno sconto sui prezzi.
I DDSS presenti chiedono che l’offerta di “Innova” venga messa sul sito di rete ed
esaminata. Consigliano:
• Di sentire prima di decidere la scelta, i propri DSGA;
• Di comunicare agli altri DDSS di rete la propria scelta, per mettere tutti nella situazione di
poter ottenere lo sconto previsto.

Per il P. 2 Dell’ordine del giorno: tranne 2 scuole della rete che non hanno partecipato agli incontri sul portfolio, le altre scuole di Rete aderiscono alla proposta della Direzione Regionale.
I DD SS presenti decidono che non appena dalla Direzione perverrà l’annunciata “scheda di sintesi”, la stessa verrà compilata dalla scuola Capofila, con le indicazioni relative al percorso di approfondimento che il gruppo di lavoro sta effettuando con l’apporto dell’ispettrice Spinosi.
Nella scheda verrà altresì indicato che solo una scuola sta già sperimentando un modello di portfolio , che è stato peraltro messo a disposizione delle altre scuole di rete come contributo all’approfondimento e che è pubblicato sul sito della rete “www.retescuole14-15,it”
Infine nelle schede si indicherà il sito di rete come luogo dove trovare approfondimenti sul percorso comune delle scuole.

Per il P.3 all’ordine del giorno: Iniziativa sulla dispersione del Municipio VI:

I DDSS, in relazione alla proposta di una Conferenza sulla dispersione scolastica del Municipio VI che coinvolga anche i Municipi V e VII, presentata nell’incontro del g. 15/03 dal consigliere Cintioli, da tenersi entro Aprile, ritengono impraticabile il varo di una iniziativa in tempi così brevi.
Ritengano inoltre che l’iniziativa:
• debba riferirsi sia alla dispersione che alla continuità e all’orientamento;
• debba nascere da un esame approfondito di quanto avviene oggi nelle scuole del territorio riguardo gli abbandoni, le ripetenze, i ritardi scolastici (le ultime ricognizioni risalgono agli anni 1995/2000, quando sul territorio operava l’Osservatorio interistituzionale per la Prevenzione della dispersione scolastica);
• debba intrecciarsi con quanto si sta realizzando da parte dell’Osservatorio Cittadino sulla dispersione, insediato dal Dipartimento XI;
• debba coinvolgere la Rete dei distretti XIV e XV e quella del distretto XIII, in quanto realtà che, operando in logiche di collaborazione fra scuole e di sinergie fra istituzioni possono acquisire dati e proporre soluzioni;
• non debba riferirsi solo a fasce di popolazione particolari (rom, immigrati) in quanto il fenomeno riguarda, nel suo complesso, l’intera popolazione scolastica di questi territori.
I DD SS della Rete propongono al Municipio di tenere la Conferenza nel primo quadrimestre del 2006, per poterla preparare al meglio, coinvolgendo le scuole (docenti e genitori) e i CTP, e per poter presentare anche eventuali percorsi o soluzioni che le scuole abbiano sperimentato con soddisfazione.

Organici:

I DD SS, fortemente turbati dalla gestione dei dati sull’organico da parte del CSA ( digitazione richiesta alle scuole prima della emanazione della normativa, telefonate all’ultimo minuto anziché comunicazioni formali sui docenti perdenti posto, nessuna possibilità di interlocuzione con gli uffici organici, impossibilità di informare le RSU, come previsto dalle disposizioni.) danno mandato ai DDSS Colcerasa e Sestilli di comunicare ufficialmente il disappunto dei DD SS dei distretti XIV e XV e di richiedere modalità di individuazione degli organici più rispettose dei bisogni delle scuole e delle caratteristiche di autonomia delle stesse.

Finanziamenti:

I DD SS danno mandato ai DDSS Colcerasa e Sestilli di inoltrare protesta presso la Direzione Regionale per i ritardi con cui arrivano alle scuole i fondi destinati.

Il prossimo incontro di Rete si terrà il giorno 15/O4/2005 (essendo chiuse il 16, sabato, molte scuole primarie ).

Alle ore 14.00 si scioglie la riunione.

Ha verbalizzato Salacone
Inizio pagina


VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL GIORNO 11/1/2005

Il giorno 11/1/2005, presso la scuola “A. Manzi” si sono riuniti i DDSS delle scuole del Primo Ciclo ei distretti XIV e XV con il seguente o.d.g.:
1. Iscrizioni
2. Scheda di valutazione

Presenti: Cornacchia, Colcerasa, Del Re, Ferlisi, Pacher, Passaro, Picchiassi, Salacone, Santoro, Tosti, Trani.

PUNTO 1 : ISCRIZIONI

a) Per la raccolta delle iscrizioni nella prima classe della scuola secondaria di primo grado si decide che venga distribuito dalle scuole primarie il modulo-tipo proposto dal MIUR, contenente i dati anagrafici e i modelli relativi alla scelta di avvalersi dell’insegnamento di RC. Verrà però sostituita la seconda pagina con la seguente Comunicazione alle famiglie : “Prima della riconsegna le famiglie ritireranno presso la scuola secondaria di primo grado in cui intendono iscrivere i figli il modulo sulla scelta delle opportunità formative e lo accluderanno, debitamente compilato, alla domanda di iscrizione”. In tal modo le famiglie acquisiranno direttamente dalla scuola scelta le informazioni; nessuna scuola primaria consegnerà direttamente modelli di informazione inviati dalle scuole secondarie di primo grado.

b) Riguardo l'Offerta formativa si concorda quanto segue:
Saranno le Scuole a proporre alle famiglie la propria offerta formativa alla quale le stesse potranno aderire.
L’offerta sarà per quanto possibile integrata e flessibile, per rispondere, tenuto conto dei vincoli dell'organico, delle risorse di ciascuna scuola e dei servizi presenti nelle diverse situazioni (mensa, spazi..), alle esigenze degli alunni e delle famiglie.
Le scuole della rete si impegnano a fornire nel sito di rete informazioni sulla propria offerta formativa . Resta comunque l'incertezza legata agli organici ,sulla cui consistenza , a tutt'oggi, le scuole non hanno certezza.
Le scuole indicheranno i modelli orari offerti complessivi e comprensivi di tutte le attività , (disciplinari, di laboratorio, di approfondimento e arricchimento disciplinare, di sostegno, ludico-sportive, di mensa ...).
I percorsi offerti saranno realizzati da tutto il team docente o dal consiglio di classe; il curricolo costituirà una offerta integrata e articolata per orario e contenuti per l'intera classe.
L'offerta integrata sarà realizzata utilizzando pienamente l'orario dei docenti e delle docenti, ivi compresi i tempi di contemporaneità per lo svolgimento di alcune attività (vedi i laboratori).
• L'adesione delle famiglie implica l'obbligo di frequenza per l'intero anno scolastico

 

Si conviene di limitare i modelli orari proposti per la scuola secondaria di primo grado a non più di tre/quattro ( 30, 33, 36 e 40 ore) e quelli della scuola primaria a non più di due (30 e 40 ore), mantenendo l'offerta a 27 ore del tutto eccezionale e legata a mancanza di spazi o servizi.


PUNTO 2 SCHEDA DI VALUTAZIONE

Premesso che :
le Indicazioni Nazionali, non ancora definite per Regolamento, hanno valore transitorio e il MIUR non ha definito un quadro normativo sulla valutazione né gli indirizzi e i conseguenti modelli
solo all'interno di tale cornice è possibile esercitare l'autonomia prevista dal DPR 275 senza incorrere in interpretazioni superficiali e scientificamente non fondate;
le indicazioni relative al documento di valutazione sono state tardive;
si sono ingenerati dubbi con l' introduzione del portfolio (peraltro non adottato da gran parte delle scuole di rete in attesa che si definisca a chi spetta la responsabilità della compilazione, sulla base della trattativa riaperta con le OOSS, sulla base dell'’art. 43 del CCNL) e del rapporto fra la parte documentale, valutativa, orientativa e certificativa dello stesso (anche queste tematiche sono oggetto di studio negli incontri organizzati dalla Rete);
nel primo quadrimestre le attività didattiche sono state comunque svolte nelle classi avendo come riferimento modalità e criteri di valutazione che ciascun collegio ha inteso darsi sulla base del DPR 275 e che sarebbe scorretto valutare su basi diverse da quelle su cui si è programmato e svolto l'attività didattica stessa;

Tenuto conto di quanto in molti Collegi si è già deliberato e sull’intenzione espressa dalla gran parte dei Collegi delle altre scuole della rete i DDSS convengono su quanto segue:

a) Il documento di valutazione non distinguerà fra attività "“obbligatorie"” ed "opzionali", ma farà riferimento a tutti i contenuti dell'offerta formativa integrata a cui i genitori hanno aderito all'atto della iscrizione dei propri figli, sulla base della quale i consigli di classe ed i team docenti hanno programmato.
b) Tutte le attività svolte saranno oggetto di valutazione, con ciò garantendone la qualità e la significatività ai fini del percorsi educativo e formativo di ciascun alunno.
c) Eventuali attività di laboratorio e di arricchimento disciplinare saranno valutate o inserendole negli spazi delle discipline a cui fanno riferimento, o introducendo spazi dedicati nel documento stesso di valutazione o all'interno del giudizio globale.
d) In tal senso si potrà anche valutare l'’Informatica, che sarà opportuno intendere come contenuto trasversale a diverse discipline, o aggregare a tecnologia, o valutare nell'’ambito di particolari produzioni di percorsi sperimentali o labratoriali.
e) Si rispetterà l'’intenzione dei collegi di utilizzare il documento (scheda) utilizzato nei precedenti aass., tenendo nel dovuto conto che alcuni collegi hanno concordato di modificare la nomenclatura delle discipline, ma la gran parte ha scelto di lasciare le stesse indicazioni relative ai programmi vigenti (in attesa che si definisca l'iter delle Indicazioni) e che in alcuni casi i collegi hanno modificato le aggregazioni, aggiungendo eventuali specifici laboratori e percorsi sperimentali. Si conviene invece sulla opportunità di utilizzare la scala pentavalutativa e, dove possibile, gli indicatori delle discipline già in uso nella "scheda"”.
f) La valutazione relativa alla RC sarà effettuata con nota valutativa a parte e su scheda dedicata, per garantire che nessuno venga discriminato, e come peraltro è nello spirito pattizio.
g) Il comportamento e la condotta verranno valutati, in maniera discorsiva, all'’interno del giudizio globale e riguarderanno la partecipazione , l'’interesse e la socializzazione.
h) Il documento verrà firmato: "Il Consiglio di classe" (per la sc. secondaria di primo grado) e "I docenti di classe" (per la scuola primaria), formule che esprimono meglio il principio della con titolarità e della responsabilità collegiale
i) La scheda conterrà l'indicazione "l'alunno ha svolto i tre quarti dell'orario scelto dalla famiglia all'’atto dell'iscrizione"
j) Le scuole, pur considerando la scarsità delle risorse, produrranno il documento con materiali e in forma dignitosa, per non svilirne il senso e la funzione.

Ha verbalizzato Salacone
Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL GIORNO 08.07.04

Il giorno 8/07/2004 alle ore 10.30 presso la Presidenza dell’I.C. Via de Magistris si sono riuniti i Dirigenti Scolastici delle Rete di scuole del XIV e XV distretto per discutere i punti all’o.d.g..

