archivio documenti

Verbali delle riunioni dei DDSS-anni scolastici 2010-2012


Verbali delle riunioni dei docenti referenti di rete
Verbali delle riunioni dei DDSS.-anni scolastici 2007-2010
Verbali delle riunioni dei DDSS- anni precedenti

Verbale del giorno 04/06/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 03/05/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 12/04/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 01/03/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 12/01/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 01/12/2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 03/11/2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 06/10/2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 28/09//2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 01/06//2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 05/05//2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 07/04//2011 versione scaricabile


Verbale del giorno 03/03//2011 versione scaricabile
Verbale del giorno 13/01//2011 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 02/12//2010 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 04/11//2010 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 07/10/2010 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 23/09/2010 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 08/02/2010 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 21/01/2010 pallinopicc versione scaricabile
Verbale del giorno 17/01/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 06/12/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 15/11/2012 versione scaricabile
Verbale del giorno 04/10/2012 versione scaricabile

 


VERBALE DELLA RIUNIONE DEL 4 GIUGNO 2012

Il giorno 4 giugno 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Resoconto delle riunione dei docenti referenti
  2. Valutazione delle attività di rete per l'anno in corso
  3. Proposte per il nuovo protocollo di rete da definire a partire dal prossimo a.s.
  4. Problematiche di fine anno

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “San Benedetto”, 303° C.D. “Ungaretti”), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), A.M.Giuliani (I.C. “Via Tor de’ Schiavi”), T.Santoro (34° C.D. “Madre Teresa di Calcutta”), A.M.Aglirà (16°C.D. “Trilussa”), A.Cataneo (Liceo scientifico “T.Levi Civita”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), docente – in rappresentanza del DS (I.I.S.S. “G.Ambrosoli”), M.Picchiassi (107° C.D.), Giuseppe Mercurio (80° C.D.)
È presente il referente dei docenti C.Falsetti (21°C.D. “Cecconi”)

Si inizia la riunione con la discussione del primo punto all’o.d.g.
Prende la parola l’insegnante Falsetti che riferisce sulle risultanze dei lavori dei diversi gruppi dei docenti referenti:

  • Intercultura: è stato predisposto un protocollo d’accoglienza per gli alunni stranieri con allegate prove di ingresso; il medesimo verrà inviato ai DD.SS. delle scuole della rete per condividerlo e sperimentarlo; la proposta è che il medesimo protocollo sia inserito nel nuovo protocollo di rete
  • Valutazione: il gruppo non ha ancora prodotto un documento finale ma è stato ampio il confronto e la condivisione delle problematiche connesse ai processi valutativi; si ritiene necessario però il raccordo con il progetto sul curricolo verticale ed un lavoro sui curricoli disciplinari.
  • Partecipazione dei collegi alla rete: si evidenzia la problematica della scarsa condivisione da parte dei collegi docenti delle attività svolte in rete e si richiede un intervento dei DD.SS. in tal senso
  • Osservatorio sull’handicap: si propone la buona pratica dell’IC Laparelli e della Consulta al fine di proporre la costituzione di una Consulta sull’integrazione degli alunni stranieri stabilendo opportuni contatti con l’Università

Fra le proposte sono emerse le seguenti:

  • Maggiore raccordo all’interno della rete in merito ad alcune problematiche (si pensa in particolare al fenomeno dilagante del bullismo)
  • Prosecuzione della formazione sui DSA
  • Gruppo di lavoro sul decreto di riforma degli OO.CC.

Segue un’ampia discussone durante la quale si condividono le proposte dei docenti; in particolare il DS Frasca propone anche la costituzione di un Gruppo di lavoro sulle nuove Indicazioni nazionali (al momento in bozza ma in via di approvazione definitiva)

Prende quindi la parola il DS Caroni che riferisce sugli ultimi lavori dell’Asal, in particolare, rispetto alla questione della riforma degli OO.CC. e del previsto Statuto di cui ogni scuola deve dotarsi, l’Asal proporrà un modello condiviso che, nel rispetto dell’autonomia, potrà essere utilizzato da tutte le scuole. I presenti concordano sulla procedura e auspicano di poter definire uno Statuto condiviso almeno da tutte le scuole della rete al fine di non creare diversità nell’ambito del medesimo territorio.

Prende la parola il DS Frasca che riferisce sul progetto Dispersione scolastica finanziato dalla regione Lazio. Il finanziamento ottenuto è pari a 40.000 euro a fronte dei 60.000 richiesti. Dal momento che la scuola capofila dal 1 settembre non esisterà più intende procedere ad una prima riunione delle scuole al fine di poter passare le consegne alla nuova istituzione scolastica che gestirà il progetto con un lavoro già parzialmente avviato dovendo definire i consigli di classe che parteciperanno.

Per il punto 2 all’o.d.g. si concorda su una valutazione positiva delle attività svolte dalla rete nel corso dell’anno scolastico.

Per il punto 3 si discute sul nuovo protocollo di rete. Si concorda di procedere così come è stato fatto per l’attuale protocollo. A partire dal mese di ottobre si convocheranno tutte le scuole dei Municipi VI e VII (dimensionate e/o non dimensionate) per condividere il nuovo protocollo. Si propone di mantenerlo sostanzialmente uguale con le seguenti integrazioni:

  • inserire in maniera più analitica, all’interno dei campi di intervento:
    • il Curricolo Verticale e la Certificazione delle competenze
    • la cultura della Valutazione
  • prevedere la definizione di un piano operativo nel quale definire cosa ci si propone di fare ad inizio anno per verificare poi a fine anno quanto realizzato

La prima riunione sarà convocata per il primo giovedì del mese di ottobre con le attuali modalità, al fine di consentire a tutte le scuole l’avvio dell’anno scolastico.

Per il punto 4 si discute sulle problematiche connesse al dimensionamento, sugli esami finali di terza media, sugli appalti della refezione scolastica e della multiservizi.

La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato il DS Santoro

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno 3 maggio 2012

Il giorno 3 maggio 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Resoconto delle riunione dei docenti referenti
  2. DSA: stato dell’attuazione della Legge nelle singole scuole e iniziative di formazione
  3. Dimensionamento: proposta di auto coordinamento tra Istituti superiori in previsione dei piani provinciali in via di elaborazione
  4. Iscrizioni scuole superiori:
      1. rilevazione dati
      2. offerta presente nel territorio con particolare attenzione ai diversi indirizzi
  1. Attività di fine anno previste nelle scuole e nei territori (per il VII: mese del Municipio)
  2. Proposte di rete per il prossimo anno scolastico
  3. Organici assegnati ed in via di assegnazione
  4. Modalità di organizzazione del tempo scuola nella primaria in base ai tagli

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “San Benedetto”, 303° C.D. “Ungaretti”), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), A.M.Giuliani (I.C. “Via Tor de’ Schiavi”), T.Santoro (34° C.D. “Madre Teresa di Calcutta”), A.Simonelli (I.C. “A.Manzi”), A.M.Aglirà (16°C.D. “Trilussa”), A.Cataneo (Liceo scientifico “T.Levi Civita”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), E.Labasi (S.M.S. “F.Parri”, S.M.S. “S.D’Acquisto”), sono presenti inoltre i delegati dai Dirigenti delle scuole: IISS “Ambrosoli”, Liceo “Benedetto da Norcia” (prof. Ugo Poce), 19° C.D. “Toti”, il referente dei docenti C.Falsetti (21°C.D. “Cecconi”), dalle ore 11.00 partecipa alla riunione il DS F.De Carolis (I.T.C. Di Vittorio - I.T.I.  Lattanzio”)

            Si apre la seduta con la discussione del primo punto all’o.d.g.; prende la parola l’insegnante Falsetti che relaziona sullo stato dei lavori dei gruppi dei docenti: si stanno concretizzando tutte le diverse attività da proporre e per l’ultima riunione di rete verranno predisposti dei documenti conclusivi. Il gruppo che sta lavorando all’Intercultura sta predisponendo un protocollo di accoglienza comune a tutte le scuole, così come il gruppo sulla valutazione sta predisponendo dei documenti da condividere. I docenti richiedono che sia attivato un corso di formazione per l’insegnamento dell’Italiano come L2 e hanno trovato una associazione che organizza corsi ITALS che consentono successivamente, previo esame, di acquisire crediti universitari. Il costo complessivo del corso, per non più di 30 partecipanti, è di € 2300 IVA inclusa; il corso ha la durata di 30 ore. I docenti propongono che una parte del costo sia a carico delle scuole partecipanti (100 euro a scuola) ed una parte a carico delle economie del bilancio di rete. Chiedono che il corso inizi a settembre. Si discute sui passi formali necessari alla realizzazione del corso di formazione e si evidenziano subito le difficoltà dovute alla costituzione di nuovi istituti comprensivi in tutto il territorio della rete. In relazione alle difficoltà evidenziate il DS Pintus propone di organizzare il corso nella sua scuola, accogliendo le iscrizioni da parte degli altri istituti, in modo da poter superare alcuni passi formali legati anche all’eventuale ricostituzione della rete. Si concorda che verrà indagata tale possibilità e che comunque la rete stabilisce fin da ora che parte delle economie di bilancio dell’attuale protocollo saranno destinate a finanziare il corso, a prescindere dal nuovo protocollo che definirà la prosecuzione delle attività di rete.
            Si passa quindi alla discussione del secondo punto all’o.d.g.
            I presenti riportano le diverse esperienze delle loro scuole, sia da un punto di vista organizzativo che formale, e si descrivono le iniziative di aggiornamento realizzate sia come singole scuole che a livello di Rete. Emergono molte criticità e per tale ragione si concorda sulla necessità di costituire, dal mese di settembre, un gruppo di lavoro di rete che coinvolga tutti gli ordini di scuola al fine di mettere in comune le buone pratiche e di definire alcuni punti fermi nella relazione con i genitori.
            Si passa la terzo punto all’o.d.g. Prende la parola il DS Cataneo che riferisce sulla questione dei previsti dimensionamenti degli istituti superiori. In base ai documenti ufficiali il dimensionamento dovrebbe avvenire a partire dall’a.s. 2013/2014. Molte sono le ipotesi e le voci sull’argomento; il documento con le linee di indirizzo della provincia ha definito come criterio il dimensionamento fra istituti di uguale tipologia (cosa per altro non scontata) e non il dimensionamento su base esclusivamente territoriale. I nuovi istituti potranno avere fino a 1700 alunni. Tutti concordano sulla necessità che la rete esprima un suo orientamento come in parte è stato fatto per i dimensionamenti degli istituti comprensivi ma purtroppo i diversi tentativi esperiti dal DS Cataneo non hanno sortito grandi risultati. Le scuole superiori, al momento, procedono in ordine sparso e la provincia, dalle voci che girano, sembra accogliere le richieste delle scuole sulla base di criteri non ben definiti. Ad esempio già nel corrente anno scolastico sono stati sostituiti alcuni indirizzi poco richiesti con indirizzi nuovi e si sono sostenute alcune scuole che erano in crisi sul piano delle iscrizioni. È necessario, a parere del DS Cataneo e con l’accordo di tutti i presenti, che si profili un disegno di offerta formativa nel territorio che derivi da un ragionamento comune a tutte le scuole e per tale ragione è necessario uno sforzo per produrre una proposta comune e ragionata. Il prof. Poce concorda sulle criticità dovute all’assenza di un ragionamento comune agli istituti poiché ognuno sembra pensare al proprio istituto con un ragionamento miope ed è grave che non ci sia la capacità di una risposta e di una riflessione comune delle scuole. In conclusione si decide che verrà effettuato un ulteriore tentativo: il DS Cataneo, a nome delle scuole della Rete,  richiederà un incontro sui dimensionamenti ai responsabili della provincia; una volta che tale incontro sarà definito, inviterà i DD.SS. delle scuole della Rete ad un incontro preliminare. Tutti auspicano che l’iniziativa concordata abbia buoni effetti di condivisione fra le scuole.
            Per il quarto punto all’o.d.g. non tutte le scuole hanno portato i dati richiesti; i DD.SS. si impegnano a comunicarli quanto prima.
            Si passa quindi alla discussione del quinto punto all’o.d.g.
            Le scuole riferiscono sulle diverse iniziative; in particolare, per il VII Municipio, dal 25 maggio al 30 giugno si svolgerà, presso il parco Madre Teresa di Calcutta, il mese del Municipio, iniziativa alla quale possono partecipare tutte le scuole; l’organizzazione è stata delegata dal Municipio ad una cooperativa (il DS Pintus fornisce nominativo e cellulare del referente); comunica inoltre la mail: sette.inquattro@yahoo.com per chiunque voglia partecipare o chiedere informazioni in merito.
            Il DS Caroni verificherà la possibilità di far partecipare ad una serata, tramite richiesta dell’Asal, Rossi Doria.
            Per il sesto punto all’o.d.g. si discute sul futuro della rete, anche in funzione delle novità previste da un punto di vista legislativo, e si concorda di riattivare le iniziative per la firma del nuovo protocollo sulla falsariga di quanto fatto per l’attuale protocollo di rete.
            In relazione al settimo punto all’o.d.g. prende la parola il DS Santoro che lamenta, per la scuola primaria, il mancato rispetto del decreto sull’assegnazione degli organici in relazione alla provincia di Roma; non ha conoscenza diretta delle altre realtà della regione Lazio ma ritiene molto grave il persistere dei tagli agli organici della scuola primaria; si evidenzia come l’Asal abbia immediatamente pubblicato una nota di protesta, mentre gli OO.SS. ai quali ci si è rivolti sono stati meno tempestivi (solamente in data odierna è stata pubblicata una nota di protesta); i presenti si augurano che, almeno in fase di organico di fatto, siano assegnate risorse in più alle scuole necessarie a garantire sia la qualità della didattica, gravemente compromessa dai tagli, sia l’offerta formativa richiesta dai genitori.  Si discute quindi sulle varie ipotesi di organizzazione dei tempi scuola attuate dalle varie scuole e ci si confronta sulle diverse soluzioni attuate (ottavo punto all’o.d.g.)
            Il DS De Carolis interviene riferendo delle ipotesi di scorporo dell’organico di sostegno dall’organico delle scuole e di assegnazione di figure a parte per gli alunni con handicap non più finanziate dallo stato ma dagli EE.LL.
            Il DS Frasca riferisce del finanziamento ottenuto dal progetto di rete sulla dispersione scolastica che riguarda le scuole superiori di I grado e gli II.SS., progetto presentato alla Regione Lazio e finanziato per € 40.000. Le scuole coinvolte che avevano aderito al progetto di cui la S.M.S. “Toniolo” è stata capofila sono già state avvisate, il progetto sarà attuato dal nuovo IC comprensivo.
            Il DS Caroni ricorda che anche quest’anno verrà predisposta la lettera dell’Asal da inviare a tutti i genitori nella medesima data (quest’anno sarà il 18 maggio) in concomitanza con una conferenza stampa; non appena pronta verrà inviata alle scuole.
            Si concorda infine che l’ultima riunione dell’anno si svolgerà il giorno Lunedì 4 giugno al fine di evitare i problemi legati alle attività che si svolgono nell’ultima settimana di scuola.