1)Documento sicurezza privacy: esame offerte
2)Progetto "Orientarsi in rete" 2004/05
3) Programmazione attività di rete 2004/05
4)Discussione proposte di associazioni esterne
5) Programmazione conferenza di servizio settembre 2004

Sono presenti

Dirigenti scolastici scuola
TETI S.M.S. TONIOLO
MAZARA 80° C.D.
PICCHIASSI 117° CD
PROIETTI S.M.S. PIRANESI
MARINA DEL RE SMS MASSAIA
COLCERASA 19°C.D. TOTI
PACHER
I.C.VIA DE MAGISTRIS
VALLEFUOCO XX ITIS

Il dott.. MARCO MANARITI
d
La dott.ssa VALENTINA TALAMONTI d

 

Verbalizza il dott. Manariti

Punto 1
Si esaminano i preventivi inviati dalle diverse società alle scuole per la redazione del documento sulla privacy e si stabilisce di richiedere un’offerta come rete al fine di contenere i costi. La richiesta si formalizzerà a settembre visto che la scadenza del documento è al 31.12.2004
Si stabilisce inoltre di contattare la Euservice del dott. LaPorta per chiedere di attuare un intervento di informazione/formazione destinato al personale di segreteria e ai docenti collaboratori del D.S. ai primi di settembre prima cioè dell’inizio delle lezioni.
Pacher si assume il compito di contattare la società

Punto 2 : Progetto "Orientarsi in rete" 2004/05

Pacher propone ai presenti di continuare l’esperienza avviata con il progetto Orientarsi in rete” finanziato con i fondi 285 anche se per il prossimo anno scolastico bisognerà che ciascuna scuola si faccia carico dei pagamenti ai propri docenti referenti di classe con il proprio FIS. Per quanto riguarda il tuto, non superando le 10 classi, la dott. Talamonti si mostra disponibile a seguire le classi con un compenso a carico del progetto da definire.
E’ necessario comunque che le scuole interessate a continuare l’esperienza già avviata si pronuncino nella prima metà di settembre con una nuova delibera dei Collegi. Si può pensare di allargare l’esperienza anche ad altre scuole della rete.

Punto 3 : Programmazione attività di rete 2004/05

Si cerca di concretizzare le proposte già presentate nella scorsa riunione:

Corso di 1° e 2° livello sulle pagine web:
i corsi dovrebbero iniziare entro la metà di settembre in modo tale che tale esperienza di formazione possa avere una ricaduta diretta sulla progettazione didattica.
E’ importante che i docenti possano aderire in breve tempo. Pertanto il 1° settembre verrà inviata alle scuole della rete la richiesta di adesione da parte del D.S. Pacher .
La dott.ssa Talamonti si impegna a far pervenire al più presto il programma dei 2 corsi.

Corso sui D.S.A. si ripete il corso dello scorso anno visto il livello di gradimento da parte dei docenti

Cooperative learning la dott..ssa Salacone non ha ancora contattato il dott. Comoglio del P.A.S. ma si è impegnata a contattarlo entro i primi di settembre in modo da poter stendere un calendario per la formazione che non veda il sovrapporsi delle diverse iniziative.

Gruppo di ricerca-azione sui diversi aspetti della Riforma (Portfolio – tutor – ecc) con docenti pagati dalla Rete


Punto 4: Discussione proposte di associazioni esterne

La discussione di questo punto viene rinviata.
I rappresentanti dell’ASAL e di Gioventù Digitale verranno invitati alla conferenza di servizio in modo da poter illustrare con maggiori detagli le loro proposte

Punto 5: Programmazione conferenza di servizio settembre 2004

Si fissa la Conferenza di servizio per il giorno 19 settembre 2004 dalle ore 17.00 alle ore 19.00.
La sede potrà essere sempre l’IPSIA Europa se il nuovo D.S. sarà d’accordo. Altrimenti si penserà ad un altra soluzione.
Nella Conferenza si presenterà il bilancio del 2003/04 e le proposte di attività per il 2004/05

Si stabilisce che la prossima riunione dei Dirigenti Scolastici sia per il 7 settembre 2004 alle ore 12.30 presso l’I.C. Via De Magistris in via del Pigneto 301.
Sono invitati alla riunione anche i rappresentanti dei D.S.G.A. e i referenti dei docenti.

Roma, 19/07/2004
Inizio pagina


VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL GIORNO 03.06.04

Sono presenti i DDSS dei Circoli 4- 19-21- 77- 81 – 126-, della SMS “Massaia” e dell’ IC
“Via De Magistris”

Punto 1° all’o.d.g:. Proposte di Formazione e Aggiornamento per l’a.s. 2004/05

Si pongono al vaglio dei presenti le seguenti proposte:

Corso sui Disturbi .Specifici dell’Aprendimento - Considerato il successo del corso tenutosi nel presente a.s. si propone di ripetere il Corso, se richiesto, da altri docenti e di continuare con coloro che hanno già frequentato il Corso del presente anno, dedicato soprattutto alla lettura e individuazione della tipologia di disagio, passando ai temi della diagnosi precoce e di possibili modalità di intervento didattico.

Diagnosi precoce dei disturbi dell’attenzione – Il Corso, proposto da Trani, che ne conosce la qualità e il livello, è presentato da un gruppo di psicologi umbri ed è riferito sia alla diagnosi che alle diverse possibilità di intervento didattico.

Cooperative learning – Pacher presenta un progetto presentatole dalla S.A.Psi.C.Studio Associato di Psicologia Clinica. la proposta, che viene allegato al presente verbale (all.n°1), prevede un piano di consulenza e formazione che faccia riferimento ai principi ed alle strategie dell’Apprendimento Cooperativo
Salacone propone di sentire direttamente il Prof. Comoglio , del PAS, che ha scritto, fatto ricerche ed opera su questa modalità didattica. Il Prof. Comoglio ha realizzato in anni precedenti alcuni percorsi con scuole romane nell’ambito di un progetto organizzato e finanziato dall’IRRSAE del Lazio e si è dichiarato disponibile a formare gruppi anche ampi di docenti su di una metodologia che appare particolarmente efficace, perché punta sulla collaborazione fra pari. Si resta pertanto in attesa di maggiori informazioni e delucidazioni.

Percorsi di approfondimento della Riforma Si propongono incontri di approfondimento con l’apporto di esperti sulle seguenti tematiche: a) Valutazione e portfolio ( riflettere sul significato del termine “valutare”, delle variabili soggettive e di contesto, della differenza fra valutazione e certificazione, delle tematiche relative agli aspetti docimologici , degli aspetti di oggettività che deve assumere lo strumento portfolio …) b) Tutor (opzioni, indicazioni provenienti dai Collegi, prescrittività della normativa, formazione e requisiti…)
Manariti propone la costituzione di due gruppi di ricerca, animati da un coordinatore, a cui la Rete dia il mandato di produrre, alla fine del percorso, un report che serva a
stimolare la riflessione nei Collegi

Costruire un sito web- 1° e 2° livello Considerato il successo del corso tenutosi nel presente a.s. si propone di ripetere il Corso di 1° livello , se richiesto, da altri docenti e di offrire a coloro che hanno già frequentato un corso di 2° livello. Dal questionario di valutazione finale del corso di quest’anno è emersa la necessità di più ore e di tempi più distesi.

Del Re comunica che la SM “Massaia” realizzerà in proprio i seguenti percorsi di aggiornamento:
Difficoltà di scrittura – grafologia
Corso sulla dislessia con psicologa dott. Rossi

Poiché il Presidente dell’ASAL ha comunicato che arriverà in ritardo, si passa a trattare il
Punto 3 all’odg “Comunicazioni” :
1. Pacher comunica l’offerta del Consorzio “Gioventù digitale” per contratto manutenzione hardware e software delle Scuole della Rete
L’offerta allegata al presente verbale (Allegato n° 2) deve essere discussa con le scuole interessate.
2. Sestilli legge la lettera che ha inviato ai genitori della sua scuola sull’ampliamento del tempo-scuola da 27 a 30 ore per tutti gli alunni delle classi prime e seconde. Del Re presenterà ai genitori, tramite comunicazione scritta, il POF integrato con le attività di laboratorio, con le attività che è stato possibile organizzare con la dotazione organica. Tutti i presenti riconoscono l’esigenza, in questa fase, di comunicare alle famiglie i cambiamenti che si stanno effettuando, a partire dalle competenze e dal numero delle risorse di organico presenti.
Cesarini trasmette la sua impressione molto negativa sul clima diffuso fra i genitori che appare sempre più di disinteresse e di delega alla scuola. L’attuale fase confusa di avvio della riforma aumenta il disorientamento.
3. Pacher ricorda che entro il 15 luglio i docenti sia della scuola elementare che della scuola media potranno iscriversi ai Corsi previsti dal DM 61/2004 (riforma, lingua inglese, informatica)
4. Manariti propone un corso per i DDSS sul tema “Dove va la scuola”


Punto 2 all’odg - Incontro con Paolo Mazzoli, Presidente dell’ASAL

Alle ore 12,30 arriva il DS Mazzoli.
I presenti, dopo avere espresso i motivi per cui alcuni hanno avuto ed hanno ancora perplessità sull’adesione, chiedono a Mazzoli di indicare le convenienze e i motivi che potrebbero spingere le scuole che dirigono ad aderire e formulano la richiesta di poter aderire all’ASAL come Rete dei Distretti XIV e XV.
Mazzoli chiarisce che, dopo un inizio tutto targato ANP, l’attuale fase vede l’ASAL autonoma (non però in contrasto o in competizione) sia rispetto ad altre Associazioni sia ai Sindacati.
In alcune situazioni regionale l’ASAL è ancora un’Associazione “fantasma”, in altre, come il Lazio, è attiva e in crescita costante, in altre, come il Piemonte, oltre ad essere in forte crescita, ha nel gruppo dirigente alcuni DDSS che fanno anche parte degli Organismi dirigenti dei Sindacati.
Nel Lazio il nucleo che ha fondato l’Associazione ha preso coscienza della necessità di superare le appartenenze e di lavorare in comune fra scuole di diversi territori e di diverse caratteristiche, ordini e tipologie.
Fornisce l’elenco delle scuole attualmente aderenti: circa 200.
Il quadro attivo è garantito da circa 65 Scuole delle cinque Province.
Indica gli Organi che curano la gestione dell’Associazione:
- Presidente eletto dall’Assemblea Plenaria
- N.2 Vicepresidenti eletti “ “ “
- Tesoriere eletto “ “ “
- 2 Rappresentanti per ogni Provincia
- 2 Rappresentanti di Reti che hanno aderito in quanto tali
(attualmente sono presenti le seguenti Reti: Ostia Antica, XVI Distretto, Guidonia,Rieti)

L’attività è organizzata da tre Comitati di Settore.
- servizi condivisi
- formazione e qualità della Riforma
- rapporti istituzionale con il MIUR e con gli EELL
La sede del Comitato di coordinamento dell’ASAL è collocata presso la Scuola Superiore “Machiavelli” ( ex “Oriani”), dove il Comitato si riunisce mensilmente.

Mazzoli, entrando nel merito dei motivi che invitano all’adesione, afferma che l’ASAL rinforza la valenza istituzionale dell’autonomia delle Scuole e ne sostiene il coordinamento regionale (in futuro ne sosterrà il coordinamento nazionale, tanto più necessario quanto più si specificherà l’organizzazione e la gestione regionale del servizio scolastico).
Con l’ASAL si pone un problema “di scala”: è una Rete di Reti, ha una interlocuzione con gli EELL, a loro volta interessati a rapportarsi più che a singole Scuole, a soggetti con rappresentanza collettiva.
Salacone chiede come venga garantita la rappresentanza delle componenti Genitori, Studenti, Docenti, in una Associazione alla quale le Scuole aderiscono comunque attraverso delibera dei Consigli di Istituto.
Mazzoli afferma che fino ad oggi la rappresentanza delle Scuole è affidata ai DDSS, che sono, di fatto, coloro che organizzano e gestiscono le iniziative dell’Associazione e rappresentano lo snodo di garanzia dell’autonomia delle singole UUSS . Ritiene che in futuro il tema della rappresentanza dei diversi soggetti della gestione delle Scuole andrà affrontato. Per il futuro prossimo sarebbe forse utile proporre un incontro annuale di tutti i Presidenti dei Consigli di Istituto che avranno aderito all’ASAL.
Per quanto riguarda il costo dell’adesione (E 50 annuali), l’Avvocatura ha dato parere favorevole a tale spesa da parte delle singole UUSS.
Cesarini ribadisce che l’ASAL sarebbe più forte se in ogni Municipio o realtà territoriale operasse una Rete di Scuole. A suo parere sarebbe addirittura auspicabile che l’ASAL stessa promuovesse le Reti nei territori dove esse non esistono.
Mazzoli conferma che si tratta, in effetti, del medesimo problema, cioè di condividere , a livello di piccole e grandi Reti, alcuni codici di comportamento su problemi comuni quali, le autogestioni, i calendari scolastici, gli accordi territoriali…
Trani trova molto interessante confrontarsi in Rete regionale sulle tematiche e le competenze che il Tit. V della Costituzione, riformato, e la L. 112 assegnano alle Regioni e agli EELL.
Ritiene molto utile una Associazione che rappresenti le Istituzioni scolastiche, al di là della appartenenza sindacale dei rispettivi DDSS.
Infine fa notare che l’ASAL può favorire la proposizione e la stipula di Accordi di Programma con Pubbliche Amministrazioni, quali le ASL.

I presenti ringraziano Mazzoli per l’ampio chiarimento e si impegnano a proporre ai Consigli delle Scuole che dirigono l’adesione all’ ASAL entro il mese di giugno.
Il Presidente Mazzoli comunica che la prima Assemblea plenaria del nuovo a.s. si terrà a settembre.

I DDSS presenti decidono che si incontreranno in luglio, in data e luogo che verranno successivamente comunicate tramite il sito della rete.

Si ricorda poi ai presenti che deve essere effettuato il pagamento delle quote sia per l’adesione alla rete che per i corsi di aggiornamento e formazione.
Si ricorda inoltre che dal 1 settembre la collega Perrone andrà in quiescenza e che bisognerebbe trovare l’occasione per salutarla e ringraziarla per il suo fattivo contributo sia alla rete che al territorio.

Ha verbalizzato Salacone


Allegato n° 1


S.A.Psi.C.
Studio Associato di Psicologia Clinica


Premessa.
Negli ultimi anni in Italia si è assistito all’introduzione, dal punto di vista normativo, di alcune stimolanti proposte, che hanno riguardato la pubblica amministrazione in ogni suo servizio (scuola, sanità…). Gli strumenti a supporto della Qualità, come la Carta dei servizi e gli Uffici di relazione con il pubblico (U.R.P.), fanno riferimento, infatti, ad uno specifico modello di funzionamento in cui l’orientamento al cliente diviene la prassi intorno alla quale si costruiscono le modalità di erogazione di un servizio.
Questo sforzo di ripensare le organizzazioni in funzione della soddisfazione del cliente/utente ha coinvolto pienamente la scuola dell’autonomia.
La rete di scuole del XIV-XV distretto di Roma ha messo in piedi dal 2000 ad oggi un interessante lavoro di conoscenza della propria domanda di formazione, di attivazione delle risorse di cui dispone per raggiungere gli obiettivi, comuni o specifici alle singole scuole, in rapporto alla domanda rilevata e in coerenza con il mandato sociale (Mission), di attivazione dei processi di verifica volti a mettere a punto o modificare i servizi attivati.
Per proseguire questo lavoro verso la qualità e l’autovalutazione si intende proporre una riflessione su quali condizioni culturali possano facilitare lo sviluppo della Rete in questa direzione, che vede sempre più la scuola come servizio, con clienti, prodotti, processi, verifiche…
Si propone quindi di integrare l’attenzione al funzionamento organizzativo intenzionale con l’attenzione per le dimensioni culturali che caratterizzano le scuole della rete e i loro rapporti.
Per dimensione culturale si intende l’insieme delle rappresentazioni che della scuola hanno gli alunni, i docenti, le famiglie e tutti i suoi interlocutori diretti e indiretti.
Rappresentazioni che regolano la convivenza all’interno della scuola e l’uso che di essa viene fatto.
L’interesse alla cultura locale che fonda i contesti sociali, da parte della psicologia, nasce dalla constatazione quotidiana che non è sufficiente introdurre una norma o insegnare una tecnica per avere la garanzia di un uso efficace di quanto proposto.
In questo processo saranno considerati due aspetti: da un lato quello di negoziare gli obiettivi formativi al fine di giungere alla rappresentazione della scuola come risorsa, come strumento utile al loro perseguimento; dall'altro di ambiente favorevole che, tenendo in considerazione oltre al rapporto studente/insegnante quello studente/studente, faciliti buone condizioni di lavoro nella scuola.
L’ipotesi d’intervento è basata, dunque, sull’idea di proporre al corpo docente la sperimentazione di attività didattiche basate sul concetto di Interdipendenza positiva, di Interazione promozionale faccia a faccia.
L’interdipendenza positiva è la condizione per cui ogni membro di un gruppo interagisce per raggiungere uno scopo comune, in quanto convinto che solo dalla collaborazione può scaturire il proprio successo e quello degli altri membri del gruppo. L’interdipendenza positiva, come è stato evidenziato da recenti ricerche, conduce a risultati positivi nell’apprendimento, per tutti gli alunni, più o meno capaci, e può aiutare la loro graduale integrazione nella classe.
L’interazione promozionale faccia a faccia raccoglie tutti quei comportamenti che sostengono i membri nel lavoro di gruppo, contribuendo a costruire un clima favorevole alla formazione di una comunità di persone che apprendono le une dalle altre. Tuttavia riunire gli studenti in gruppo e dire loro di cooperare non può essere sufficiente senza una adeguata educazione ad alcune abilità sociali e comunicative fondamentali.
Date queste premesse, la proposta prevede un piano di consulenza e formazione che faccia riferimento ai principi ed alle strategie dell’Apprendimento Cooperativo.

Obiettivi.
In questa ottica l’analisi della cultura locale può costituire la risorsa principale per:
Attivare le risorse del gruppo classe e facilitare il processo di apprendimento;
• Integrare la formazione scolastica con le esigenze formative del territorio in cui la scuola è inserita;
• Prevenire il disagio e le sue implicazioni nel comportamento giovanile.

Tenendo conto della necessità di articolare e specificare gli obiettivi in relazione alle diverse esigenze degli Istituti (diversi per ordine e grado) che aderiranno al progetto ed ai problemi da essi portati, si intende realizzare un gruppo di formazione (GF) composto dagli insegnanti dei diversi Istituti che condurrà l’analisi della cultura locale delle scuole e la formulazione/applicazione delle ipotesi di sviluppo dell’organizzazione, e di un gruppo Meta (GM) per ogni scuola, composto oltre che dagli insegnanti del GF, dal dirigente scolastico e dalle figure obiettivo. Al GM verrà riferito, di volta in volta, il lavoro svolto ed i risultati conseguiti ed avrà il compito di informare e coinvolgere l’intero istituto circa gli obiettivi prefissati e le attività svolte.
Considerando gli interventi nell’ambito della formazione in servizio come occasioni per favorire l’accesso a risorse, gli insegnanti nel corso dell’intervento saranno messi nelle condizioni di creare attività didattiche per mezzo dell’applicazione di metodi e strumenti per:

• Lavorare con piccoli gruppi di studenti in interdipendenza positiva;
• Fornire strumenti per sperimentare esperienze di reciprocit
à,intesa come capacità del soggetto di confrontarsi con l’altro, cooperare, comunicare i propri scopi e negoziare i propri metodi e obiettivi;
Gli insegnanti e l’equipe di psicologi della S.A.Psi.C. saranno coinvolti all’interno di quattro moduli di lavoro.

Moduli Obiettivo Attività Strumenti Tempi
1. Formazione sui modelli culturali e le loro potenzialità a)Concordare linee guida, obiettivi, strumenti dell’intervento a) Analisi delle motivazioni e delle aspettative degli insegnanti rispetto agli incontri ed allo specifico oggetto del servizio proposto dai consulenti
b) Insegnanti e consulenti riflettono e propongono criteri per la progettazione educativa
a)Focus group
b)Analisi di eventi critici
3 incontri di 3 ore
2. La classe come risorsa a)Analisi della cultura locale
b)Gli insegnanti apprendono e sperimentano:
b) la formazione dei gruppi
c) Il concetto di interdipendenza positiva;
d) Il concetto di interazione promozionale faccia a faccia;
a) Esplorazione del modo in cui gli studenti percepiscono e agiscono il contesto scolastico
b) Presentazione dei dati emersi al GM
c) Rassegna concettuale e sperimentazione attività di piccolo gruppo cooperativo
a)Focus group
b)Role Playing, simulazioni
c)Rappresentazioni in gioco
d) Schede di lavoro
4 incontri di 3 ore
3. Identificazione delle linee di sviluppo Promuovere un cambiamento nella cultura locale in direzione degli indicatori di sviluppo identificati Progettazione di strumenti e tecniche per promuovere un cambiamento dei modelli culturali a) Focus group 3 incontri di 3 ore
4. Rapporto tecnico Monitoraggio e verifica dei risultati Il consulente redige il rapporto di ricerca inserendo:
- La verifica delle variazioni nella cultura locale analizzata
- i punti forti e gli aspetti critici emersi durante il lavoro con gli insegnanti,
- Incontro del consulente con il gruppo-meta per la presentazione e la discussione del rapporto tecnico.
a)Focus group
b)Tecniche di analisi del discorso
16 ore +
1 incontro di 2 ore con il gruppo meta (GM)
5. Produzione materiali Il consulente fornisce materiale di supporto alla comprensione e all’applicazione. Redazione di attività di piccolo gruppo cooperativo, di un modello di attività didattica , di strumenti di analisi e valutazione, di schede di esercitazione.   22 ore

 

TEMPI E COSTI


L’intervento si svolgerà nell’arco di un anno scolastico, in date da concordare con la disponibilità della scuola.Il gruppo di lavoro da noi ipotizzato dovrebbe essere composto da circa 25 insegnanti, rappresentanti delle diverse scuole coinvolte nel progetto. E’ previsto il lavoro di 3 consulenti per ogni incontro.

Costi in Euro
Moduli
Quantità
810,00
Formazione sui modelli culturali
9
1080,00
La classe come risorsa
12
810,00
Identificazione delle linee di sviluppo
9
660,00
Rapporto tecnico
18
660,00
Produzione materiali
22
 
Totale Moduli
Totale Ore
70 ore
4020.00
TOTALE
 


L'Associazione è disponibile a qualsiasi chiarimento in merito alla proposta di intervento.
Roma,Lì
03/06/04
Distinti Saluti
S.A.Psi.C.
Studio Associato di Psicologia Clinica

Inizio pagina

Allegato n°2

Roma, 31 maggio 2004

Al Coordinatore della Rete del XIV e del XV Distretto
Dott.ssa Claudia Pacher
Oggetto: contratto manutenzione hardware e software delle Scuole della Rete

Servizio di assistenza in presenza

Durata del contratto 365 giorni dalla data di firma del contratto.
I sopralluoghi saranno effettuati secondo il calendario di seguito riportato. L’intervento sarà finalizzato alla risoluzione dei problemi risolvibili in loco, per altri tipi di guasti l’intervento sarà risolto entro le 48 ore dalla eventuale presa in consegna della macchina su richiesta del Dirigente Scolastico.

Interventi previsti

Settembre 2004
Novembre 2004
Gennaio 2005
Marzo 2005
Maggio 2005

Le modalità di erogazione del servizio potranno subire modificazioni sulla base delle esigenze della scuola.
Il giorno del sopralluogo nei diversi plessi ed il referente sarà vostra cura indicarlo.

Assistenza di base ai servizi Internet

Questo servizio si prefigge l’obiettivo di poter aiutare i docenti e il personale amministrativo della scuola nell’utilizzo del collegamento ADSL, per ovviare sia ad eventuali problematiche nell’utilizzo della connessione Internet che nel servizio di posta elettronica.

Servizio di tele assistenza

Sarà attivato un centro di raccolta delle richieste di assistenza e segnalazione guasti su modello pre-definito fornito dal Consorzio Gioventu’ Digitale, da inoltrare mezzo fax.

Il servizio di assistenza in presenza ha come scopo la riduzione dell’incidenza delle anomalie e dei guasti al parco macchine esistente, ogni PC sarà censito e avrà una scheda tecnica di rilevazione dello stato di manutenzione e conservazione.

Costo del servizio

Per un plesso scolastico €. 500,00 Iva esclusa
Per due plessi scolastici €. 1000,00 Iva esclusa
Per tre plessi scolastici €. 1300,00 Iva esclusa
Per quattro plessi scolastici €. 1500,00 Iva esclusa
Per sette plessi scolastici €. 2750,00 Iva esclusa

Interventi a richiesta

Tutte le attività che esulano da quanto indicato nel servizio di assistenza in presenza, ovvero richieste di intervento estemporanee su chiamata, saranno regolamentate dal seguente tariffario:
• costo orario tecnico specializzato per assistenza hardware e attività sistemistica €.35,00
• le parti hardware di ricambio necessarie per la riparazione saranno indicate al momento della presentazione del preventivo di spesa, e saranno sostituiti solo dopo presa visione e accettazione da parte del Dirigente Scolastico.