Ha verbalizzato il DS Santoro.

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno 12 aprile 2012

Il giorno 12 aprile 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Resoconto delle riunione dei docenti referenti
  2. Scuole secondarie di II grado: revisione classi di concorso e schema di decreto interministeriale di riduzione a 32 ore classi IV e V istituti tecnici
  3. Andamento iscrizioni scuole superiori
  4. Progetto in atto sul curricolo verticale
  5. Costituzione reti istituzionali (ex art.50 decreto semplificazioni)
  6. DDL in discussione alla camera sulla Riforma degli Organi collegiali
    Per livelli scolastici la riunione proseguirà con i seguenti punti:
  7. Dimensionamento scuole: problematiche in essere (organici, gestione
    personale, ecc.) Resoconto incontri dei docenti referenti di rete
 

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “San Benedetto”, 303° C.D. “Ungaretti”), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), A.M.Giuliani (I.C. “Via Tor de’ Schiavi”), T.Santoro (34° C.D. “Madre Teresa di Calcutta”), A.Simonelli (I.C. “A.Manzi”), W.Giacomini (81° C.D. “Marco Polo”) A.M.Aglirà (16°C.D. “Trilussa”), A.Cataneo (Liceo scientifico “T.Levi Civita”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), E.Labasi (S.M.S. “F.Parri”, S.M.S. “S.D’Acquisto”), prof.ssa M.Luzzi – in rappresentanza del DS (I.T.I.S. “Giovanni XXIII”), dalle ore 11.00 partecipa alla riunione il DS F.De Carolis (I.T.C. Di Vittorio - I.T.I.  Lattanzio”)
Non sono presenti i referenti dei docenti.

Non essendo presenti i docenti referenti si inizia la seduta con la discussione del 2° punto all’o.d.g.
 Si discute sulla progressiva riduzione che, in seguito alla riforma delle superiori, da tre anni ha subito l’orario delle materie di indirizzo negli istituti di istruzione superiore al fine di ridurre a 32 ore l’orario delle lezioni. La prof.ssa Luzzi espone dettagliatamente le difficoltà connesse a tale riduzione in relazione agli aspetti formativi e specifica come le difficoltà siano in aumento per effetto del numero elevato di alunni nelle classi.
Nei licei scientifici sono state ridotte le ore di Italiano, Latino e Inglese così come nei classici sono diminuite le ore delle materie scientifiche pur essendo presente un numero elevato di studenti che, al termine del liceo classico, optano per facoltà di tipo scientifico.
Riguardo all’utilizzo del 20% del curricolo previsto dall’autonomia, questo oramai è solamente un mito in quanto difficilmente i Collegi docenti approvano proposte in tal senso date le difficoltà per ogni disciplina di completare i programmi.
Il DS Cataneo esprime le medesime difficoltà in relazione al numero elevato di alunni nelle classi che spesso rende difficile curare gli aspetti didattici. In alcuni istituti si è fatto riferimento al D.Lvo 81 per la cubatura delle aule ma sono molte le scuole superiori che hanno locali idonei a contenere 30 alunni.
Si passa quindi alla discussione del 3° punto all’o.d.g. Sono presenti solamente due istituti superiori che relazionano sull’andamento delle iscrizioni: sia il liceo scientifico T.Levi Civita che l’I.I.S. Giovanni XXIII hanno mantenuto costante il numero di iscritti, per quest’ultimo esiste comunque una diminuzione delle iscrizioni all’indirizzo industriale ed un aumento a quello chimico. Il liceo Benedetto da Norcia ha avuto autorizzato l’indirizzo psico-pedagogico.
Si discute sulla necessità di effettuare una attenta ricognizione degli indirizzi presenti nel territorio al fine di poter porre le basi per una discussione sui dimensionamenti che dovranno essere fatti anche per le scuole superiori; l’esperienza suggerisce l’opportunità di predisporre, a livello di rete, una proposta condivisa da presentare alla provincia ma molti istituti preferiscono ‘viaggiare’ da soli e questo potrebbe rendere poco razionali i dimensionamenti stessi. Si decide di mettere all’o.d.g. della prossima riunione tale problematica ed il DS Cataneo si impegna a sollecitare i colleghi alla partecipazione nella speranza di poter definire insieme delle linee guida per i dimensionamenti nel territorio degli istituti superiori.
Si passa al 3° punto. Il DS Cataneo riferisce sullo stato di sviluppo del progetto.
Le scuole attualmente coinvolte sono: Piranesi, Toniolo, Pirotta, Laparelli, Lattanzio, Rossellini, Levi Civita, Benedetto da Norcia; il progetto è partito in ritardo e sta procedendo sui due ambiti già individuati, Italiano e Matematica. I docenti stanno lavorando con entusiasmo e sono in fase di progettazione delle attività che saranno poi svolte dalle classi. Il Rossellini sta già facendo alcune riprese. Inoltre è stato risolto il problema del piano finanziario ed i docenti saranno retribuiti per il lavoro svolto grazie ad un accordo tra le scuole coinvolte.
Tutti i presenti esprimono grande apprezzamento per il progetto che ritengono uno dei punti di forza della rete ed uno dei progetti da valorizzare anche nel futuro estendendo le buone pratiche che si stanno sperimentando; inoltre si fa presente che i genitori sono molto soddisfatti per la realizzazione di un progetto sul curricolo verticale che li tranquillizza nel passaggio da una scuola all’altra; il DS Cataneo ed il DS Frasca informano che sono in via di pubblicazione gli atti del precedente progetto e che ne verrà data una copia a tutte le scuole della rete per la maggiore diffusione del progetto stesso al fine di promuovere la cultura del curricolo verticale in tutti gli istituti.
Prima di passare alla discussione degli altri punti all’o.d.g. viene sollevato il problema dell’organizzazione del Corso di formazione sul DSA. Molti docenti hanno lamentato il cambio continuo di date e sedi di svolgimento del corso, ciò ha pregiudicato la partecipazione degli insegnanti, alcuni dei quali hanno preferito ritirarsi; i docenti si sono inoltre demotivati anche perché il corso appare meno pratico di quello precedente. Si invita il coordinatore di rete a far presente tali aspetti al docente Zarra, coordinatore del progetto stesso.
Si passa alla discussione del 5° punto all’o.d.g. prende la parola il DS Caroni che, nel presentare alcuni elementi di discussione emersi negli incontri delle reti aderenti all’Asal (come da allegato al presente verbale),  riferisce quanto segue.
Indubbiamente la legge pone un elemento innovativo per le reti alle quali vengono devoluti compiti importanti quali la gestione di risorse, degli organici di rete, ecc. Si teme però che questo possa portare ad un aggravio nei confronti delle reti in quanto si sta procedendo allo smantellamento definitivo degli uffici scolastici provinciali. Questo suscita molta perplessità. Il MIUR ha 60gg. di tempo per emanare delle Linee guida ma si teme che non andrà molto in profondità. Saranno spostate alle regioni delle competenze importanti ma la maggioranza delle regioni stesse non sono pronte per farsi carico di tali competenze. Si teme la possibilità che le scuole debbano rapportarsi direttamente con il potere politico e questo potrebbe essere un rischio, in caso di vuoto di potere decisionale forse sarebbe meglio che fossero le stesse reti di scuole ad assumere determinati compiti ma ciò comporta ovviamente dei grossi rischi in assenza di linee comuni ed un grosso impegno che necessita di risorse adeguate. Anche per quanto riguarda il panorama nazionale delle reti la situazione è molto variegata: si passa da reti istituzionalizzate a reti di scopo, da reti temporanee a reti di progetto con esperienze diversificate. L’Asal ha chiesto di sedersi al tavolo per la definizione delle linee guida ma non si è certi che tale richiesta verrà accolta; in ogni caso le proposte saranno inviate al Ministero; questa è una occasione importante per le scuole. I presenti discutono sui diversi aspetti connessi alla stesura delle linee guida e si pongono numerosi interrogativi: le scuole saranno obbligate a stare in rete? Secondo quali criteri e secondo quale modello? Sarà rispettata l’autonomia di ogni singola istituzione scolastica? Quali conseguenze per una scuola che non volesse partecipare alle reti? Come garantire l’equità nei suoi confronti? Quali risorse verranno assegnate? Sarà un ulteriore carico di lavoro?
In conclusione si ritiene importante la partecipazione dell’Asal al tavolo di discussione per la definizione delle Linee guida e si auspica che tale richiesta sia accolta dal Ministero.
Si passa alla discussione del 6° punto all’o.d.g. Il DS Santoro presenta la proposta in discussione alla Camera per la riforma degli OO.CC.
Vengono evidenziati alcuni nodi critici. C’è una accelerazione nelle procedure per l’approvazione del testo e si suppone che questa approvazione sarà piuttosto rapida. In particolare, in relazione all’autonomia statutaria riconosciuta alle istituzioni scolastiche che dovranno redigere il proprio statuto ed adottarlo, nonché deliberare il regolamento relativo al funzionamento dei propri OO.CC., si auspica che la legge ponga maggiori vincoli al fine di uniformare alcuni aspetti; in caso contrario ci si impegna ad elaborare documenti di rete da poter condividere fra le scuole al fine di limitare una eccessiva diversificazione fra le scuole.
In merito al 7° punto all’o.d.g. si discute sui problemi connessi ai prossimi dimensionamenti e su alcune procedure che dovranno essere seguite per poter essere pronti al 1 settembre 2012.