La presente offerta che ha la durata di trenta giorni, è valida esclusivamente per le Scuole della Rete del XIV e del XV Distretto e con l’occasione in allegato alla presente, si invia alla Sua attenzione, la proposta di realizzazione di percorsi formativi pratici per i docenti.

Cordiali saluti

Consorzio Gioventù Digitale
Coordinatore Scuole
dott. Romano Santoro

ESPERIENZE PRATICHE GUIDATE


Il Consorzio Gioventù Digitale propone alle scuole della rete del XIV e del XV Distretto un percorso formativo di alfabetizzazione informatica di base per i docenti con l’obiettivo di aiutare la scuola a rinnovarsi, utilizzando tutte le opportunità offerte dalle più moderne tecnologie informatiche e della comunicazione.

In merito all’organizzazione e gestione di attività di formazione, con particolare riguardo al tema della multimedialità, e dello sviluppo di competenze informatiche il Consorzio Gioventù Digitale propone, al corpo docente delle scuole in rete, delle esperienze pratiche guidate (EPG) di breve durata (ogni argomento viene svolto in un unico incontro di 4 ore) volte a garantire una conoscenza reale ed immediata dell’uso delle nuove tecnologie in ambito scolastico.

Le esperienze (EPG) condotte da personale qualificato del Consorzio sono relative ai seguenti temi:

1. Aggiornamento degli antivirus;
2. Gestione del Server scolastico;
3. Presentazioni in Power Point;
4. Realizzazioni di ipertesti.

Costi
Il costo di ogni EPG è di €. 150,00 (IVA esclusa) per un massimo di 4 – 5 partecipanti.

Durata
Il corso avrà una durata di quattro ore per ogni modulo.

Modalità
Le esperienze pratiche potranno essere svolte presso l’istituto scolastico di appartenenza.


Attestati
Al termine di ogni EPG è previsto un attestato di frequenza e del materiale didattico (in forma cartacea o multimediale).

DESCRIZIONE EPG

Aggiornamento degli antivirus
Esperienza pratica guidata orientata alla conoscenza dei migliori sistemi di sicurezza dei PC scolastici e loro aggiornamento.

Gestione del Server scolastico
Esperienza pratica guidata orientata alla gestione operativa e alla conoscenza delle problematiche legate alla gestione del server e della rete dei PC. Della scuola

Presentazioni in Power Point
Esperienza pratica guidata volta alla conoscenza attiva dei software per la realizzazione di presentazioni ad uso scolastico. Illustrazione e implementazione di una presentazione in Power Point sulle attività didattiche della Scuola.

Come si realizza un ipertesto
Esperienza pratica guidata orientata all’implementazione di un testo multimediale ad uso didattico.

Inizio pagina


VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL GIORNO 11.05.04


Il giorno 11/05/2004 alle ore 9.00 presso la Presidenza dell’IPSIA Europa si sono riuniti i Dirigenti Scolastici delle Rete di scuole del XIV e XV distretto per discutere i punti all’o.d.g.

O.D.G.
1) Comunicazioni
2) Adesione all’ASAL
3) Situazione riforma- organici
4) Scelta dei libri di testo

Sono presenti

Dirigenti Scolastici Scuola
SALACONE 126 C.D.
BINDI 77° C.D. – BELLI
CIFERRI 82° CD
DIONISI PAVONI
PASSARO TRILUSSA
FERLISI 34°C.D. M. T. CALCUTTA
SANTORO 132°C.D. – PIROTTA

COLCERASA
19°C.D. TOTI
PACHER I.C.VIA DE MAGISTRIS
PETROCCA BENEDETTO DA NORCIA
CORNACCHIA 25°C.D. VESPUCCI
ERMILI SMS PARRI
MARINA DEL RE SMS MASSAIA

 

Partecipa alla riunione il D.S ZENE del 244°C.D.- DISTR. 40
Verbalizza Salacone

Punto 1
Pacher comunica che il giorno 11 MAGGIO avverrà l’inaugurazione de “ La Città Educativa” struttura realizzata dal comune di Roma, Assessorato alle politiche educative in un’ala della Scuola Media statale “D. Bosco”, in via del Quadraro, per favorire l’incontro fra la cultura della città e la scuola. Sarà presente il Sindaco.
Comunica inoltre che il giorno 18/05, nell’ambito del Forum sulla pubblica amministrazione, si terrà una conferenza sulla Rete di servizio promossa dalla Direzione Regionale per il Lazio dalle ore 14.30 alle 17.00.
Per quanto riguarda le comunicazioni interne alla nostra Rete, informa che si sta avviando il centro servizi per le segreterie delle scuole del XIV e XV distretto.
Per tale servizio ha mostrato interesse la Direzione Regionale per il Lazio , che vi ha visto un possibile prototipo da sperimentare e successivamente generalizzare in altri territori.
Si concorda che venga firmato dalla stessa DS Pacher, in qualità di coordinatore della Rete, l’eventuale Protocollo di Intesa con la Direzione Regionale per il Lazio.
Per tale servizio ogni scuola, oltre a versare la quota di adesione alla Rete per l’anno in corso (euro 256) dovrà versare una quota di euro 500 per la gestione di tale servizio che avrà inizio da questo mese di maggio con le ricostruzioni di carriera.
Pacher invita ancora a valorizzare il sito di Rete e comunica che da febbraio ad oggi ci sono stati ben 3000 circa visitatori e suggerisce che occorre arricchire il compenso per la prof.ssa Talamonti che attualmente si occupa della gestione di tale sito.
In futuro si potrà dare tale compito ad un docente fra quelli che stanno arricchendo la propria formazione in tale campo.

Punto 2
Salacone e Cornacchia informano sulla struttura e le finalità dell’ ASAL, che attualmente ha cambiato Presidente e ha rinnovato in parte le adesioni, alleggerendo la connotazione di forte legame con l’ ANP che aveva in precedenza.
Cornacchia afferma che quando era in servizio nel XVI distretto attraverso l’ ASAL si sono ben gestiti rapporti con il locale Municipio e con le locali associazioni.
Si prende atto della riuscita del convegno organizzato dall’ASAL sulla Riforma, ma anche della assenza di un programma dettagliato ricavabile dalle informazioni contenute nel sito dell’associazione.
I presenti decidono di invitare il presidente Paolo Mazzoli al prossimo incontro di Rete per ottenere ulteriori informazioni e verificare la possibilità di aderire all’ ASAL come Rete di scuole del XIV e XV distretto.

Punto 3
Colcerasa comunica che nella rivista “Scuola oggi” Fabrizio Da Crema si dichiara favorevole a “leggere” nella normativa l’idea del tutor diffuso e ad assegnare ai team e ai consigli di classe il compito di definire chi, come e quando dovrà agire le suddette funzioni tutoriali. Peraltro nominare oggi alcuni docenti “tutor” sarebbe rischioso, perché appare difficile definire compiti e responsabilità che possano non essere attribuiti all’intero gruppo docente. Lo stesso Ministro ha riconosciuto inoltre, in un incontro recente con le OOSS che tale figura, oggi inesistente, deve essere oggetto di trattativa sindacale.
Colcerasa comunica ancora che è pronto il decreto sull’alternanza scuola- lavoro e che, da informazioni sindacali, sembra che verrà inviata al più presto una circolare sull’avvio graduale della Riforma.
Salacone propone che rispetto alle indicazioni nazionali e al portfolio ci si limiti a studiare i contenuti dei documenti, ancora transitori e vengano invitati i gruppi di lavoro creatisi in seno ai Collegi dei docenti ad elaborare documenti snelli entro la fine di giugno, da sottoporre successivamente a confronto e sulla base dei quali organizzare in settembre un seminario.
Per le materie opzionali Ferlisi comunica che ha riconvocato tutti i genitori i quali hanno accettato di integrare l’orario del primo ciclo, arrivando a trenta ore.
Si discute sull’argomento se riaprire o no la consultazione delle famiglie sull’impianto orario.
Pacher dichiara che, poiché le famiglie hanno già scelto a gennaio un modello orario, tale modello debba comunque essere accettato.
Salacone ed altri ritengono invece che,successivamente alla comunicazione dell’organico per il 2004/05, sia corretto e non contraddica quanto già deliberato dai dirigenti di Rete, che le scuole arricchiscano l’offerta oraria minima, alla luce delle nuove discipline inserite nel curricolo. Ciò che resta inopportuno, viceversa, è proporre una serie di opzioni alle famiglie, laddove i collegi sono titolari unici della elaborazione dell’offerta formativa, che deve soltanto essere condivisa con le famiglie.

Punto 4
Le scuole stanno verificando la possibilità per le case editrici di fornire libri impostati secondo i programmi ancora vigenti e non secondo indicazioni transitorie.
Non sempre le case editrici dichiarano di poterne fornire.
Si ribadisce la legittimità di scelte alternative.

Il prossimo incontro si terrà il giorno 03/06 alle ore 9.30 con il seguente ODG

1) Comunicazioni
2) Incontro con presidente ASAL (confermato)
3) Esame delle delibere e dei documenti già pervenuti dalle scuole

Ha verbalizzato Salacone

Roma, 19/05/2004
Inizio pagina


VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL GIORNO 20.04.2004

Il giorno 20/04/2004 alle ore 9.00 presso la Presidenza dell’IPSIA Europa si sono riuniti i Dirigenti Scolastici delle Rete di scuole del XIV e XV distretto per discutere i punti all’o.d.g..
Sono presenti
Dirigenti Scolastici -Docenti referenti -Scuola
SALACONE                                          126 C.D.
BINDI                                                    77° C.D.  BELLI
TOSTI I.C .                                           VALENTE
TETI                                                      TONIOLO
DIONISI                                                PAVONI
PASSARO                                           TRILUSSA
FERLISI                                                34°C.D.  M. T. CALCUTTA
DI                                                          SAN BENEDETTO
SANTORO         BANDETTINI        132°C.D. – PIROTTA
COLCERASA                                      19°C.D. TOTI
PACHER                                               I.C.VIA DE MAGISTRIS
SESTILI                                                21°C.D. CECCONI
PETROCCA                                         BENEDETTO DA NORCIA
ANGELISTA                                        117°C.D. TROISI
CORNACCHIA                                    25°C.D. VESPUCCI
TRANI                                                  4°C.D. PISACANE
MARINA DEL RE                               SMS MASSAIA
CESARINI                                            81°C.D. MARCO POLO

Partecipa alla riunione il D.S ZENE del 244°C.D.- DISTR. 40
Verbalizza Pacher.

Pacher comunica ai presenti che, nell’ultimo mese, hanno aderito al protocollo di rete la S.M.S Pavoni, il Liceo classico Benedetto da Norcia e l’IPSIA V.Woolf

Prima di iniziare la discussione sui punti all’o.d.g. il D.S. Bindi pone ai colleghi il problema del pagamento della T.A.R.S.U..
Nelle scuole del Comune di Roma stanno giungendo le bollette di pagamento della tassa rifiuti solidi urbani relative all’anno 2003 e/o agli arretrati fino al 2001 o 2002.
La circolare n. 2 del 29.05.2002 del Dirigente dell’Ufficio II del C.S.A. di Roma avvertiva di richiedere il finanziamento necessario al pagamento della Tarsu del solo anno 2002.
Con circolare prot. n. 41802 del 23.09.2003 il Direttore Generale chiedeva ai competenti uffici comunali di Roma di sospendere l’invio di tali richieste di pagamento alle singole scuole, i cui bilanci non permettono l’assolvimento di oneri non previsti nel bilancio stesso né iscritti tra i residui di gestione e di comunicare gli elenchi delle II.SS. con i relativi importi, onde permettere di predisporre un piano per il finanziamento di quanto reclamato, se dovuto, con conseguente richiesta di fondi al M.E.F.
I Dirigenti scolastici della Rete del 14° e 15° Distretto, nella fase attuale, visti i termini immediati consentiti per effettuare i versamenti e le previste sanzioni per il ritardato pagamento, concordano di richiedere di dar seguito a quanto pianificato nella circolare sopra citata, corrispondendo direttamente, in accordo con gli uffici comunali, i pagamenti dovuti forfetariamente per tutti gli II.SS. di Roma, evitando in tal modo la confusione attuale.
Si decide all’unanimità di inviare all’Ufficio Scolastico Regionale nella persona del dott. De Santis e al C.S.A. nella persona della dott.ssa Palermo tale richiesta.