Esauriti i punti all’o.d.g. la seduta viene tolta alle ore 12.30.

Ha verbalizzato il DS Tiziana Santoro

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno 1 marzo 2012

Il giorno 1 marzo 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

Resoconto incontri dei docenti referenti di rete
Notizie Asal
Bilancio rete consuntivo 2011/preventivo 2012
per le sole scuole primarie e secondarie di I grado
Iscrizioni A.S. 2012-2013 e piani di dimensionamento        

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “San Benedetto”, 303° C.D. “Ungaretti”), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), A.M.Giuliani (I.C. “Via Tor de’ Schiavi”), T.Santoro (34° C.D. “Madre Teresa di Calcutta”), A.Simonelli (I.C. “A.Manzi”), W.Giacomini (81° C.D. “Marco Polo”) F.Longhi (I.C. “Via Laparelli”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), G.Mercurio (80° C.D. “Gesmundo”), R.Lauricella (I.C. “Valente”), E.Labasi (S.M.S. “F.Parri”, S.M.S. “S.D’Acquisto”)
sono inoltre presenti, per i referenti dei docenti prof. Natalini (S.M.S. “San Benedetto”), i delegati delle scuole: 19° C.D. “Toti”, 126° C.D. “ Iqbal Masih” (insegnante Zucchetta)

In apertura di seduta si inizia con la trattazione del secondo punto all’o.d.g., rimandando il primo punto alla partecipazione del prof. Natalini, al momento impegnato in classe.
Il DS Caroni riferisce sulla riunione che si è tenuta al Ministero con i rappresentanti delle reti rappresentative di ampi territori; l’Asal è stata invitata ufficialmente; durante la riunione sono stati illustrati alcuni punti significativi dell’art.50 del decreto sulle semplificazioni: l’aspetto innovativo è costituito dalla chiara volontà di consolidare e potenziare l’autonomia delle istituzioni scolastiche e delle reti dalle stesse costituite; in particolare è stato presentato il progetto CO.GE, controllo di gestione, relativo ai sistemi di attribuzione delle risorse alle scuole; il progetto prevede che i fondi siano dati alle scuole senza particolari vincoli di gestione in maniera che ogni scuola possa gestire autonomamente il proprio ‘tesoretto’; inoltre sembra consolidarsi l’intenzione di dare alle scuole un organico funzionale anche se non ne sono stati definiti ancora i parametri.
Infine ci sarebbe l’ipotesi di costituire, previa intesa della Conferenza Unificata, delle reti istituzionalizzate per la gestione ottimale di risorse umane, finanziarie e strumentali con organici di rete a supporto; i fabbisogni potrebbero essere definiti per almeno un triennio con finalità relative all’integrazione degli alunni stranieri, alla dispersione, al disagio, ai portatori di handicap.
Si apre un ampio dibattito: fra le proposte emerge la richiesta del DS Santoro che ritiene necessario, qualora venisse previsto un budget economico destinato alle scuole senza vincoli di destinazione, che siano assegnate comunque a parte le risorse per le supplenze in quanto situazioni contingenti potrebbero favorire o penalizzare le scuole stesse; inoltre al momento il sistema dei flussi garantisce alle scuole tutte le risorse necessarie e c’è il timore che, nel caso di un budget unico, verrebbero penalizzati i progetti e le attività al fine di garantire la sostituzione del personale assente. Viene sollevata la preoccupazione relativa all’organico di rete. Come verrebbe gestito? Nella discussione emergono numerose perplessità e si concorda infine che un organico di rete potrebbe essere utile per interventi mirati quali il disagio e gli alunni stranieri, mentre in relazione ai portatori di handicap l’organico dovrebbe restare a livello di scuola, come è oggi, per una migliore gestione. In sostanza si ritiene che  l’organico di rete dovrebbe essere inteso come un organico aggiuntivo da utilizzare in base alle necessità dei territori.
            Infine il DS Caroni riferisce su due questioni importanti: la Multiservizi e l’appalto mensa.
            Per la Multiservizi se ne è interessato il DS Fusacchia che sta predisponendo un’accordo con la ditte esterne per formalizzare le proroghe già di fatto attuate; non c’è stata diffusione della Direttiva del MIUR e le proroghe sono state date per scontate. Per quanto riguarda le mense scolastiche, la gara si farà nei prossimi mesi in quanto non è stata accolta la richiesta di proroga avanzata da più parti, anche in previsione dei dimensionamenti. Probabilmente a settembre si avranno scuole con appalti misti (parte in autogestione e parte con appalto diretto).
            La riunione procede con la discussione del primo punto all’o.d.g. In assenza dei referenti di rete prende la parola il prof. Natalini. Riferisce sullo stato dei lavori dei gruppi dei docenti, le proposte verranno presentate nel mese di giugno.
            Fra le altre cose i docenti propongono la possibilità di realizzare un corso per l’insegnamento dell’italiano come L2; tale corso avrebbe un costo, circa 2500 euro, che potrebbe essere in parte sostenuto dai docenti (circa 20/25 partecipanti) ed in parte dalle scuole. Sicuramente l’esperienza dei CTP è fondamentale ma è rivolta ad alunni di 16 anni. Il DS Santoro riferisce che potrebbero essere destinati a questo tipo di formazione parte delle economie del bilancio della rete. Il DS Lauricella chiede che tale possibilità sia prevista anche per la formazione dei DD.SS.
Il prof. Natalini lamenta la poca comunicazione che dalla Regione viene data in relazione alle graduatorie dei progetti presentati dalle scuole.
            Si discute brevemente anche del progetto Vales. Alcune scuole non hanno aderito, in altre la discussione non è stata portata in collegio. I docenti temono che la sperimentazione che potrebbe essere avviata possa costituire il punto di partenza per una obbligatorietà nell’attuazione così come a suo tempo è successo per le prove Invalsi, richiedono che ne sia data comunque comunicazione ai collegi.
            Infine il prof. Natalini lamenta un deterioramento del clima nelle scuole con sempre maggiori atti di bullismo; i DD.SS. evidenziano come questi inizino a comparire fin dalle scuole primarie, pertanto si decide di metterlo come argomento di discussione alla prossima riunione di rete al fine di definire strategie comuni di intervento.
            Si discute brevemente anche dell’attuazione del progetto sul Curricolo verticale.
            Si passa quindi al terzo punto all’o.d.g.
            Il DS Santoro riferisce sul bilancio della rete: le scuole sono state più puntuali nel pagare; pertanto, se tutte le scuole verseranno la quota del 2012, sarà possibile avere delle economie che potranno essere utilizzate o per retribuire, anche in parte, il lavoro dei due docenti referenti o per organizzare corsi di formazione, lasciando però sempre una piccola quota come fondo di riserva.
            Infine si passa alla discussione del quarto punto all’o.d.g.
            Il DS Caroni raccoglie i dati disponibili di tutte le scuole presenti e di tutte le scuole che li hanno comunicati; i dati delle iscrizioni sembrano essere abbastanza stabili; ogni DS riferisce sulla propria scuola.
            In relazione ai dimensionamenti non sembrano al momento esserci state ripercussioni sulle iscrizioni. Viene comunque commentato il fatto che il Municipio VII abbia voluto lasciare la scuola Pirotta come mini comprensivo formato da primaria e secondaria di I grado con numeri sottodimensionati che fanno prefigurare successivi interventi di adeguamento.
La riunione termina alle ore 12.00                                          

Ha verbalizzato il DS Santoro

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno 12 gennaio 2012

Il giorno 12 gennaio 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

1-Resoconto incontri dei docenti referenti di rete
2-Iscrizioni A.S. 2012-2013
3-Continuità didattica fra i diversi ordini di scuola in vista delle iscrizioni
4-Progetto Curricolo Verticale
5-Progetti contro la dispersione scolastica
6-Varie
        

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto, 303° C.D. “Ungaretti”), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”),A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A.M.Giuliani (I.C. “Via Tor de’ Schiavi”), T.Santoro (34° C.D. “Madre Teresa di Calcutta”), W.Giacomini (81° C.D. “M.Polo”), A.Cataneo (Liceo scientifico “Tullio Levi Civita”), A.Simonelli (I.C. “A.Manzi”), M.Picchiassi (107° C.D. “Giulio Cesare”), G. Infantino (19° C.D. “Toti”) F.Longhi (I.C. “Via Laparelli”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”),
sono inoltre presenti i referenti dei docenti C.Falsetti (21°C.D. “Cecconi”), i delegati delle scuole: 126° C.D. “ Iqbal Masih” (insegnanti Rosselli, Zucchetta, Zarra), Liceo “Benedetto da Norcia” (Ugo Poce), Liceo sc. “Francesco d’Assisi” (Valentrelli)

In apertura di seduta il DS Giuliani comunica di aver invitato alla riunione la docente del Liceo Scientifico “Francesco d’Assisi” che, pur non essendo scuola di rete, è interessato come istituto a condividere un progetto per il punto 5 all’o.d.g.
Viene data quindi la parola ai docenti.

L’insegnante Zarra riferisce, per conto del Dirigente Bellanova e del Dirigente Pintus, le modalità organizzative del corso di formazione sui DSA; il previsto incontro del 17 gennaio è stato annullato ed il corso inizierà direttamente con il Convegno del 1 e 2 febbraio.
Il programma del Convegno, che si terrà presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Universita “La Sapienza” di Roma, distribuito in bozza, sarà pronto nei prossimi giorni e verrà inviato alle scuole. Il Dirigente Longhi lamenta la collocazione durante gli scrutini, Zarra risponde però che le date sono decise dall’Università in base alla disponibilità dell’Aula Magna. Il Dirigente Santoro sottolinea l’importanza e lo spessore culturale degli interventi previsti nel Convegno e auspica la massima partecipazione delle scuole. Zarra riferisce inoltre sull’ipotesi di costituzione di un glh distrettuale in relazione al quale è prevista una riunione operativa.

L’insegnante Falsetti comunica che i gruppi di lavoro dei docenti stanno lavorando e che si riuniranno nuovamente il 25 gennaio p.v.; chiedono di essere coinvolti, come per altro già previsto, nell’elaborazione del progetto di cui al punto 5.

Si concorda di anticipare la discussione dei punti 4 e 5.
In relazione al Progetto Curricolo Verticale il DS Cataneo riferisce che è stato comunicato il finanziamento di € 12.000 lordi e che il progetto, purtroppo, così come è stato finanziato, coinvolge solamente tre istituti della rete: Rossellini, in qualità di capofila, T.Levi Civita e Benedetto da Norcia; l’idea è comunque quella di coinvolgere ugualmente, per quanto possibile, le scuole primarie e secondarie di primo grado della rete e del territorio che già hanno lavorato insieme.

In relazione al punto 5, essendo pervenuto, alle sole scuole superiori di primo e secondo grado, un bando per la presentazione di progetti relativi alla dispersione scolastica, il Dirigente Frasca propone di presentare un progetto che possa essere in parte la prosecuzione di quello che si è appena concluso, sempre relativo al curricolo verticale visto in funzione della dispersione scolastica e sempre in collaborazione con l’università (prof. Benvenuto). Precisa che nel progetto non possono essere inclusi i licei in quanto il bando prevede progetti fra scuole medie ed istituti tecnici-professionalizzanti.
L’insegnante Zarra riferisce della possibilità di presentare un progetto sulla dispersione scolastica relativo agli alunni con disagio. L’insegnante referente della scuola Ambrosoli propone di predisporre un progetto da presentare con le scuole della rete sottolineando però che il bando è indirizzato esclusivamente a scuole superiori di primo e secondo grado e non a scuole primarie. L’insegnante Falsetti ricorda che i docenti referenti hanno costituito un gruppo di lavoro per l’esame dei bandi e la presentazione dei relativi progetti.

Dopo ampia discussione si decide quanto segue: verrà predisposto un progetto di rete in parte prosecuzione di quello appena conclusosi con la collaborazione dell’università, scuola capofila “Toniolo”, aperto a tutte le scuole secondarie della rete ed all’istituto Ambrosoli che, con l’occasione, entrerà ufficialmente a far parte della rete; il progetto coinvolgerà tutti i soggetti che nel territorio operano in funzione di sbocchi lavorativi per gli alunni; si svolgerà a breve una riunione di progetto alla quale parteciperanno i docenti referenti della rete e i referenti dell’istituto Ambrosoli; le scuole primarie non potranno essere incluse nel progetto salvo coinvolgerle nel momento in cui il medesimo fosse approvato e fornisse degli spazi di apertura in tal senso.

Si passa quindi alla discussione del punto 2.
Si evidenzia che l’unica novità per il corrente a.s. è il progetto “Scuola in chiaro”. Si ribadisce nuovamente la problematica degli alunni stranieri che si iscrivono in corso d’anno.

Si passa alla discussione del punto 3.
Dopo ampia discussione sulle problematiche derivate anche dal previsto dimensionamento delle scuole si concorda che tutte le scuole della rete continueranno ad effettuare progetti di continuità con le scuole del territorio e, per le scuole primarie, con tutte le scuole secondarie di primo grado, dove tradizionalmente si iscrivono i relativi alunni; i DD.SS. si impegnano a non privilegiare  le scuole che fanno o faranno parte di futuri istituti comprensivi.
I DD.SS. presenti degli istituti comprensivi già esistenti assicurano che non esiste da parte dell’utenza alcun automatismo in relazione al passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado: la prima è sempre scelta in base alla vicinanza, la seconda è sempre scelta in base alle valutazioni personali dei genitori e spesso sono molti i genitori che scelgono di iscrivere i propri figli in scuole medie che non appartengono allo stesso comprensivo dove il figlio ha frequentato la scuola elementare.

Varie.
Tutti i presenti esprimono profondo malessere per le modalità in cui i Municipi hanno gestito il dimensionamento.
Il DS Pintus richiede la possibilità di predisporre un foglio di firma di adesione ai progetti che verranno presentati dalla Rete onde evitare le difficoltà connesse ogni volta al reperimento delle medesime firme. Si discute sula modalità migliore e si concorda che di volta in volta la firma per l’adesione può essere acquisita con fax e la scuola capofila può certificare l’adesione delle singole scuole.

Il DS Caroni riferisce in merito all’Asal. Il presidente P.Mazzoli è stato nominato capo segreteria del sottosegretario di stato M. Rossi Doria. Pertanto i quattro vicepresidenti si divideranno i compiti mentre il dirigente Fusacchia prenderà la rappresentanza della Presidenza. Tutti i presenti esprimono le proprie felicitazioni per l’importante ruolo assegnato al collega Mazzoli.

            Rispetto al dimensionamento gli EE.LL. si stanno muovendo per la sua attuazione dal prossimo anno scolastico. L’orientamento per le dirigenze dovrebbe essere quello di lasciarle nella sede, fra quelle dimensionate, con più alunni; l’Asal solleciterà la definzione di criteri chiari e trasparenti per l’assegnazione delle sedi ai Dirigenti nonché tempi certi e congrui per i passaggi istituzionali.
            Inoltre l’Asal nei prossimi mesi orienterà i suoi lavori al rafforzamento delle reti scolastiche e della progettualità delle medesime, darà sostegno alle scuole per il dimensionamento e per l’attuazione delle Linee guida del II biennio.

            In chiusura di seduta si concorda che, fatto salvo motivazioni dell’ultima ora, la prossima riunione si terrà a marzo, sia per avere i dati certi delle iscrizioni sia perché il primo giovedì di febbraio i DD.SS. saranno impegnati nel Convegno sui DSA.

La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato il DS Santoro

 

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL GIORNO 6 dicembre 2012

Il giorno 6 dicembre 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

Resoconto della riunione dei docenti referenti
Richiesta di adesione alla rete dell’Istituto I.S. paritario “Minerva”
Formazione D.L.vo 81/08
Autovalutazione e prove Invalsi
Orientamento scuole superiori
Valutazione a.s. 2012-2013
Confronto scuole superiori sulla mobilitazione studentesca e confronto sulle iniziative di protesta in atto nelle scuole del territorio
        

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “I.C. Via dei Sesami”), A. Caroni (I.C. Via Tor de’ Schiavi), T.Santoro (“I.C. “Via Olcese”), A.Cataneo (Liceo scientifico “T.Levi Civita”), D.Patrizio (I.C. “Via Pirotta”), D. Gentilini (I.C. “Via Aretusa”), P. De Paolis (I.I.S.S. “G.Ambrosoli”), F. Longhi (I.C. “Via Laparelli”), A. Simonelli (I.C. A.Manzi), A. Larocca – su delega del DS (I.C. “Via Ferraironi”), G.Mercurio (I.C. “Piazza De Cupis”); è presente il D.S. B.Vallefuoco (I.S. paritario “Minerva” ); sono presenti i docenti referenti M.Cortellessa (I.C. A.Manzi); il docente Vicario (I.C. “Via Aretusa”); è presente inoltre, nella seconda parte della riunione, W.Giacomini (I.C. “Largo Cocconi”)

           
            In apertura di seduta viene data copia ai presenti del verbale della riunione dei docenti del 28 novembre 2012 e il referente, l’insegnante Cortellessa, procede alla lettura del medesimo fornendo alcuni chiarimenti a riguardo.
            Rispetto al tono del verbale, viene condivisa la posizione del DS Santoro che si sente amareggiata ed esprime perplessità nei confronti dei docenti in quanto, pur con posizioni diversificate, dalla riunione dei Dirigenti non è mai apparsa una contrapposizione netta rispetto ai docenti né questo è mai stato lo spirito della Rete. Si ritiene infatti che i DD.SS. abbiano complessivamente sostenuto le posizioni dei docenti e, quando necessario, abbiano espresso le loro posizioni ‘critiche’ nel merito delle riforme e degli interventi del governo sulla scuola, sempre però, ovviamente, nel rispetto del loro ruolo istituzionale. Dispiace invece constatare che da parte dei docenti emerga una posizione di contrapposizione nei confronti dei Dirigenti scolastici, quasi fossero sentiti come una controparte e non come ‘uno’ degli attori dei processi scolastici. L’insegnante Cortellessa chiarisce però che il tono del verbale non corrisponde pienamente al clima della riunione nella quale la maggior parte dei docenti ha espresso posizioni diverse da quelle verbalizzate e posizioni comunque di collaborazione nei confronti dei DD.SS.
            Si entra quindi nel merito delle questioni che i docenti di rete hanno deciso di sottoporre all’attenzione dei DD.SS. e delle relative proposte:

  • punto 1: richiesta di collegamento del sito di rete ai siti delle singole scuole ed inserimento di un indirizzario di siti utili

I DD.SS. ricordano che il sito di rete è già collegato ai siti di ogni singola scuola e che è già presente anche una parte con i link utili che è aggiornata continuamente dal webmaster in base anche alle segnalazioni delle scuole. Dal momento che i docenti hanno inoltre segnalato la necessità di rivalorizzare il sito della rete inserendo le esperienze delle singole scuole, i DD.SS. invitano i docenti ad esplorare meglio il sito che oltre ad essere ricco di segnalazioni delle iniziative delle scuole, presenta anche un’ ampia panoramica di tutti i progetti più significativi realizzati dalla rete negli ultimi dieci anni.

  • punto 2: sportello di ascolto presso Liceo Kant – richiesta di intervento della Rete per ripristinare il servizio

Purtroppo la rete non ha titolo per ripristinare un servizio gratuito che la ASL ha potuto garantire fino a questo momento non solo nel Liceo Kant ma anche in altri istituti; i recenti tagli rendono difficoltosa anche per le ASL l’attuazione di interventi gratuiti nelle scuole.

  • punto 3: corso L2 organizzato da Biblioteche di Roma – richiesta di attivazione dei corsi nelle singole scuole

non sono pervenute richieste specifiche ai DD.SS. della rete presenti alla riunione da parte dei loro referenti.

  • punto 4: richiesta ai DD.SS. di attivarsi per proporre un archivio di rete in maniera tale che ogni scuola possa mettere a disposizione i testi presenti nella propria biblioteca.

La proposta trova interesse da parte dei presenti anche se appare difficoltosa la sua realizzazione sia perché i programmi di catalogazione sono estremamente costosi sia perché manca il personale preposto a tale attività.
           
            Si passa quindi alla discussione del 7 punto all’o.d.g. in quanto il malessere nelle scuole e le numerose iniziative di mobilitazione sono in linea con le posizioni critiche e di protesta emerse  nella riunione dei docenti.  Prende la parola il DS Caroni che riferisce come anche all’Asal  ci sia piena consapevolezza del momento di difficoltà che la scuola sta attraversando. Per tale ragione si sta valutando l’opportunità di predisporre una lettera aperta ai docenti che ponga alcune questioni fondamentali: di chi è la scuola? È giusto che la prima reazione sia di protesta ma poi? Il contesto attuale è molto difficile e quindi è necessario difendere una idea di scuola di tutti dove tutti si impegnano nonostante i tagli e le difficoltà ma senza abdicare alle proprie idee ed ai valori della legalità. Interviene il DS Cataneo che sottolinea come sia di difficile gestione tutta la questione delle ‘occupazioni’. Chi garantisce in questo caso la vigilanza e la sicurezza? Chi garantisce che nessuno si faccia male e che non ci siano comportamenti poco coerenti con i valori della protesta se non decisamente pericolosi? Chi ripara i danni che, regolarmente, si verificano durante le occupazioni? Probabilmente l’occupazione è ormai una modalità arcaica di protesta che presenta notevoli rischi su ciò che può accadere mentre sarebbe meglio favorire le forme di auto-gestione più consapevoli e meno soggette all’infiltrazione di estranei. Il DS De Paolis concorda specificando che, pur comprendendo le esigenze dei ragazzi, il ruolo del dirigente impone un senso di responsabilità diversa al fine di evitare anche le ovvie e sempre presenti connotazioni politiche delle occupazioni. Condivide invece le iniziative di auto-gestione, la settimana dello studente e tutto ciò che può favorire la riattivazione del ruolo istituzionale degli studenti che sono stati democraticamente eletti negli organi collegiali. A volte le ‘maggioranze’ nelle assemblee decidono cose improprie e non legali come l’occupazione che non è una possibilità ma è una violazione della legge. Richiama quindi all’importanza della legalità nelle forme di protesta. In tal senso, riferendosi alle posizioni di alcuni collegi docenti, sottolinea come alcune delibere sono improprie in quanto tali (si fa riferimento al blocco di attività previste per contratto) mentre è possibile votare un ordine del giorno.
            Ci si confronta quindi sulle diverse posizioni dei collegi docenti sottolineando nuovamente come alcune proteste siano legittime e condivisibili ma non supportabili da delibere di collegio: blocco del ricevimento dei genitori, blocco della correzione dei compiti, ecc.
            I DDSS. concordano nel ritenere che le proteste debbano sempre avvenire nell’ambito della legalità sia da parte dei docenti che da parte degli studenti e che il ruolo del dirigente non può che essere quello di garante della legalità.
           
            Si passa quindi alla discussione del secondo punto.
Il prof. Biagio Vallefuoco, Dirigente Scolastico dell’istituto di istruzione superiore paritario “Minerva” del V municipio, rinnova la sua formale richiesta di adesione alla rete, specificando che nell’istituto da lui diretto verrà attivato un indirizzo aeronautico, al momento assente nel territorio del VI e VII municipio.
Dopo un’ampia discussione i presenti esprimono grande soddisfazione in relazione alla proposta ma ritengono opportuno, in prima istanza, che sia accolta una adesione limitata agli aspetti formativi ed al confronto su tematiche comuni, in attesa di prevedere, nel protocollo di rete, l’eventuale modalità di adesione delle scuole paritarie e/o di altri soggetti formativi del territorio. Pertanto l’istituto Minerva farà parte della rete per il corrente a.s. con tale modalità, parteciperà alle riunioni ed agli scambi tematici e formativi ma non verserà la quota.