Si passa quindi al 1° punto all’o.d.g.

I presenti sono invitati a riferire come si stanno movendo le singole scuole rispetto all’attuazione della riforma.
Si riporta di seguito la sintesi degli orientamenti delle scuole

Dionisi – PAVONI Meno cambiamenti possibili,
Consegnati modelli ai genitori per la scelta del monte ore ore (27/30/33)
Non è stato affrontato il problema Tutor
TrilussaIl collegio accoglie le proposte del Tutor formulata dai DD.SS. della rete
Tempo scuola minimo a 30 ore per tutti
34° C.D.Presentata proposta DD. SS. conclusiva –
Tempo scuola tutto a 30 ore,
Distribuito modello a tutte le classi .
Tutor di ambito
San Benedetto Non si muove niente
Pirotta Collegio favorevole alla proposta delle DD. SS. X il Tutor.
Incerta le 30 ore
Toti Come Pirotta Sul Tutor si deve lavorare /giugno
De Magistris Il Collegio si deve ancora pronunciare.
C’è stato un invito del Consiglio di Istituto
Cecconi Gruppo di studio – emerse proposte di orario come l’anno precedente
Vespucci Il Collegio si deve ancora pronunciare
Gruppo di studio
Troisi Su proposta docenti e RSU hanno deliberato la proposta dei DD.SS. della Rete
126°C.D. Il Collegio ha approvato il tuto diffuso
Belli orario a 30 ore x tutti,
le 3 ore aggiuntive x approfondimenti disciplinari
sul Tutor diffuso ancora da discutere
Via Valente Opzionale inserito nel P.O.F.
pacchetti da 30/33 ore,
approfondimenti disciplinari x le discipline che perdono ore
Funzione tutoriale rinviata al prossimo Collegio
Toniolo Aspettando l’organico
Funzione Tutoriale come proposta DD. SS.
Massaia Aspettando Organico
Problema dei Libri di testo poiché nella scuola vige la banca del libro
Pisacane Ancora il gruppo lavora, non è stato prodotto
opinioneone diffusa: mandare avanti il P.O.F.
Coordinatore equipe pedagogica
M.Polo Collegio si è pronunciato sulla necessità di mantenere l’organizzazione della L. 148 /
Tutor diffuso
Problema di organico


Bandettini suggerisce di raccogliere i documenti delle scuole.

Si avvia un confronto riguardo al tutor diffuso:
Salacone interviene sottolineando che dei 5 compiti assegnati alla funzione tutoriale solo 1 (raccolta della documentazione) può essere individuale e per gruppi alunni. Le altre 4,se sono collegiali, vanno gestite da tutto il team. L’operazione è legittima perché la 29 dice che il portfolio deve essere collegiale.
Il Tutor dovrebbe diventare anche nelle elementari come il coordinatore della scuola media. Alcune situazioni possono richiedere soluzioni ad hoc decise però dal cons. di classe.

Riguardo al problema delle 18 ore si sottolinea che nel decreto non è specificato 18 ore d’insegnamento su un solo gruppo classe e che le 18 ore per la scuola elementare costituiscono il tetto minimo.
Pacher interviene sottolineando che se la funzione tutoriale rientra nella funzione docente non si capisce perché ridurre i tempi di insegnamento a 18 ore quando il CCNL prevede per la scuola elementare 22 ore.

Bindi suggerisce di invitare alla prossima riunione gli Ispettori di zona.

Il confronto sul portfolio viene rinviato alla prossima riunione prevista per il giorno 11 maggio.
Santoro consiglia una pubblicazione di Dominici sul dossier dell’alunno che lei stessa mette a disposizione delle scuole della rete.

2° Punto: Circolare libri di testo
Salacone enuncia le possibilità dei Collegi rispetto all’adesione dei libri di testo:
1. Scegliere libri di testo secondo il vecchio ordinamento se ancora sono disponibili
2. scegliere libri alternativi

Bindi:
1. gli insegnanti delle 5’ scelgono x le prime classi
2. le prime scelgono x le future 2’ e 3’ (primo biennio)
3. Il problema è per le attuali 2’ che devono scegliere x la 3’ (secondo anno del biennio)
4. Le attuali 3’ e 4’ confermano



• Il 3° punto all’o.d.g. viene rinviato al prossimo incontro stabilito per le ore 9.00 del giorno 11/05 presso IPSIA EUROPA.

Si stabilisce la prossima riunione dei docenti referenti di rete per il giorno 3 maggio alle ore 17.00 presso S.M.S. San Benedetto. Saranno presenti anche alcuni DD.SS.
Inizio pagina


VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL GIORNO 11.12.2003


Presenti: Colcerasa, Cornacchia, Cesarini, Del Re, Manariti, Passera, Salacone, Sestilli, Teti, Titone, Trani.

Salacone, facendo riferimento al verbale del Gruppo ristretto che istruisce i lavori dell'incontro in plenaria, indica l'odg proposto per l'odierno incontro:
1. adesione aggiornamento su piattaforma informatica proposto dal MIUR
2. adesione aggiornamento di Rete
3. organizzazione degli incontri in plenaria
4. eventuali e varie

Titone, prima di affrontare gli argomenti all'odg, informa sulla posizione dei Sindacati confederali relativa alla valutazione dei DDSS. Le OOSS invitano i DDSS a rifiutare la partecipazione ad una sperimentazione che parte in maniera difforme rispetto a quanto concordato. In particolare sono da rifiutarsi i seguenti elementi:
La scelta dei valutatori da parte della Direzione Regionale (senza terziarità e quindi senza garanzia di imparzialità)
l'assenza di collegialità ( la valutazione di ogni dirigente è affidata ad un valutatore e ad un amministrativo)
la mancanza di chiarezza sulla preparazione dei "valutatori"
la mancanza di condivisione nella definizione degli obiettivi e delle modalità della valutazione
Quanto sopra, peraltro, si aggiunge ai gravi ritardi dell'Amministrazione nel rinnovo del contratto già scaduto, per il quale non si è ancora fissato nessun incontro.

Nelle suddette condizioni la CGIL SCUOLA invita a non collaborare alla sperimentazione con la quale si dovrebbero validare gli strumenti della valutazione.
L'Amministrazione ha già individuato i DDSS che verranno chiamati a sperimentare ( per i distretti XIV e XV i DDSS dei seguenti Istituti: Benedetto da Norcia, Kant, SM via Tor de' Schiavi, IC Parri, Circoli didattici 34°, 77°, 4, °16°)
In alcune Province, come a Frosinone, il rifiuto ha interessato tutti i DDSS ed ha preceduto l'individuazione del campione del 20%.
I presenti discutono e decidono di compilare una lettera - tipo , sulla falsariga di quella proposta dalla CGIL.
Viene letto il verbale del Gruppo ristretto e si affronta l'odg proposto.

Per il punto 1 all'odg si apre il dibattito sull'aggiornamento proposto dal MIUR e sulle posizioni di alcuni Collegi.

Sestilli ha consultato la DS Manco la quale ha affermato che forse la Rete si potrà accreditare presso il MIUR per la gestione dell'aggiornamento stesso.
Dal 22/12 l'Amministrazione deciderà la scelta dei tutor e delle scuole sede dell'aggiornamento, fra quelle che si sono proposte.
Per la lingua inglese c'è l'intenzione di riutilizzare le scuole presso cui si sono tenuti i Corsi di prima Formazione.
Per quanto riguarda i tutor di rete non si conoscono ancora i requisiti e non è possibile entrare nel sito per iscriversi.
Se alla Rete verrà assegnata la gestione della formazione per ambedue i campi, inglese e informatica, sarà la Rete stessa a individuare i tutor, fra quelli che hanno già operato nei due campi.
Molti Collegi si sono pronunciati contro la partecipazione alla formazione che viene proposta prima che i decreti attuativi siano approvati e risponde ad un impianto di riforma non condiviso da una ampia parte di operatori della scuola primaria (alcune delibere in merito sono pubblicate nel sito di Rete).
Alcuni Collegi sono disposti a partecipare, a patto che l'organizzazione dell'aggiornamento sia affidata alla Rete.
Alcuni fra i DDSS presenti fanno notare l'ambiguità della situazione e invitano tutti a discuterne nei Collegi.

Per il punto 2 all'odg

Del Re presenta il progetto di aggiornamento- informazione sull'EDA dal titolo "La Formazione degli Adulti e la Rete di Scuole del VI e del VII Municipio"e le Proposte di Lavoro accluse (il Progetto è inserito nel sito di Rete).
Per la rilevazione dei bisogni formativi della popolazione adulta propone di far compilare un questionario dai genitori disponibili a collaborare di due classi prime di ogni ciclo di tutte le scuole della Rete.
Nella rilevazione e nella lettura dei dati sarà opportuno coinvolgere anche i Municipi.
Il punto di arrivo del Progetto sarà un incontro in primavera per la presentazione di Protocolli fra le Scuole e gli altri soggetti dei due territori, per la presentazione delle attività svolte dai CTP di zona nel quinquennio e di quelle proposte per i futuro.
La giornata di riflessione acquista un interesse particolare, anche alla luce dei silenzi della riforma Moratti sul settore EDA delle incertezze e dei tagli e delle ambiguità per cui, nel Lazio i fondi europei hanno finanziato solo progetti presentati da privati.

Per quanto riguarda le altre proposte di aggiornamento di rete propone di aggiungere alle tematiche già individuate le seguenti:
Bullismo
Scrittura e segni grafologici

Sul complesso dei punti all'odg si esprime Titone
È d'accordo con quanto indicato dal Gruppo di lavoro ristretto;
Ritiene utile scegliere per ogni incontro non più di due argomenti, sui quali prepararsi per effettuare approfondimenti (fatte salve le comunicazioni su problemi sopravvenuti che vengano proposti come urgenti).
Per quanto riguarda le iscrizioni all'a.s. 2004/05, non essendo ancora pervenute disposizioni, invita a non dare certezze all'utenza (ritiene personalmente che i termini scorreranno al mese di marzo)
Infine consiglia di leggere il parere dell' ANCI sulla Riforma che giudica serio, efficace e molto ben articolato .
A proposito delle iscrizioni Passera sa per certo che il dott. Capo sta preparando una Circolare sulla falsariga di quella dello scorso anno scolastico


Manariti propone che , poiché la comunicazione informale è uno degli aspetti di interesse della Rete, la prima delle due ore previste per ogni incontro mensile resti a ciò dedicata

Trani affronta varie tematiche:
propone che si incentivi il docente referente di Rete .
Ritiene che, come legali rappresentanti dell'Amministrazione, sia nostro compito spiegare i temi della Riforma ai genitori, anche a quelli della scuola dell'infanzia comunale; invita anche lei, a tale proposito, a pubblicizzare il parere dell' ANCI.
· Propone che il progetto "adozioni a distanza di scuole dell'Angola" del VI Municipio venga fatto proprio dalla Rete e divenga anche oggetto di percorsi didattici.
Chiede di inserire fra i percorsi sperimentali della Rete le ricerche sulla lettura della Prof. Oliverio Ferraris.
Chiede di esaminare la questione del pagamento della NU e di trovare una risposta comune di Rete . (I presenti fanno presente che è dovuto solo il pagamento per il 2002, non quello per gli arretrati e che per il futuro si dovranno richiedere chiarimenti sul trasferimento dei fondi da parte del MIUR).
Chiede di far presente come Rete l'insufficienza del sistema SISSI, che troppo spesso presenta errori gravi ad esempio anche riguardo i contratti per i docenti precari.

Tutti i presenti deliberano quanto segue:
1. Si preparerà una lettera comune per il pagamento della NU, dopo aver accertato quanto spetta alle scuole e da quale anno
2. Si dà mandato a Cesarini di preparare una lettera riguardante la valutazione dei DDSS, che verrà firmata da tutti e, possibilmente, verrà letta nella riunione convocata per il giorno 15/12 presso la direzione regionale del Lazio
3. Si dà mandato ai DGSA di preparare una lettera sugli aspetti deficitari del sistema informatico, facendo preciso riferimento agli errori nei contratti per i precari.
4. Si solleciterà presso la direzione regionale l'assegnazione dei fondi, già richiesti, per la gestione di Rete dell'aggiornamento sulla legge 626 (In assenza dell'assegnazione dei finanziamenti, le scuole della Rete stanno anticipando, attingendo ai fondi della legge 440, relativi all'autonomia Qualunque nuovo corso sarà realizzato solo dopo che si sarà ricevuta certezza dell'assegnazione dei fondi).

Per quanto riguarda l'aggiornamento si delibera di mettere in rete i numeri delle attuali adesioni.
La situazione verrà aggiornata nell'incontro del giorno 12/1/2004. I Corsi che verranno attivati saranno finanziati con i fondi che le scuole riceveranno ai sensi della L 440. Si delibera che ogni scuola partecipi con finanziamenti proporzionali al numero dei docenti che parteciperanno ai corsi.
Ciò dovrà valere anche per l'aggiornamento del personale ATA, per il quale andrà anche chiarita la tipologia dei corsi.

La prossima riunione si terrà presso l'IPSIA Europa il giorno 12/1/2004, alle ore 10,30 (cadendo l'11 di domenica), con il seguente odg:
1. iscrizioni
2. situazione decreti attuativi della Riforma
3. valutazione DDSS
4. DM 61 e aggiornamento
5. Definizione e approvazione progetto EDA
6. Adesioni definitive all'aggiornamento di Rete e organizzazione del Calendario dei Corsi.

La riunione si chiude alle ore 14.
Ha verbalizzato Salacone

Inizio pagina


VERBALE RIUNIONE D.S. SCUOLE DELLA RETE
11NOVEMBRE 2003
Il giorno 11/11, presso l'IPSIA Europa si tiene l'incontro della Rete delle Scuole del XIV e XV Distretto sono presenti i Dirigenti Scolastici
dei Circoli 4°, 16° 19°, 21°, 25°, 77°, 81°, 107°, 117°, 126°, 132°
delle Scuole Medie Parri, Massaia, San Benedetto, Toniolo, Piranesi e dell'IC De Magistris
delle Scuole Superiori Kant , Ipsia Europa, IISS Via Aquilonia.

O.d.G.
1)Percorsi di formazione e aggiornamento
Eventuali e varie

Pacher chiede che le scuole aderiscano alle proposte di aggiornamento/formazione già indicate nel sito:
1) Autovalutazione (organizzazione interna degli istituti)
2) Legge 626
3) Qualità
4) Sito web
5) Disturbi apprendimento/dislessie,disgrafie,discalculie
6) Percorso intercultura CIES
7) Gruppo studio su Riforma Moratti
8) Percorsi DGSA

Perrone comunica che L'Ipsia Europa ha ricevuto un finanziamento dal Ministero per un portale di supporto ai servizi amministrativi della scuola. I DGSA proporranno la formazione per gli ATA delle scuole: verrà richiesto un contributo alla Rete.

Marina del Re fa notare che fra le iniziative di Rete mancano proposte relative all'EDA. Personalmente sta preparando una convenzione con il Municipio VII e la ASL per il coordinamento dell'offerta formativa del territorio. Si tratta di:
· fare un'indagine conoscitiva su dispersione e bisogni concreti di formazione
· produrre comunicazioni sui CTP
· riproporre il protocollo già stilato nel territorio di VII per l'EDA nel 2001
· comunicare quanto esiste rispetto al coordinamento dei CTP
· promuovere e rilanciare la formazione per extracomunitari anche genitori.

Alcuni Dirigenti Scolastici propongono di collegare i problemi dei CTP con quelli del biennio della scuola superiore.
La preside dell'Ipsia comunica che presso la sua scuola si attiverà un corso serale per odontotecnici.
Si propone una giornata di incontro sull'EDA che riassuma le precedenti tematiche e veda come attore anche l'Ente locale.
Si da mandato a Marina Del Re di formulare un progetto su tutta la materia.

I Dirigenti Scolastici del 21° e del 25° Circolo e la Preside della Scuola Media Massaia comunicano che il Servizio Materno Infantile che opera in VII Municipio (ASL RM B) sta realizzando formazione per i docenti sulle tecniche psicologiche in relazione all'apprendimento, con l'obiettivo di formare, con un percorso di un biennio, nuclei di docenti esperti nelle scuole.
Poiché la ASL chiede un riconoscimento formale alla Rete, i Dirigenti presenti danno mandato ai Dirigenti Scolastici Cornacchia e Sestilli di inviare una lettera con cui la Rete chiede alla ASL RM B di presentare un progetto che, puntando sulla prevenzione, promuova la formazione dei docenti delle scuole, utilizzando le diverse professionalità presenti presso i presidi ASL del Municipio VII.
La Rete si impegnerà a promuovere il progetto presso le Scuole.

Salacone invita i D.S. che non lo abbiano ancora fatto a trattare nei Collegi l'argomento "Piano di formazione".
Su proposta di Pacher si delibera che il g. 19 alle ore 16:45 presso la Scuola Trilussa, V.Anagni, 48, si invitino ad un incontro i docenti referenti di Rete per esaminare le proposte di aggiornamento e formazione promosse dalla Rete, integrarle e rinviarle ai propri Collegi.
Saranno presenti le Dirigenti scolastiche Colcerasa e Pacher.
Titone ricorda che i piani di aggiornamento vanno deliberati entro il 30 ottobre e che si assiste negli anni ad un ritardo nella tempistica.
I Collegi che abbiano già deliberato piani di aggiornamento sono invitati a metterli a confronto con le proposte di Rete.
Salacone ricorda che la Rete amplia le opportunità. Ripropone la necessità di far circolare le informazioni.
Del Re chiede che i referenti delle scuole abbiano prima effettuato un'indagine sui bisogni formativi dei propri collegi.
Pacher ricorda che non si tratta solo di discutere dell'aggiornamento ma di promuovere alcuni gruppi di lavoro.
Colcerasa esprime l'opinione che rispetto alle proposte di Rete i docenti possano aderire, non vincolando l'adesione alla delibera dei propri collegi. E' però necessario indicare, oltre alle proposte, i periodi di massima in cui le attività di aggiornamento verranno effettuate.

Per la 626 il Dirigente Cesarini comunica che non vi è ancora risposta da parte della Direzione Regionale sulla richiesta consorziata di fondi, alla quale hanno aderito 23 scuole. Se non arriveranno nuovi finanziamenti non vi saranno più risorse di Rete e qualunque nuova iniziativa andrà a carico delle scuole.
Comunica che ha ricevuto una efficace proposta per la formazione degli addetti ai servizi di prevenzione (almeno 1 per plesso) e per i responsabili della sicurezza. La proposta è costosa perché prevede due giornate full time, ma potrà essere ricontrattata.
Salacone chiede che, se arriveranno nuovi fondi, si tenga un corso per Dirigenti Scolastici.

Cesarini e altri Dirigenti chiedono se le scuole dovranno mettere a disposizione una quota per l'aggiornamento. Dopo ampia discussione si decide che tale contributo sia facoltativo. In particolare:
· Alcuni percorsi di aggiornamento saranno proposti dalla Rete e pagati direttamente con i fondi di Rete
· Alcuni percorsi saranno organizzati da scuole che si colleghino in microreti
· Alcuni gruppi di lavoro verranno direttamente finanziati dalla Rete per realizzare ricerche o sperimentazioni di interesse comune a tutte le scuole della Rete
· Alcuni percorsi di aggiornamento, realizzati con i fondi delle singole scuole, saranno aperti alla partecipazione delle altre scuole

Neri comunica che è pervenuto alla sua scuola un contributo dell'IRRE Lazio per la pubblicazione della ricerca di storia realizzata da scuole della Rete nell'a.s. 2001/2002. Si decide che Cesarini risponda con lettera che il contributo viene acquisito nel bilancio della Rete, comunicando all'IRRE Lazio che la pubblicazione è già stata realizzata e inviandone una copia all'IRRE.

Perrone comunica che ha ricevuto una ispezione della ASL RMC, su denuncia relativa alla situazione di locali e laboratori della scuola. La suddetta ispezione è avvenuta con modalità di rispetto e comprensione, pur essendo stata rigorosa. Si chiede se tale atteggiamento non indichi che i rapporti delle scuole con le ASL, al di là di alcuni automatismi dovuti per legge, stiano migliorando ed entrando in una fase di maggiore attenzione alle problematiche complessive che ogni scuola si trova ad affrontare.

Cesarini comunica che le banche di quattro scuole, versando alla Rete il contributo previsto, hanno trattenuto Euro 5.00. E' necessario che le scuole recuperino tale cifra e integrino quanto non versato nel bilancio di Rete.

Alle ore 13.00 la riunione plenaria si chiude.

Restano i DDSS interessati al progetto "Orientarsi in Rete".
Pacher fa notare che tale progetto deve godere di maggiore attenzione da parte dei DDSS, i quali rispondono direttamente dei risultati presso il Comune di Roma, che finanzia il progetto.
Viceversa, riceve richieste di informazione da parte dei docenti su argomenti più volte comunicati e su notizie presenti nel sito. Sembra che i docenti siano mandati, in un certo senso, allo sbaraglio.
Alcune scuole hanno deciso di non partecipare, molto in ritardo, impedendo così di entrare ad altre scuole. Pertanto le classi virtuali da 10 sono diventate 9. Fornisce di nuovo informazioni sul piano finanziario del progetto che paga direttamente le seguenti voci:
· Il gruppo di progetto centrale (5 persone)
· Il gruppo di progetto delle scuole (1 referente di classe più qualche docente)
· Le ore del tutor
· Le ore del referente di classe.
Ogni altro docente impegnato è pagato dalla scuola.
In molte situazioni il gruppo di progetto ha coinciso con il gruppo che ha sperimentato; dove il gruppo di progetto è stato più ampio del previsto, la scuola ha integrato con propri fondi.

Per quanto riguarda la formazione fa notare che il percorso sulla comunicazione a distanza è obbligatorio per i tutor e per i referenti. Quello sul Compito reale è obbligatorio per i referenti e aperto, ma non obbligatorio, per i gruppi di progetto. Qualora il gruppo di progetto fosse stato già formato sulla parte teorica, potrà realizzare solo la parte di formazione pratica (che è, comunque, obbligatoria per i referenti).
Non è previsto pagamento per i momenti di formazione, mentre si potrà prevedere il pagamento per alcuni tempi di progettazione.

Manariti conferma che già dallo scorso anno i docenti interessati al progetto hanno avuto la percezione di essere abbandonati a se stessi dai DDSS e dai Collegi.
Perrone afferma che nelle scuole vi è scarsa comunicazione e diffusione anche perché intervengono sentimenti di gelosia nei confronti dei docenti che sperimentano, sia pure su mandato e delibera dei Collegi stessi.

La riunione si chiude alle ore 14.00.

Ha verbalizzato Salacone

Inizio pagina


VERBALE RIUNIONE D.S. SCUOLE DELLA RETE
3 LUGLIO 2003 E 7 LUGLIO 2003


Il presente verbale si riferisce all'incontro del 3/7/2003 e all'aggiornamento dello stesso del 7/72003.
o.d.g.
1) valutazione di fine anno del progetto "Orientarsi ..in rete"
2) intervento operatrici CIOFS FP (ore 11)
3) valutazione delle attività di Rete dell'a.s. 2002/03 e organizzazione della Conferenza di servizio della Rete da tenersi a settembre 2003-07-09
4) eventuali e varie

Alle riunioni partecipano i DDSS Cesarini, Colcerasa, Cornacchia (solo alla riunione del 7/7) , Ferlisi, Pacher, Salacone, Teti(solo alla riunione del 7/7); l' ins. Talamonti, coordinatrice / esperta del progetto "Orientarsi in rete"; il dott. Manariti e il dott. Giancola (solo alla riunione del 7/7) , collaboratori esterni della Rete.