            In relazione al punto 3, in assenza del DS Infantino che aveva dato disponibilità ad una prima indagine sulle proposte formative e sui loro costi, si concorda sulla necessità di utilizzare i fondi inviati dall’USR sull’aggiornamento per rispondere agli obblighi di legge relativi alla formazione D.L.vo 81/08. Si ribadisce altresì quanto ciò penalizzerà la formazione relativa alla didattica che sarà attuata in subordine e quanto la norma non tenga comunque assolutamente conto della specificità della scuola come ambiente di lavoro.
Rispetto al problema della formazione obbligatoria dei DD.SS. il Ds Cataneo informa di aver predisposto una lettera di richiesta formale da inviare all’USR Lazio per la formazione dei Dirigenti scolastici affinché la stessa non avvenga a spese dei medesimi. Tale lettera sarà inviata quanto prima a firma di tutti i DD.SS. della Rete.

Sul punto 4 si apre un’ ampia discussione sia sulle prove Invalsi che sulla necessità di procedere a forme di Autovalutazione all’interno della scuola, per altro previste anche per legge. Si concorda di costituire, nella prossima riunione di rete, un gruppo di lavoro formato da Dirigenti e Docenti che esamini le pratiche in atto nelle scuole della rete al fine di condividere l’impostazione e proporre una modalità comune e condivisa anche nell’utilizzo degli strumenti; sarà prezioso in tale gruppo il contributo dei Dirigenti neo immessi in ruolo che hanno, fra le priorità della loro formazione, proprio tale argomento.
Si concorda sulla necessità inoltre che, dall’autovalutazione, possano poi emergere nodi critici sui quali lavorare in modo condiviso al fine del miglioramento di aspetti fondamentali all’interno delle scuole (per esempio i problemi relativi alla comunicazione) con la condivisione di soluzioni e buone pratiche.
            Si discute brevemente sulle proposte di legge relative alla valutazione dei docenti; si condivide la problematica della mancanza di livelli intermedi nelle scuole (i così detti ‘quadro’ nelle altre organizzazioni lavorative) necessari però nello organizzazioni sistemiche la cui mancanza penalizza l’organizzazione scolastica in quanto chi si assume tali compiti non è mai personale specifico formato a tale compito. Si condivide inoltre la necessità di valorizzare comunque la formazione del personale docente ed ATA, temi sui quali si investe poco anche livello ministeriale.

            Sul punto 5 ci si confronta brevemente, ribadendo quanto già detto nella precedente riunione, senza poter pervenire ad alcuna proposta concreta per la presenza di sole due scuole superiori.
            Il punto 6 non viene trattato.

                       
La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato
Il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL GIORNO 15 NOVEMBRE 2012

Il giorno 15 novembre 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

Resoconto della riunione dei docenti referenti
Formazione D.L.vo 81/08
Bilancio di rete
Iscrizioni in corso d’anno e trasferimenti degli alunni: procedure da adottare per accordo di rete
Orientamento scolastico
Per livelli scolastici:
Scheda di valutazione a.s. 2012-2013
Rinnovo appalti refezione scolastica
        

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “I.C. Via dei Sesami”), A. Caroni (I.C. Via Tor de’ Schiavi), T.Santoro (“I.C. “Via Olcese”), M.Frasca (I.C. “Via Anagni”), N.Fiorini (I.C. “Via Luchino dal Verme”), A.Cataneo (Liceo scientifico “T.Levi Civita”), D.Patrizio (I.C. “Via Pirotta”), Vicario (I.C. “Via Aretusa”), sono presenti i docenti referenti C.Falsetti (I.C. Via Tor de’ Schiavi) e M.Cortellessa (I.C. A.Manzi); è presente inoltre, nella seconda parte della riunione, W.Giacomini (I.C. “Largo Cocconi”)

            In apertura di seduta il prof. Biagio Vallefuoco, Dirigente Scolastico dell’istituto di istruzione superiore paritario “Minerva” del V municipio, saluta i colleghi della rete e presenta formale richiesta di adesione alla rete medesima, specificando che nell’istituto da lui diretto verrà attivato un indirizzo aeronautico, al momento assente nel territorio del VI e VII municipio. I DD.SS. accolgono con piacere la richiesta, riservandosi di discuterne nella prossima riunione di rete prevista per la prima settimana di dicembre, al fine di valutare le modalità ed i criteri di partecipazione di altre realtà formative presenti nel territorio a garanzia della più ampia diffusione all’utenza delle opportunità di formazione.
            Il D.S. Fiorini chiede una breve presentazione delle attività della rete. Il coordinatore, D.S. Santoro, descrive brevemente il protocollo d’intesa specificando le finalità e gli obiettivi della rete, le sue caratteristiche principali, le attività realizzate negli ultimi anni nonché le criticità consistenti nella difficoltà di rendere costante la partecipazione delle scuole e di aumentare la condivisione delle iniziative e dei progetti. Con l’occasione informa che, in relazione al progetto Legge 440, il gruppo di rete Osservatorio Integrato sulla disabilità ha predisposto un progetto che è stato presentato entro i termini all’USR Lazio e per il quale si è reso disponibile ad essere scuola capofila il DS Pintus che viene pubblicamente ringraziato per la sua consueta generosità. Il progetto è stato inviato a tutte le scuole che hanno aderito.
Prende quindi la parola il DS Frasca che descrive il progetto di rete sul Curricolo verticale finanziato dalla Regione Lazio, in prosecuzione di quanto già realizzato dalla rete. Lamenta le difficoltà incontrate nella fase di prima attuazione del progetto che ha purtroppo coinciso con le procedure di dimensionamento delle scuole comportando spesso defezioni e difficoltà organizzative. Si augura che tali difficoltà non comportino un parziale ritiro dei finanziamenti cosa che metterebbe in una condizione di difficoltà la rete in quanto il progetto viene realizzato in collaborazione con l’Università.
I presenti concordano nella necessità di una maggiore sensibilizzazione dei collegi docenti e dei colleghi dirigenti scolastici in fase di predisposizione di progetti di tale spessore al fine di supportare il lavoro della scuola che si è resa disponibile in qualità di capofila.
           
Si inizia quindi la discussione del primo punto all’o.d.g.
            Prende la parola l’insegnante Cortellessa che riferisce come, nell’ultima riunione dei docenti referenti, abbia prevalso la discussione ed il confronto sulle iniziative di protesta messe in campo dalle singole scuole.
            Interviene il DS Pintus il quale ritiene che tali discussioni debbano avvenire nei giusti luoghi e non durante le riunioni di rete che sono riunioni a carattere tecnico dove i docenti vanno per condividere progettualità e proposte di tipo didattico, così come ritiene che anche il Collegio Docenti sia un organo di tipo tecnico nel quale non è possibile dare spazio a discussioni di tipo politico-sindacale. Dal momento che è comunque giusto dare la possibilità ai docenti delle scuole della rete di aprirsi ad un confronto e ad un dibattito, propone che tale opportunità trovi altri spazi ed altri tempi, offrendo la disponibilità, su richiesta, dei locali della sua scuola. Il DS Caroni ripercorre i motivi della protesta evidenziando che sono molteplici e diversi tra di loro e concorda sulla necessità che vengano discussi in altra sede. Tali opinioni sono sostenute da tutti i DD.SS. presenti pur essendo i medesimi solidali con la posizione dei docenti e disponibili ad offrire loro spazi adeguati e nell’ambito della legalità per il confronto democratico sulle problematiche della scuola. Viene accolta la richiesta del prof. Natalini di partecipare all’incontro per riferire le posizioni dei docenti e le iniziative che si intende mettere in campo. In premessa il DS Santoro riferisce al prof. Natalini la posizione dei DD.SS. che lamentano l’utilizzo ‘improprio’ degli spazi delle riunioni della rete dedicati agli aspetti tecnici e didattico/progettuali; riferisce comunque che i DD.SS. sono disponibili a dare voce ai docenti ed a supportarli nelle loro iniziative per quanto possibile ma nei limiti delle norme; il prof. Natalini si scusa per quanto accaduto nella riunione dei docenti ma chiarisce che è stata la prima volta e che l’urgenza del momento ed il malessere dei docenti per le misure di risparmio ventilate dal governo e che coinvolgono le scuole, nonché per le riforme in discussione, ha reso indispensabile questo primo momento di confronto. Il DS Fiorini chiede un chiarimento sulla rete e sullo spazio dedicato alle proteste dei docenti. Il DS Santoro risponde che nelle riunioni di rete si è sempre discusso sulle riforme introdotte dal governo predisponendo anche dei documenti di riflessione sulla ricaduta che le riforme attuate o in discussione avevano sulla qualità della scuola pubblica, ma ciò non ha mai portato a discussioni di tipo politico e/o sindacale. Dato il momento particolare e le forme di protesta attuate o in via di attuazione da parte dei singoli Collegi Docenti viene data la parola al prof. Natalini che espone brevemente le risultanze dell’incontro dei docenti; il DS Santoro comunica l’intenzione del presidente del VII Municipio Roberto Mastrantonio di organizzare una giornata evento di tipo culturale a via dei Castani, nella quale sarà dato spazio, dal Municipio stesso, e voce alle proteste dei docenti. Il prof. Natalini chiarisce i termini di tale iniziativa: l’8 dicembre, dalle ore 16.00 alle ore 24.00, via dei Castani, chiusa al traffico, sarà utilizzata per stand e iniziative legate alla cultura ed al mondo della scuola con il supporto del Municipio VII; a tale iniziativa sono invitate a partecipare anche le scuole del VI municipio. In tale sede i docenti intendono predisporre iniziative di protesta. Viene richiesta l’apertura dei locali dell’I.C. “Via Tor de’Schiavi” ed in particolare dei plessi di scuola primaria Pezzani e Cecconi in quanto possono rappresentare luoghi di ritrovo al chiuso per i partecipanti. Il DS Caroni afferma di non aver ancora ricevuto alcuna comunicazione in proposito e si riserva pertanto di esprimere un parere sulla concessione dei locali eventualmente richiesti.
Il DS Santoro, in accordo con il Presidente Mastrantonio, trasmetterà comunque alle scuole la comunicazione dell’iniziativa e le sue principali caratteristiche così come le verranno comunicate. Il prof. Natalini informa che giovedì 16 novembre, presso l’I.C. Via dei Sesami, si svolgerà una riunione di coordinamento.

Si passa quindi al punto due all’o.d.g.
            In relazione al punto 2, in assenza del DS Infantino che aveva dato disponibilità ad una prima indagine sulle proposte formative e sui loro costi, si rimanda tale punto alla prossima riunione. Viene però sollevato il problema della formazione obbligatoria dei DD.SS. Dopo breve discussione si concorda di predisporre una richiesta formale all’USR Lazio per la formazione dei Dirigenti scolastici affinché la stessa non avvenga a spese dei medesimi. Il DS Santoro ricorda che in anni precedenti l’USR Lazio ha organizzato tale formazione obbligatoria. Il DS Cataneo prende l’impegno all’elaborazione della richiesta formale a nome dei DD.SS. della Rete.