Per il punto 1 all'odg (verbale di Claudia Pacher)

Per il punto 2 all' odg intervengono due operatrici di un centro di formazione professionale che descrivono i Corsi ( della durata di due o tre anni), finanziati dalla regione Lazio tramite i fondi europei, che si tengono presso i Centri CIOFS per alunni che hanno abbandonato la scuola , ovvero che , al termine della terza media non si sano iscritti alla scuola superiore, ovvero che abbiano un primo anno parzialmente frequentato.
La finalità, oltre che quella di offrire corsi con alternanza di scuola, di tirocinii e stage , è quella di reinserire, ove possibile, i ragazzi nel percorso scolastico ; ove è necessario, è offerto anche un servizio psicologico.
Ogni Centro ha stilato un protocollo con una scuola superiore statale, per co-progettare la parte di percorso di apprendimento generale (parte delle ore vengono svolte dalla Scuola statale), riservando la parte di formazione professionale agli operatori del Centro.
Dopo un primo periodo di sperimentazione effettuato con un protocollo della regione Lazio, questa tipologia di percorso è attualmente "a regime".
Dal presente anno i Corsi per alunni al di sotto dei 18 anni sono passati in competenza alla Provincia.
Nel territorio del VI Municipio la scuola di riferimento è l'Istituto Tecnico XX.
Attualmente i Corsi sono, di norma, triennali (e consentono un possibile rientro scolastico per il conseguimento del diploma) e riguardano gli ambiti :"turismo", "segreteria" "operatore aziendale".
Le scuola del territorio (il Centro ha sede presso l'Istituto salesiano del quartiere Tuscolano) inviano al centro alunni a forte rischio di dispersione già ad anno scolastico iniziato.
Le operatrici si rendono disponibili per informare famiglie, alunni, Dirigenti scolastici, tramite incontri sia nelle scuole che presso lo stesso Centro.


Per il punto 3 all'odg si valutano positivamente le attività svolte nel presente a.s., di cui il gruppo dei DDSS ha avuto modo di discutere in molte riunioni e, poiché non è stato possibile effettuare, come ogni anno, una Conferenza di sevizio entro giugno con i docenti e i rappresentanti degli OOCC delle scuole, si delibera di riservare a tale scopo un parte del tempo della Conferenza che si terrà in settembre per illustrare le proposte di attività dell'a.s. 2003/04.


Nella stessa Conferenza di settembre verrà distribuita la Relazione finale del presente a.s. e la pubblicazione, che è in via di realizzazione, sui percorsi di ricerca-azione di Rete effettuati da alcune scuole di diverso ordine e grado, nell'ambito della Qualità, della Storia e dell'autovalutazione di se stesse in relazione ai rapporti interistituzionali e alla progettualità di Rete.
Si ricorda che molte notizie sono già sul sito della Rete, nel quale è anche aperto uno spazio Forum, al quale tutti gli operatori scolastici possono accedere.
Si delibera inoltre di far pervenire la Relazione finale sulle attività svolte e la pubblicazione al Direttore generale dell' Ufficio scuola del Lazio, dott. de Sanctis.


Dopo ampio dibattito si delibera di proporre per l'a.s. 2003/04 le seguenti attività di Rete:

· Legge 285 . prosecuzione del progetto "Orient@rsi in rete". Di questo percorso, in settembre, verranno illustrate le caratteristiche e verrà fatto visionare l'ambiente informatico.
· Autovalutazione di istituto: si propone di avviare una seconda fase do ricerca-azione sulla Valutazione, nella quale vengano esaminati, attraverso appositi strumenti di rilevazione condivisi dal gruppo di studio, gli snodi della organizzazione interna di ciascun Istituto. Per ricavare quadri comparabili e valutabili ciascun Istituto verrà esaminato ( prendendo comunque in considerazione la differenza fra ordini e tipologie di scuola) rispetto alla complessità della struttura di rete interna per quanto riguarda, ad esempio, l'individuazione dei compiti in ordine alla competenza didattica e alla ricerca, gli stili di collaborazione, la distribuzione delle responsabilità, la gestione collegiale…
· Qualità: verranno riproposti corsi , già realizzati con successo nei due precedenti aa.ss., per gli/le insegnanti che ne faranno richiesta.
· Legge 626: verranno riproposti i corsi di formazione sulla prevenzione incendi e sul pronto soccorso. Verranno inoltre proposti uno (o più) percorsi sperimentali di formazione per i docenti sulla didattica della sicurezza, con indicazioni di percorsi da realizzare con gli alunni, con l'intento di superare la pura logica degli adempimenti, per entrare nella cultura della prevenzione, ancora molto carente , a livello diffuso, nel nostro Paese.
· DGSA: si proporranno ( e si finanzieranno, se sarà necessario l'apporto qualificato di esperti esterni) percorsi di aggiornamento su argomenti attinenti la gestione e la contabilità o su innovazioni introdotte nel campo organizzativo-gestionale. Si proporrà inoltre di supportare con finanziamenti le funzioni di coordinamento di eventuali gruppi di lavoro e ricerca che i DGSA vorranno costituire al proprio interno, ovvero altre iniziative che gli stessi DGSA vorranno indicare.
· Sito web: si propone di finanziare corsi per insegnanti della rete sulla costruzione e gestione di un sito Web
· Educazione motoria: si propone di realizzare in maniera diffusa la ricerca, già in parte realizzata in alcune scuole del VI Municipio, con la collaborazione dell'Università e dello stesso Municipio, denominata "progetto PERSEUS"
· Scienze: si propone di avviare, in classi che intendano farlo, la sperimentazione guidata di alcune percorsi di scienze contenuti nel progetto SET(scuola e tecnologie), progetto alla cui redazione ha collaborato un gruppo di insegnanti di scuola dell'infanzia ed elementare del 126° Circolo; queste ultime potrebbero, fornire assistenza e fungere da sportello "esperto"
· Diffusione di percorsi didattici di qualità: si propone che alcuni percorsi sperimentali (vedi quelli che sono stati realizzati nell'ambito delle borse di studio dell'IRRE Lazio da insegnanti del LS "Levi Civita" e della SE 126° Circolo) siano illustrati ad altri insegnanti interessati . Qualora vi sia l'interesse, si potranno riproporre percorsi analoghi con la collaborazione dei docenti che hanno sperimentato nelle proprie scuole.
· Approfondimenti per DDSS: si propone che continuino ad operare gruppi di approfondimento relativamente alle seguenti tematiche: Contrattazione di Istituto-RSU; Sicurezza; Innovazione e riforme.

Per il punto 4 all'odg la DS Pacher e il dott. Manariti illustrano il bando Regione Lazio POR Obiettivo 3 FSE 2000-2006, AVVISO PUBBLICO MISURA 2, riferito a progetti per adeguare e sostenere le competenze della pubblica Amministrazione (scadenza il 19/7/2003).
I presenti dibattono sulla opportunità di presentare un percorso di formazione per DDSS, DGSA, Docenti Collaboratori e Responsabili di settore, figure di Staff e, dopo lunga discussione, deliberano di presentare un Progetto dal titolo " Supportare e qualificare la gestione scolastica", da realizzare con l'Università La Sapienza , cattedra di Sociologia.
La Rete di Scuole si costituirà in ATS con l'Università ad eventuali altri soggetti interessati e affiderà il compito di capofila al 126° Circolo didattico "Iqbal Masih".
La DS Pacher comunica di aver già acquisito la disponibilità alla partecipazione di Scuole oggi non presenti.
La stesura del progetto, di cui vengono indicati i contenuti di massima e che punterà a supportare le competenze di network di rete, è affidata ad un gruppo di lavoro costituito dai DDSS Pacher, Salacone, dalla DGSA Crialesi e dal dott. Manariti, i quali si potranno avvalere della collaborazione di esperti, soprattutto per quanto riguarda la compilazione delle schede finanziarie del progetto stesso.
Copia del progetto elaborato verrà trasmessa a tutte le scuole, attraverso il sito di Rete.
I DDSS presenti esprimono il proprio personale impegno a presentare la proposta di partecipazione nei Consigli di Istituto e di Circolo e a far pervenire le delibere di adesione entro il giorno 18/7/2003 al 126° Circolo didattico.


ha verbalizzato la DS Simonetta Salacone
Inizio pagina


Progetto "Orient@rsi in rete"

Il giorno 8 luglio 2003 alle or 9.00 si sono riuniti presso l'I.C. Via De Magistris i Dirigenti scolastici Claudia Pacher e Simonetta Salacone, il prof. Mazzucco, la dott.ssa Talamonti , il dott. Manariti e il dott. Giancola.
All'o.d.g.:
- valutazione progetto Legge 285 a.sc. 02/03
- prime proposte per la prosecuzione del progetto a.sc. 2003/04

Riguardo al 1° punto viene letto e discusso il report di valutazione stilato dal dott. Manariti e dal dott. Giancola, parte integrante del presente verbale.

Riguardo al 2° punto vengono discussi e concordati criteri, modalità e tempi per la prosecuzione del progetto nel prossimo anno scolastico:
- le scuole partecipanti al progetto restano le stesse 12 che hanno firmato il protocollo di intesa
- non si possono costituire più di 10 classi virtuali
- l'adesione al progetto della singola classe è subordinata alla costituzione di un gruppo di progetto con almeno 2 docenti per la scuola elementare e almeno 3 per la scuola media e superiore uno dei quali assumerà il ruolo di referente della classe (vedi progetto)
- in caso di eccedenza nel numero delle classi che intendono partecipare
si darà la precedenza alle classi che nel corrente anno scolastico hanno fatto da osservatrici
si sceglierà con un criterio di omogeneità e coerenza
- si prevedono più incontri in presenza da parte dei docenti delle classi aderenti per la progettazione del percorso
- vista la positività dell'esperienza nel corrente anno scolastico si decide di organizzare incontri periodici fra gli allievi della stessa classe virtuale
- verrà chiesta ai Dirigenti Scolastici, ai docenti designati tutor di classe virtuale e ai docenti referenti delle classi aderenti la firma di un impegno formale all'accettazione dei criteri, modalità e tempi di esecuzione del progetto.
- per quanto riguarda i D.S. l'impegno richiesto è quello di supportare le classi e i docenti a livello tecnico (funzionamento e disponibilità oraria dei laboratori multimediali ) e di operare affinché il progetto abbia ampi a diffusione anche fra la componente genitori.
- la designazione dei docenti tutor di classe virtuale privilegerà nuovi docenti per favorire la diffusione delle modalità progettuali all'interno delle scuole
- in caso di numero inferiore alle necessità di docenti disponibili a svolgere il ruolo di tutor di classe virtuale si chiederà la disponibilità anche alle altre scuole della rete.
- I docenti tutor, referenti e dei gruppi di progetto delle classi aderenti hanno l'obbligo di seguire i corsi di formazione previsti dal progetto.
- La formazione prevede:
5 ore sulla progettazione dei percorsi formativi
20 ore su "Metodologia del compito reale" con tutoraggio in itinere
18 ore su FAD - cooperative learning obbligatoria per coloro che non vi avessero partecipato già nel corrente anno scolastico
- I tempi previsti per il 2003/04 sono i seguenti:
Entro il 20 settembre 2003 scelta delle classi partecipanti da parte dei Collegi Docenti
Entro il 30 settembre formazione delle classi virtuali, designazione dei tutor, lettera di incarico ai docenti referenti e tutor
Entro ottobre, max 10 novembre la formazione
Entro natale lo svolgimento del 1° modulo del progetto
I tempi saranno poi quelli previsti nel progetto per l'anno scolastico 2002/03.
Alla fine di settembre / primi di ottobre si prevede l'organizzazione di un incontro istituzionale per la diffusione dei prodotti realizzati nel corrente anno

torna al verbale
Inizio pagina


VERBALE RIUNIONE D.S. SCUOLE DELLA RETE
4 GIUGNO 2003
I Dirigenti Scolastici delle Scuole elementari e degli Istituti Comprensivi del 14° e 15° distretto
Donatella Trani
Simonetta Salacone
Antonio Passaro
Claudia Pacher
Luisa Col cerasa
Gianfranco Cesarini
Karicla Bindi
Vera Tosti
Filomena Cornacchia
Angelo Ferlisi
riunitisi il giorno 4.06.2003 alle ore 9.00 presso la Scuola Elementare "De Amicis" per concordare azioni comuni alle scuole della rete circa le iniziative di informazione/formazione in relazione all'avvio della riforma degli ordinamenti scolastici sulla base delle indicazioni date dall'Ufficio Scolastico Regionale nelle videoconferenze del 28.05.03
visto che ancora non sono stati emanati i decreti attuativi della Legge 53/2003 e non sono stati resi noti i risultati delle scuole che hanno sperimentato la riforma nel corrente anno scolastico 2002/03 e che tutto ciò crea un clima di grande incertezza
considerato tuttavia che vi è una reale esigenza da parte dei docenti di maggiore informazione e di confronto circa le prospettive della scuola della riforma, tanto che alcuni Collegi delle scuole della rete hanno già stabilito di attivare iniziative di informazione sulla riforma nella seconda metà del mese di giugno
concordano

- di organizzare un primo incontro di confronto aperto a tutti i docenti delle scuole della rete del 14° e 15°distretto al fine di informare circa l'impianto della L.53 e di creare un'occasione di confronto tra le realtà diverse dei diversi Collegi sulle seguenti tematiche:
il modello pedagogico sotteso al portfolio e alla personalizzazione
l'organizzazione pedagogico-didattica
l'articolazione della funzione docente
nei giorni 18 e 19 giugno alle ore 17.00 nei locali della Scuola media di via G.B.Valente.