Si passa al punto tre all’o.d.g.
Il DS Santoro relaziona sul bilancio di rete al 14 novembre 2012. La quasi totalità delle scuole ha versato la quota fino al 2012 e pertanto il bilancio risulta così composto:


ENTRATE
 

AVANZO 2011

€ 2348,23

QUOTE SCUOLE 2012

€ 2679,50

TOTALE ENTRATE

€ 5027,73

   

USCITE

 

QUOTA ASAL PER 29 SCUOLE

€ 725,00

HOSTIN RETE SCUOLE

€ 192,19

COMPENSO DSGA comprese ritenute

€ 360,00

WEB MASTER TALAMONTI comprese ritenute

€ 2000,00

TOTALE USCITE

€ 3277,19

   

Il DS Santoro ricorda che:

  • la quota del DSGA prevista nel protocollo è di € 500,00, cifra che il DSGA Crialesi non ha richiesto nei precedenti anni scolastici e che è stata retribuita quest’anno a compenso del lavoro preparatorio della gara per la convenzione di cassa;
  • che nel protocollo è prevista una cifra per materiale di facile consumo che non è stata mai utilizzata

            Dopo una breve discussione i presenti decidono quindi quanto segue:
- visto l’avanzo del bilancio di rete di € 1750,54 derivato da un primo accantonamento finalizzato ad un fondo di riserva necessario per evitare situazioni debitorie negli impegni di spesa sottoscritti dalla Rete e dal recupero di crediti da parte delle scuole firmatarie
- visto il numero ridotto di scuole in seguito ai dimensionamenti
- valutate le difficoltà economiche delle medesime scuole
            la quota per l’anno 2013 (ultimo anno di vigenza del protocollo valido per l’a.s. 2012-2013) resterà di € 125,00 da versare a partire dalla fine di gennaio sul conto corrente della scuola capofila IC “Via Olcese”; verranno retribuiti ‘una tantum’ i docenti referenti di rete con un compenso forfetario comprese le ritenute di legge di € 500,00 fatte salve le spese prioritarie e il pagamento da parte di tutte le scuole firmatarie.
            Al rinnovo del protocollo le scuole aderenti valuteranno la revisione della  quota da versare.

Punto 4.
Si discute sulle iscrizioni in corso d’anno e sui trasferimenti degli alunni da una scuola all’altra del territorio. I DD.SS. presenti concordano la seguente posizione:

  • in base alla disponibilità dei posti si accolgono alunni trasferiti da altri territori
  • in caso di richiesta di iscrizione da scuole del medesimo territorio della rete i DD.SS. si impegnano a concordare l’eventuale trasferimento in base alla valutazione della singola situazione non appoggiando posizioni estemporanee dei genitori

In relazione alle iscrizioni alle scuole second. di I grado si evidenziano alcune criticità nel territorio in quanto in alcuni istituti comprensivi non c’è equilibrio fra le classi in uscita della scuola primaria e quelle tradizionalmente formate per la sec. di I grado. Il DS Fiorini ritiene che un buon lavoro sul curricolo verticale è un investimento proprio in tale direzione e che il momento attuale è un momento di transizione, auspicando un bilanciamento negli anni futuri.
I DD.SS. ritengono che sarebbe opportuno pensare alla possibilità di una mappatura del territorio al fine di concordare le zone di pertinenza delle singole scuole fatta salva la libertà di scelta dei genitori.
I DD.SS. si impegnano comunque a garantire le iniziative di continuità che tradizionalmente hanno caratterizzato i flussi dai plessi di scuola primaria ai plessi di scuola sec. di I grado a prescindere dagli Istituti Comprensivi derivati dal dimensionamento. Ciò si rende necessario in particolare per quegli I.C. i cui plessi di primaria e di sc.sec. di I grado non sono numericamente equilibrati.
Punto 5.
In relazione all’Orientamento si concorda la necessità di adottare un codice etico nei confronti dei genitori e delle altre scuole del territorio garantendo a tutta l’utenza una corretta presentazione delle offerte formative di tutte le scuole superiori presenti nel territorio. Si auspica la possibilità che a tutti i genitori delle classi terze di sc. sec. di I grado siano dati stampati informativi predisposti in rete e relativi agli open day di tutte le scuole superiori del territorio.
Il DS Cataneo informa che il Municipio VI, nella persona del Presidente della Commissione scuola Sig. Massimo Lucà, ha promosso un progetto intitolato School day: i giorni 1 e 2 febbraio 2013 le scuole del territorio avrebbero a disposizione uno spazio presso la casa della cultura di Villa de Santis per presentarsi al territorio, una sorta di "vetrina"; ma ci sarebbe anche la possibilità di organizzare incontri e dibattiti sui problemi e le prospettive della scuola in generale o delle nostre scuole in particolare.

Il DS ricorda ai DD.SS. che il giorno lunedì 19 novembre si procederà, presso il suo istituto, all’apertura delle buste relative alla gara per la nuova convenzione di cassa delle scuole della rete che hanno aderito e che per tale ragione è indispensabile la presenza del DS o del DSGA delegato o di altro delegato del DS.

                       
La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato
Il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL 4 OTTOBRE 2012

Il giorno 4 ottobre 2012, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

Revisione del protocollo d’intesa in seguito ai dimensionamenti
Spending review: novità per la scuola
Pagelle e registri elettronici
Contrattazione di istituto
Proposte dei docenti referenti di rete
progetto di rete per l’integrazione scolastica
        

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. “I.C. Via dei Sesami”), F.Conte (I.C. “Viale Venezia Giulia”),  A. Caroni (I.C. Via Tor de’ Schiavi), T.Santoro (“I.C. “Via Olcese”), P. De Paolis (I.I.S.S. “G.Ambrosoli”), M.Frasca (I.C. “Via Anagni”), F. Longhi (I.C. “Via Laparelli”), A. Simonelli (I.C. A.Manzi), A. Pirrotta (vicario I.C. “Via Luchino dal Verme”), A.Cataneo (Liceo scientifico “T.Levi Civita”), G.Infantino (Liceo classico “I.Kant”); sono presenti i docenti referenti C.Falsetti (I.C. Via Tor de’ Schiavi) e R.Zarra (I.C. “Via Ferraironi”)

            In apertura di seduta si informano tutti i presenti della impossibilità, in data odierna, di avere la presenza dei Dirigenti Scolastici di nuova immissione in ruolo in quanto impegnati in un incontro al Miur.
            Si inizia pertanto la discussione del primo punto all’o.d.g.
            I presenti concordano nel ritenere l’attuale protocollo ancora valido in quanto, pur avendo molte scuole cambiato denominazione e codice meccanografico a seguito dei dimensionamenti, molte altre (tre istituti comprensivi già esistenti e tutte le scuole superiori) non hanno subito alcuna variazione; quasi tutte le scuole dimensionate avevano aderito al protocollo, ad eccezione della S.M.S. “Verga”, che non ha però mantenuto la sua sede legale ed i cui plessi sono stati ceduti a scuola già aderente alla rete; pertanto si ritiene di poter mantenere valido il protocollo triennale già in essere, con scadenza naturale nel corrente anno scolastico e con eventuale rinnovo a partire dal mese di settembre 2013, fatto salvo eventuali pareri contrari dei rispettivi consigli di istituto in via di rinnovo. Nella prossima riunione verranno infine portati i dati di bilancio per verificare l’eventuale necessità di modificare la quota per l’anno 2013 e definire il compenso per i referenti di rete per l’anno scolastico appena concluso.

Si passa quindi al punto due all’o.d.g.
Si discute ampiamente di alcune questioni condividendo le seguenti relative posizioni:

  • ferie non godute dal personale supplente

in attesa di disposizioni da parte del MIUR si procederà a dare le ferie d’ufficio, compatibilmente con il periodo della supplenza, nel periodo di sospensione delle attività didattiche (feste natalizie e pasquali)

  • nuova convenzione di cassa

i DD.SS. presenti sono d’accordo nel delegare ai DD.SS.GG.AA., che si incontreranno a breve, la valutazione della possibilità di procedere ad una convenzione di cassa in rete, nella speranza che gli istituti di credito, poco interessati alle scuole in seguito alle novità introdotte dalla Spending Review, siano maggiormente invogliati da una convenzione di rete.

Si passa al punto tre all’o.d.g.
Il D.S. Santoro esprime, insieme a numerosi colleghi, le perplessità per l’attuazione di una norma che prevede un profondo rinnovo delle attrezzature informatiche delle scuole, in particolare degli istituti comprensivi, nonché la necessaria formazione dei docenti in tal senso. Mancano i fondi per tale rinnovo e pertanto è molto difficile attuare la nuova norma senza oneri per l’amministrazione. In attesa di disposizioni operative da parte del Ministero le scuole provvederanno autonomamente a valutare le varie offerte disponibili sul mercato e l’eventuale possibilità di attuare la norma fin dal corrente anno scolastico. Sicuramente si potrà procedere alla pagella on-line utilizzando la piattaforma messa a disposizione delle scuole dal MIUR, più difficilmente si riuscirà, almeno per il corrente a.s., a dare attuazione ai registri elettronici in mancanza di adeguati fondi da parte del ministero.

Punto quattro.
In materia di norme sulla Contrattazione integrativa di istituto permangono le problematiche già discusse nell’a.s. precedente e relative alle materia da contrattare. In alcune scuole si sono verificati conflitti fra DD.SS. e OO.SS., oppure si sono verificati rilievi da parte dei Revisori.
Dopo aver esaminato le diverse casistiche e le diverse posizioni si passa all’esame delle difficoltà presenti nelle scuole dimensionate in fase di avvio della contrattazione (mancanza di RSU, RSU decadute ancora presenti nelle Istituzioni scolastiche, incertezza sui fondi per il salario accessorio, ecc.)

Si passa alla discussione del 6 punto rimandando il 5 alla fine della seduta.
Prende la parola l’insegnante Zarra che relaziona sulle numerose iniziative dell’Osservatorio  territoriale integrato sulla disabilità che è ormai diventato un fiore all’occhiello della nostra rete e punto di riferimento nel nostro ed in altri territori. Viene consegnata ai presenti una sintesi delle attività principali e delle proposte per il futuro come di seguito sintetizzate.
Entro il mese di novembre si concluderà il corso di aggiornamento avviato nello scorso anno scolastico.
Si propone l’avvio di un progetto di ricerca-azione “Index per l’inclusione scolastica”, co-organizzato con la cattedra del prof. Bocci (Pedagogia speciale – Roma Tre) sugli indicatori per la qualità dell’integrazione scolastica ridefiniti in ambito territoriale
Il dott. Ciambrone ha richiesto un aggiornamento della rete dei centri territoriali di supporto all’integrazione scolastica: sono state fatte quattro candidature fra le quali una è quella della Rete del XIV-XV distretto, viene richiesto pertanto che l’I.C. Via Ferraironi possa essere ufficialmente il centro di supporto di rete nell’ambito dell’integrazione scolastica, fermo restando le singole autonomie delle istituzioni del territorio. La docente dell’Iqbal Masih M.Mencarelli (ora in pensione) ha dato disponibilità per una collaborazione a titolo gratuito. Si accolgono entrambe le richieste.
Infine l’insegnante Zarra informa che è stata organizzata una conferenza per le famiglie del VI municipio da parte di un comitato di genitori in relazione ai BES ed alle novità sull’integrazione scolastica; è stato richiesto il patrocinio della rete del XIV-XV distretto; i presenti, pur apprezzando l’iniziativa, non ritengono però che la rete possa dare tale patrocinio in quanto iniziativa non organizzata dalla rete che non ritiene inoltre di essere un soggetto idoneo a dare patrocini.

Punto cinque.
Prende la parola il referente dei docenti insegnante C.Falsetti.
Relaziona sui lavori dei diversi gruppi e sulle proposte per l’anno scolastico in corso.

  • Intercultura: è stato predisposto un protocollo d’accoglienza per gli alunni stranieri con allegate prove di ingresso; il medesimo sarà inviato alle scuole della rete per condividerlo e sperimentarlo; si ricorda che la proposta era che il medesimo protocollo fosse inserito nel nuovo protocollo di rete
  • Valutazione: il gruppo proseguirà i lavori anche sulla base delle nuove indicazioni nazionali; si concentreranno in particolare le attività sul curricolo verticale e sull’orientamento, per il quale un buon curricolo verticale è sicuramente la strategia migliore per lavorare realmente sulle potenzialità degli alunni. I docenti hanno concordato inoltre sulla necessità che le iniziative sull’orientamento organizzate dalle singole scuole  siano condivise in rete. Si propone infine che nella riunione di dicembre partecipino anche i referenti dell’orientamento di ogni singola scuola con specifico punto all’o.d.g.
  • È stato concordato un lavoro comune alle scuole sulla educazione alla legalità, in quanto emergenza molto sentita nel territorio e a tutti i livelli scolastici.

Si discute infine sulla modalità di incontro fra i DD.SS. delle scuole ed i referenti di rete delle singole scuole; dati i cambiamenti che hanno coinvolto la maggior parte degli istituti scolastici della rete si richiede alle singole scuole di individuare quanto prima il referente, qualora tale figura non sia presente all’interno degli istituti. Ciò potrà facilitare la circolazione delle notizie all’interno della rete e l’organizzazione dell’incontro fra DD.SS. e docenti referenti.
            Infine l’insegnante Falsetti riporta la richiesta del prof. Natalini di richiedere alla Regione Lazio maggiore trasparenza nelle graduatorie di assegnazione dei fondi regionali a seguito di bandi per progetti scolastici. Il DS Santoro risponde che tale richiesta è già stata presentata senza esito. Il DS Caroni sottolinea inoltre che in questo momento manca anche l’interlocutore al quale sollecitare la risposta.

            Fra le varie il DS Infantino propone di informarsi sui diversi corsi di formazione per il decreto L.vo 81/2008, al fine di poter nuovamente organizzare tale formazione in rete. I presenti concordano.
            Si discute infine sulla problematiche relativa alla somministrazione dei farmaci agli alunni. Anche su tale tematica si propone di organizzare corsi specifici con la collaborazione della asl.
           
La riunione termina alle ore 12.00

 

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno 1 dicembre 2011

Il giorno 1 dicembre 2011, alle ore 9.00, i DD.SS. della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

1-Resoconto delle riunione dei docenti referenti
2-Formazione docenti (iniziative in atto e/o da proporre)
3-Progetto curricolo verticale (scuola capofila Cine-Tv Rossellini)
4-Situazione edilizia delle scuole (proposta del DS Cataneo per un censimento a livello di rete)
5-Scheda di valutazione a.s. 2011-2012
6.Dimensionamento scuole (aggiornamenti)
7-Occupazioni scuole superiori: resoconto riunione del 25 prossimo al Newton e situazione al 1 dicembre
8-Rinnovo appalti refezione scolastica

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto, 303° C.D. “Ungaretti”), , A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A.M.Giuliani (I.C. “Via Tor de’ Schiavi”), T.Santoro (34° C.D. “Madre Teresa di Calcutta”), G.Mercurio (80° C.D.), E.Labasi (S.M.S. “Parri” e S.M.S. “S. D’Acquisto”), W.Giacomini (81° C.D. “M.Polo”), A.Cataneo (Liceo scientifico “Tullio Levi Civita”), A.Simonelli (I.C. “A.Manzi”);
sono inoltre presenti i delegati delle scuole: 132° C.D. “Pirotta” (Roberta Bandettini), 19° C.D. “Toti” (insegnante Rinaldi), 126° C.D. “ Iqbal Masih” (insegnanti Zucchetta, Zarra), I.C. “Via Laparelli”, Liceo S. “Tullio Levi Civita” (Ugo Poce)

            La riunione inizia con la discussione del primo punto all’o.d.g.
In assenza dei docenti referenti di rete relaziona la referente della scuola Toti a nome delle colleghe impossibilitate a presenziare.
La docente illustra lo stato dei lavori del gruppo dei referenti e riporta le seguenti richieste da parte dei docenti:

  • l’organizzazione di corsi di aggiornamento e formazione che abbiano validità e siano riconosciuti e spendibili anche in altri istituti dove il docente può essere trasferito
  • corsi sulle tematiche degli alunni rom e migranti
  • corsi sulle tematiche dei DSA
  • presenza dei dirigenti nelle riunioni
  • posizione della rete sui dimensionamenti e richiesta di proroga

Infine comunica che il referente della scuola media San Benedetto propone di far diventare la propria scuola un polo per i migranti.
In merito alle richieste avanzate si apre una prima discussione sui corsi di aggiornamento e formazione; resta da chiarire cosa intendano i docenti per corsi riconosciuti; secondo il DS Santoro tutti i corsi organizzati dalle istituzioni scolastiche sono corsi di formazione riconosciuti e spendibili là dove il corso rispetta alcune regole di base in relazione alla durata ed al numero di assenze consentite; il DS Pintus ritiene che vadano comunque certificate le ore svolte dai docenti anche se inferiori. La discussione procede. Qualora i docenti intendano avere CFU questi non possono essere certificati dalle scuole ma da enti che ne hanno titolo; qualora invece vogliano avere corsi al termine dei quali possono diventare formatori a loro volta ciò non è fattibile per la rete perché detti corsi sono molto impegnativi come numero di ore di frequenza e come attività da svolgere e non possono essere organizzati dalle scuole.
Si ribadisce comunque la validità dei corsi di formazione e aggiornamento organizzati dalla Rete come titolo spendibile all’interno delle istituzioni scolastiche fermo restando che, stante l’attuale normativa contrattuale, i medesimi non danno alcun punteggio nelle graduatorie interne o nei trasferimenti.
In relazione al corso sui DSA si rimanda al punto 2.
Per quanto riguarda la partecipazione dei DD.SS. alle riunioni dei docenti, si chiedono chiarimenti in merito al ruolo che i medesimi dovrebbero avere, ricordando che in precedenti protocolli era prevista la partecipazione ma, per espressa richiesta dei docenti, è stata interrotta tale consuetudine.
Infine il DS Santoro ricorda che è stata già inviata dalla rete la richiesta di proroga per i dimensionamenti. Non si ritiene necessario inviarla nuovamente.

            Si passa alla discussione del secondo punto all’o.d.g.
            Viene presentato e aperto il corso sui DSA che ha ricevuto il finanziamento dall’USR Lazio per due moduli da 40h con scuole capofila: Iqbal Masih e San Benedetto.
            L’insegnante Zarra illustra la parte organizzativa che prevede, oltre alla giornata odierna di apertura del corso:

  • una conferenza del prof. Levi
  • 7 unità didattiche da 3h
  • 9h di attività e-learning
  • due giornate di Convegno finale

Ogni corso ha la durata di 40 ore con 32 ore obbligatorie per la certificazione finale.
Verranno successivamente inviate ulteriori comunicazioni.

            In relazione al punto tre all’o.d.g. si acquisisce la comunicazione del Cine-Tv Rossellini che è impossibilitato a partecipare alla riunione odierna. Si invita il DS Santoro a richiedere alla medesima scuola di organizzare un incontro per definire l’attuazione del progetto; detto progetto, la cui microrete è composta da: Cine-Tv Rossellini, scuola capofila, e dalle scuole superiori Benedetto da Norcia e Tullio Levi Civita, è stato finanziato con circa 12.700 euro ed ha come tematica principale il curricolo verticale, quale prosecuzione del progetto appena concluso.

            Punto 4. Il DS Cataneo propone un censimento delle necessità delle scuole in relazione alla situazione edilizia ed alle necessità di lavori ed arredi, ciò avrebbe un duplice scopo: per le scuole superiori la possibilità di utilizzare i finanziamenti della provincia in maniera da ottenere migliori prezzi di mercato; per le scuole primarie e secondarie di primo grado la possibilità di fare fronte comune per segnalare le enormi difficoltà delle istituzioni scolastiche ed inviare la richiesta di interventi prioritari nelle scuole a tutti gli EE.LL. superiori ai Municipi.
            La proposta è accolta favorevolmente con la specifica che al momento le scuole primarie e le secondarie di primo grado non dispongono comunque di fondi dedicati; il DS Labasi da anni fa richiesta ai Municipi per avere nuovamente assegnati i fondi per la piccola manutenzione.

            Punto 5. Scheda di valutazione.
            Rispetto ai modelli inviati dal Ministero si concorda che i medesimi non sono al momento vincolanti se non per le scuole che hanno aderito al progetto “Scuola mia” (comunicazioni on-line con le famiglie); pertanto si concorda che la competenza per il corrente a.s. in relazione alla definizione della scheda di valutazione resta ai Collegi Docenti delle singole scuole.

            In relazione al 6° punto all’o.d.g. non si hanno al momento novità sostanziali. Il DS Labasi informa sullo stato dei lavori e che, volendo, sarebbe possibile mantenere IC già esistenti anche se sottodimensionati; comunica inoltre la possibilità dei DD.SS. che non sono in scadenza di contratto di richiedere una sospensione del dimensionamento delle loro scuole ma informa anche che ciò comporterebbe quasi certamente la perdita del DSGA. In relazione al VII municipio sono stati fatti apprezzamenti per la proposta concordata con il Municipio.
            In merito al VI municipio ci sono ancora dei nodi critici da sciogliere.
            Al momento comunque, dopo la delibera comunale, il piano dei dimensionamenti non è ancora stato definitivamente deliberato dalla regione.
            Prende la parola il DS Pintus che, rappresentando preoccupazioni del suo Collegio, apre il dibattito sulle problematiche connesse alla continuità fra scuole primarie e scuole secondarie di primo grado.
            Dopo ampia discussione tutti i presenti concordano sul fatto che il diventare istituti comprensivi non significa chiudersi a progetti di continuità con altre scuole del territorio, questo perché significherebbe una chiusura alle altre scuole che elettivamente i genitori scelgono all’interno di un territorio; i dimensionamenti difficilmente riusciranno a creare I.C. ‘di zona’ e inoltre ai genitori deve essere lasciata la possibilità di scelta così come agli alunni deve essere garantita la continuità del percorso almeno nelle scuole che fanno riferimento agli stessi bacini di utenti.

            Per il punto 7 all’o.d.g., essendo presenti solamente due scuole superiori, il DS Cataneo riferisce brevemente sulle problematiche connesse alle occupazioni delle scuole superiori e su quanto emerso nella riunione che si è svolta al Newton su detta tematica e nella quale sono stati presentati interessanti documenti riassuntivi della parte normativa.

            Si passa quindi alla discussione dell’ultimo punto all’o.d.g.
            La maggior parte delle scuole presenti, pur considerando positivi alcuni aspetti dell’autogestione, hanno comunicato la loro intenzione di restare in appalto o passare dall’autogestione all’appalto per le difficoltà connesse alla complessità della materia (procedure di gara, fasce di pagamento, recupero crediti, ecc.) ed all’aggravamento di lavoro per le segreterie in un periodo particolarmente complesso per le scuole.

Si discute infine sulle problematiche connesse alle richieste di iscrizioni in corso d’anno là dove le scuole non hanno la possibilità di accoglierle. Si concorda di predisporre un protocollo di intesa per meglio definire la problematica nel quale inserire le disponibilità delle singole scuole in termini di posti/classi alle quali poter indirizzare gli alunni che richiedono l’iscrizione in corso d’anno.

Si concorda infine che la prossima riunione di rete si svolgerà il giorno giovedì 12 gennaio 2012.