- di aprire un forum di discussione sulla riforma nel sito della rete "retescuole14-15.com" cui si invita a partecipare tutto il personale delle scuole della rete

Inizio pagina


VERBALE RIUNIONE D.S. SCUOLE DELLA RETE
7 MAGGIO 2003

Il giorno 07.05.2003 alle ore 11.00, presso l'IPSIA EUROPA si tiene l'incontro dei Dirigenti Scolastici dei Distretti XIV° e XV° con il seguente o.d.g.:

I^ parte della riunione (h. 11.00 - 13.00)

1. Aggiornamento sulla sicurezza
2. Nuova richiesta progetto Dip. XI Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Roma
3. Sito Web di Rete
4. Calendario iniziative verifica A.S. 2002/03, programmazione A.S.2003/04
5. Documento delle scuole della Rete sulla Riforma Moratti

II^ parte della riunione

6. Scheda di verifica "in progress" del progetto L.285 "orientarsi in rete" (solo per i DD.SS. delle
scuole interessate)

Sono presenti:
Cesarini, Salacone, Pacher, Ferlisi, Tosti, Ermili, Colcerasa, Perrone, Zampaglione, Vallefuoco, (vicario XX° Istituto), Sestili, Del Re, (vicaria S.M.S. S. Benedetto),
(D.s. XVI° Circolo), partecipano all'incontro Manariti e Talamonti.

Per il Punto 1 all'o.d.g:

Esaminata la nota della Direzione Regionale Si delibera di richiedere il finanziamento per le attività di formazione sulla sicurezza già svolta in Rete e per quelle che si intenderanno svolgere.
Il progetto (La richiesta scade il giorno 24.05.03) sarà elaborato dal D.S. Cesarini presso l'81° Circolo il giorno 14 alle h. 9.00. Le scuole che intendono aderire alla formazione in Rete dovranno confermare l'adesione entro il giorno 14 ed essere presenti all'incontro presso l'81° Circolo con proprio rappresentante. Ogni scuola è inoltre pregata di recapitare in tale occasione i certificati rilasciati in data 2001/02 il cui originale deve essere spedito alla Direzione Regionale per ottenere il rimborso delle spese sostenute.
Per le attività da programmare per il prossimo A.S. la Rete chiederà anche il finanziamento di un Corso di formazione per Dirigenti Scolastici. Anche in questo caso entro il giorno 14 va inviata l'adesione al Dirigente Scolastico dell'81° Circolo. Infine Cesarini comunica che è iniziato un corso sulla prevenzione degli incendi e altri ne partiranno, per il XIV° Distretto il giorno 16 e il giorno 22 p.v..
Sollecita l'invio di altri nominativi di Ata e di Docenti che intendono frequentare i Corsi, con i relativi dati anagrafici (Ricorda che è opportuno che siano formati almeno 2 unità di personale per scuola).

Per il punto 2 all'o.d.g.:

Viene letta la Circolare del Comune di Roma che prevede per le scuole dell'Infanzia, elementari e medie finanziamenti per progetti di natura culturale . Le tematiche dovranno riguardare prioritariamente ambiti di espressività o creatività. La scadenza per la richiesta è il 24 maggio.
Si delibera che, non essendoci tempo per progettare in Rete, le scuole interessate invieranno progetti individualmente. Le scuole interessate potranno comunicare in E-mail la tematica su cui intendono lavorare, per eventuale costituzione di micro-reti.
Una volta elaborati i progetti sarebbe utile pubblicarne il titolo e una sintesi sul sito di Rete.

Per il punto 3 all'o.d.g.:
Pacher comunica che è stato comperato con fondi del progetto " Orientarsi in Rete " il dominio: www retescuole14-15.com ; Talamonti ne ha curato la grafica e vi ha già inserito alcune comunicazioni , fra le quali l'elenco delle Scuole. Si sollecitano tutte le Scuole ad inviare la propria e-mail e l'eventuale indirizzo del proprio sito web Per tutto quanto le Scuole desiderano che venga pubblicato , Talamonti si impegna a segnare al più presto un indirizzo.Per ora si può utilizzare il seguente indirizzo:
valentina.talamonti@fastwebnet.it ( Quando si spedisce indicare all'Oggetto : "Rete " )
Attualmente per la posta elettronica è stato attivato sul dominio di cui sopra un solo indirizzo: icdemagistris@retescuole14-15.com- ma è possibile attivare altri indirizzi di posta dietro pagamento entro lo stesso dominio.
Si decide che sul sito siano pubblicati i verbali delle riunioni di rete.
Per la gestione del sito , si delibera di affidare l'incarico all'Associazione GNI-MCE per la quale opera la stessa Valentina Talamonti.
All'Associazione verrà pagata per il 2003 la cifra forfettaria di € 2500,00 .
Pacher chiede che vengano inviati , per la pubblicazione sul sito , i risultati di alcuni progetti svolti in microreti :
Comunicazione Facilitata ( Massaia altre Scuole ) ,
Minds ( progetto Recupero border-line I.C. De Magistris e 126° Circolo ) ,
Intercultura ( San Benedetto - 21° Circolo ) ,
Continuità - Valutazione d'Istituto Pacher chiede di controllare che i dati delle Scuole inseriti nel sito di Rete siano corretti.
Si delibera anche di inserire uno spazio - Forum , con pagine dinamiche , che verrà creato e seguito da Talamonti.

In futuro sarà utile mettere in comune esperienze e progetti che alcune Scuole stanno realizzando ( Be -equal, Intercultura , Mediatori culturali ecc. )

Per il punto 4 all'o.d.g
Il prossimo incontro ( verifica 2003 - progettazione 2004) presso l'Ipsia Europa si terrà il giorno 6 giugno alle ore10 invece del 7 che è sabato. Prima di tale data le Scuole compileranno una scheda di verifica che verrà inviata da Marco Manariti .
In settembre si terrà una conferenza di servizio per le Scuole di Rete in cui verranno presentati sia i risultati delle attività dell'anno scolastico 2002/03 , sia i possibili percorsi comuni per il 2003/04.

Per il punto 5 all'o.d.g.
Sestili riferisce sull'intervento del sottosegretario Aprea al Forum della P.A. , tutto riservato alle innovazioni tecnologiche.
Si parla del Piano di Aggiornamento che il Ministro ha deciso di varare ( 20ore entro giugno ) con comunicazione del 2 maggio 2003.
Si discute delle ambiguità e delle incertezze dell'attuale quadro.
Si decide di rimandare l'eventuale documento di Rete a data successiva al giorno 09/05/03, data preannunciata dal Ministro per la pubblicazione del primo decreto attuativo della Riforma .
Per la stesura di un documento comune le scuole elementari e gli IC si vedranno prima del giorno6

Nella seconda parte della riunione le Scuole che stanno realizzando il progetto L. 285 " Orientarsi in Rete " condividono la scheda di relazione bimestrale compilata da Pacher, confrontandosi sugli elementi di forza e su quelli critici del percorso e decidendo di costituire un gruppo - comitato tecnico a supporto formato da Pacher Sestili - Mazzucco - Salacone - Manariti -Talamonti
L'incontro si chiude alle ore 14,30
Ha verbalizzato
La D.S. Dott.ssa Salacone

Inizio pagina



VERBALE DELLA RIUNIONE
DELLE SCUOLE DELLA RETE DEL XIV E XV DISTRETTO
DEL 28.10.2002

Il giorno 28.10.2002 dalle ore 9.30 alle ore 11.30 si è svolta la riunione delle scuole della rete del XIV e XV Distretto. Sono state convocate tutte le scuole dei 2 distretti.
Risultano presenti alla riunione :
per il XIV Distretto
1. D.S. Claudia Pacher I.C. Via De Magistris
2. D.S. Simonetta Salacone 126° C.D.
3. D.S. Donatella Trani 4° C.D.
4. D.S. Luisa Colcerasa 19° C.D.
5. D.S. Domenico Zampaglione Liceo Scientifico Tullio Levi Civita
6. D.S: Guglielmo Neri Liceo Classico E. Kant
7. D.S. Antonio Passaro 16° C.D.
8. D.S. Silvana Teti S.M.S. Via Anagni
9. prof. Biagio Vallefuoco I.S. Via Aquilonia
10. ins. Gabriella Masciotti 77° C.D.

per il XV Distretto:
1. D.S. Loreta Ermili S.M.S. F.Parri
2. prof.ssa De Vincentiis S.M.S. Via Tor de' Schiavi
3. prof. Michele Montano Liceo Scientifico Francesco d'Assisi
4. D.S. Vera Tosti I.C. Via G.B. Valente
5. 25° C.D.
6. 34° C.D.
7. ins. Bandettini - Riggio 132° C.D.

Hanno giustificato l'assenza alla riunione:
1. D.S. Giovanna Vituzzi S.M. Piranesi
2. D.S. Carla Perrone I.P.S.I.A. Europa
3. D.S. Cesarini 81° C.D.


Viene discussa la bozza di protocollo di Intesa inviata via fax dal D.S. Cesarini e vengono proposte alcune modifiche e/o integrazioni qui di seguito riportate:
A. Rispetto all'impegno di spesa di L.500.000 pari a € 258,23 si propone che:
Le scuole che hanno già versato tale cifra per l'e.f. 2002 non debbano versare alcuna cifra per l'anno scolastico 2002/03
Le scuole che ancora non abbiano provveduto a tale versamento per l'e.f. 2002 procedano a versare la cifra entro novembre sul c.c. del C.D. 81
B. Si procede con la pubblicazione del lavoro svolto dal gruppo qualità e dal gruppo autovalutazione nello scorso anno scolastico. I costi per la pubblicazione di 1500/2000 stampati sono in parte a carico del 6° Municipio in parte a carico della rete, almeno per il pagamento del comitato di redazione
C. Per organizzare i corsi di formazione per figure sensibili ex D.L.vo 626/94 verrà inviata in tempi brevi a tutte le scuole una scheda da restituire compilata al fine di avere chiara definizione delle necessità delle singole scuole.
Si prevede comunque di poter organizzare 2 moduli di formazione primo soccorso con i formatori della Croce Rossa della durata di 18 ore ciascuno (costo pro capite € 26,00) e 2 moduli per l'antincendio con la collaborazione degli stessi formatori dei corsi precedenti.(costo pro capite € 85,00)
D. A completamento del lavoro del gruppo autovalutazione si propone un corso di formazione in 10 incontri sulle metodologie (quantitative e qualitative) della ricerca aperta ai docenti delle varie scuole e prioritariamente ai docenti del gruppo autovalutazione di cui allego una sintesi
E. Si propone il corso sulla comunicazione facilitata che avrà inizio il 7 novembre presso la scuola media via Tor de' Schiavi aperto alle scuole con alunni autistici.
F. Si propone inoltre un percorso di formazione sulle culture altre attuato con i mediatori culturali del CIES in cui oltre agli aspetti educativi e formativi delle altre culture, si sviluppino tematiche culturali e storiche.
G. Si stabilisce di fissare un primo incontro fra Dirigenti Scolastici per il 13 novembre alle ore 15.00 presso la scuola media di via De Magistris 15 per definire i responsabili dei vari settori della rete e per calendarizzare su quali tematiche confrontarsi in riunioni periodiche. Vengono proposti i seguenti argomenti di interesse comune quali:
· Programma annuale
· Attività negoziali
· Rapporto privatistico
· L.626

Inizio pagina


inizio pagina torna su
webmaster scrivi al webmaster