            La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato
Il DS Santoro

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno 3 novembre 2011

Il giorno 3 novembre 2011, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Rinnovo del coordinamento di Rete
  2. Bilancio di Rete
  3. Progetto Curricolo verticale: evento conclusivo
  4. Dimensionamenti: aggiornamento sulla situazione attuale
  5. Problematiche varie di interesse comune

Sono presenti: Marco Pintus (S.M.S. San Benedetto e 303°C.D.), M.Frasca (S.M.S. Toniolo), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A. Caroni (21°C.D.), A.Cataneo (Liceo “Tullio Levi Civita”), A.Simonelli (I.C. A.Manzi), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de’ Schiavi), M.Picchiassi (107° C.D.), Vicaria (126°CD), Carla Mazzocchi (132° C.D.), T.Santoro (34° C.D.), dalle ore 11.20 W.Giacomini (81°CD)

            Ad inizio di seduta il DS Santoro comunica che i referenti dei docenti non saranno presenti in quanto non hanno ancora potuto incontrarsi per il mese di novembre; informa inoltre di aver inviato per mail la comunicazione di alcune iniziative dirette alle scuole della Rete.
            Si passa quindi alla discussione del primo punto. I presenti concordano nel mantenere le figure già esistenti per il coordinamento di rete:
A. Caroni, A. Cataneo, M. Pintus, A. Simonelli (con ruolo di referente per il XIV distretto) e T. Santoro (con ruolo di coordinatore e referente per il XV distretto)
            Si passa quindi alla discussione del secondo punto.
            Il DS Santoro rendiconta dettagliatamente le entrate nel bilancio della rete e le spese sostenute e già impegnate.
            Facendo riferimento a quanto previsto nel protocollo di rete, comunica che la quasi totalità delle scuole ha versato il contributo per il primo anno di € 200,00 e che il DSGA Crialesi, verificando le scuole che per motivi diversi non avevano versato il contributo nei precedenti anni scolastici, è riuscita a recuperare la maggior parte delle quote dovute; inoltre il DSGA si è riconosciuto solamente la retribuzione di € 480 per 20 ore di lavoro comprensive anche di quanto a lei dovuto per il precedente protocollo. Nel bilancio di rete sono confluiti inoltre i fondi per i corsi di aggiornamento PA04 organizzati a livello di rete per il personale amministrativo delle scuole e per i quali le singole scuole hanno contribuito con una quota specifica in base alle adesioni.
            Le entrate sono state:
avanzo amministrazione 2010: € 2086, 28
entrate 2011: € 6335, 35
per un totale di € 9049,63
            le spese sostenute e impegnate sono state le seguenti:
quota adesione Asal 2011: € 700,00
Server Plan- Hosting condiviso rete scuole: € 156, 30
20 h retribuzione DSGA per gli anni 2010 (vecchio protocollo) e 2011: € 480,00
Corso PA04 40 h: € 3255,00
Webmaster 2011 Valentina Talamonti: € 2000,00 (ancora da liquidare)
Per un totale di spese e impegni: € 6458,23

Fondo di riserva: € 2591,40
Non è stata ancora quantificata la cifra destinata al facile consumo della scuola capofila (€ 345,00) in quanto la medesima non è stata interamente impegnata.

Il DS Santoro, nel ricordare gli impegni di spesa assunti nel protocollo di rete, come da tabella, dichiara che non esistono più debiti da risanare ed al momento il bilancio di rete è in attivo; propone di verificare a fine anno, qualora tutte le scuole siano regolari con i pagamenti, la possibilità di retribuire, anche in minima parte, i due docenti referenti di rete per i quali, date le ristrettezze economiche delle scuole, non era stata prevista alcuna retribuzione; inoltre sottolinea come, i possibili dimensionamenti, potrebbero comportare minori entrate nel bilancio di rete a fronte di uguali spese (a parte la quota Asal) pertanto è fondamentale avere un piccolo fondo di riserva al fine di poter garantire il pagamento di tutti gli impegni assunti dalla Rete, considerando anche il fatto che tutte le quote dovute non coprono interamente le spese previste come di seguito specificato:

Previsione di spesa del Protocollo vigente:


gestione amministrativo-finanziaria

D.S.G.A. 34° C.D. Rita Crialesi

€  500,00

gestione del sito web della rete

Valentina Talamonti 

€  2000,00

Affitto hosting

 (IVA al 21%)

€    156,30

Materiale di facile consumo

 

€  345,00

Iscrizione all’ASAL

  25,00€ ogni scuola

€ 700,00

 

TOTALE

€ 3701,30

Previsione di entrate per il corrente a.s.:
29 scuole per € 125,00 =  €3625,00

Ricorda infine che il contributo per il secondo e terzo anno di vigenza del protocollo è determinato in € 125,00, comprensivo della quota di adesione all’Asal, da versare entro il mese di novembre 2011.

Si passa quindi alla discussione del 3 punto e prende la parola il DS Cataneo che illustra l’evento conclusivo del progetto di rete sul Curricolo verticale previsto per il giorno 10 novembre 2011. Il DS Cataneo, nell’evidenziare la qualità del progetto e dei risultati che verranno presentati, auspica che il medesimo possa continuare anche a fronte del reperimento di fondi. Comunica che è prevista l’eventuale pubblicazione degli Atti e che l’USR per il lazio organizzerà un evento conclusivo dedicato alla presentazione dei lavori da parte di tutte le 40 scuole che hanno partecipato a progetti finanziati dall’USR.
Ricorda che alcune scuole, pur avendo ricevuto il finanziamento per i docenti, non hanno provveduto alla loro retribuzione ed invita i colleghi interessati a provvedere quanto prima.
Invita alla più ampia partecipazione all’evento conclusivo del 10 novembre.

Punto 4: i DD.SS. si confrontano sulle novità dell’ultima ora in merito ai previsti piani di dimensionamento; in particolare sembra sempre più concreta l’ipotesi di una proroga richiesta anche da parte della rete con lettera ufficiale. In ogni modo sono numerosi i problemi che emergono in merito ai dimensionamenti; nel Municipio VI c’è ancora molto fermento riguardo ad alcune scelte; si discute sul problema della continuità e si concorda che, seppur appare logico che gli istituti già comprensivi siano facilitati nel portare avanti progetti di continuità, ciò non significa che i medesimi non possano essere attuati anche da scuole diverse che insistono sullo stesso territorio, anche tenendo conto delle scelte delle singole famiglie che in particolare in questo delicato momento non devono essere condizionate da probabili e possibili futuri dimensionamenti.

Punto 5.
Si discute su problematiche varie condivise dalle singole scuole: tagli agli organici, classi numerose, riduzione del personale, inadeguatezza dei fondi.

Infine la docente vicaria del 126° CD comunica, da parte dell’insegnante Zarra, la proposta dell’USR di attivare un GLH distrettuale.

Terminati i punti all’o.d.g. la seduta viene tolta alle ore 11.45

Ha verbalizzato

Tiziana Santoro

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno Giovedì 6 ottobre 2011

Il giorno Giovedì 6 ottobre 2011 alle ore 9,00 presso i locali della Scuola Secondaria di I Grado “San Benedetto” si è svolta la riunione dei Dirigenti Scolastici della rete del XIV e XV distretto per la discussione del seguente ordine del giorno:

1. rinnovo del coordinamento della Rete
2. problematiche connesse alla Dirigenza (contrattazione, prove Invalsi,dimensionamenti, situazione finanziaria delle scuole, organizzazione del
      tempo scuola, ecc.ecc.)

Sono presenti i Dirigenti Scolastici delle seguenti scuole:

SMS San Benedetto, 303° Circolo Didattico “Ungaretti”, 21° Circolo Didattico “Cecconi”, IISS “Di Vittorio Lattanzio”, 19° Circolo Didattico “Toti”,  SMS “Toniolo”, IC “Manzi”, IC “Via Tor de’ Schiavi”, Liceo Scientifico “Levi Civita”, Liceo Classico “Kant”, SMS “Parri”, SMS “S. D’Acquisto”, IC Valente ,  81 CD Marco Polo

Punto 1. In assenza della coordinatrice di rete, si decide di rinviare il punto alla successiva riunione.

Prima di procedere al punto 2 vengono fatte entrare ed ascoltate le rappresentanti delle associazioni del volontariato De masi e Braga che illustrano le proposte progettuali gratuite che si possono svolgere grazie ai centri servizi del volontariato del Lazio attivati con la legge 266/98. Comunicano inoltre che per ogni approfondimento si può consultare il sito www.volontariato.lazio.it 

Punto 2. Si opera una disamina delle principali criticità di avvio dell’anno scolastico.

  • Contrattazione: dopo ampia discussione, tesa a confrontarsi sulle diverse modalità attuate nelle scuole durante lo scorso anno scolastico, si conviene che rimane opportuno non operare modifiche sostanziali ed unilaterali di quanto concordato nelle ultime contrattazioni. I dirigenti si impegnano comunque a condividere le loro decisioni coinvolgendo il personale e a favorire un clima di collaborazione aperto e costruttivo.
  • Prove Invalsi: viene confermato un sostanziale riconoscimento della necessità di effettuare tali rilevazioni all’interno di un sistema nazionale  che ha bisogno di dati quanto più possibile oggettivi e confrontabili; rimangono alcune perplessità e difficoltà relative a questioni organizzative sollevate dai diversi collegi. Le scuole si organizzeranno per favorire lo svolgimento delle prove e per dare ai docenti i giusti riconoscimenti.
  • Dimensionamento: la situazione nel VII municipio sembra già definita, nel VI invece proseguono gli incontri tra Municipio e Scuole per cercare punti di intesa. La rete in ogni caso ha già espresso la propria posizione.
  • Situazione finanziaria: si riconosce che in molti casi i debiti pregressi si stanno sanando; permangono condizioni di notevole difficoltà con riferimento a tutte le voci che ricadono nel funzionamento ordinario.

Prima di concludere la riunione si fermano i DD.SS. delle scuole primarie e degli istituti comprensivi per un confronto sulla gestione delle supplenze: anche in questo caso emergono numerose nuove difficoltà legate ai nuovi quadri orari che sono stati adottati nelle scuole e alla ormai ridottissima quantità di compresenze; tali problematiche rendono sempre più necessario il ricorso a supplenze anche brevi o brevissime.

La seduta termina alle ore 12,00.

Il segretario verbalizzante

Andrea Caroni

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEi DD.SS del 28 SETTEMBRE 2011

Il giorno 28 settembre 2011, alle ore 15.00, i DD.SS. e i docenti referenti delle scuole della Rete del  XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

Problematiche di avvio dell’anno scolastico
Programmazione delle attività di rete per l’a.s. 2011-2012 
        

Sono presenti i DD.SS.: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto, 303° C.D. “Ungaretti”), , A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), F.Conte (77°C.D.), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de’ Schiavi), T.Santoro (34° C.D.), G.Mercurio (80° C.D.), P. De Paolis (117° C.D.), Lauricella (I.C. “Valente”), E.Labasi (S.M.S. “Parri” e S.M.S. “S. D’Acquisto”), W.Giacomini (81° C.D. “M.Polo”), A.Caroni (21° C.D. “Cecconi”), M.Frasca (S.M.S. “Toniolo”; è presente il docente referente C.Falsetti (21° C.D.) e i referenti delle scuole: 132° C.D., I.I.S. “Di Vittorio-Lattanzio”, Liceo Kant, 303° C.D., S.M.S. “S. D’Acquisto”, S.M.S. “Piranesi”, Liceo Benedetto da Norcia, S.M.S. “Toniolo”, S.M.S. “San Benedetto”, I.C. “Via Valente”, I.C. “Via Laparelli”.

            In apertura di seduta viene dato il benvenuto alla scuola media Salvo D’Acquisto che ha deliberato di entrare a far parte della rete.
Il DS Santoro riferisce quindi ai presenti la proposta di collaborazione presentata dai Centri di Servizio per il volontariato che hanno prodotto un opuscolo con i diversi progetti gratuiti che vengono offerti alle scuole; inoltre si rendono disponibili per incontri direttamente negli istituti per presentare più dettagliatamente i progetti.
Inizia quindi la discussione delle principali problematiche relative all’avvio dell’anno scolastico. L’insegnante Falsetti riferisce quelle che sono emerse durante la riunione dei docenti referenti di rete che si è svolta ad inizio anno scolastico:

  • problematiche relative ai tagli all’organico, in particolare nella scuola primaria dove sono state del tutto abolite le compresenze nelle classi prime e le ore assegnate ai docenti specialisti di lingua inglese che sono rientrati tutti su posto comune; ciò ha comportato lo stravolgimento dell’organizzazione oraria nelle diverse scuole al fine di poter garantire il tempo scuola scelto dai genitori; viene segnalato anche un taglio delle ore di sostegno
  • problematiche relative al numero di alunni per classe, in crescita in tutti gli ordini di scuola con evidente ricaduta sulla qualità della didattica
  • problematiche relative al taglio agli organici dei collaboratori scolastici
  • i previsti dimensionamenti che porteranno alla nascita di mega-istituti poco funzionali all’attuazione di POF di qualità
  • i continui tagli alle risorse economiche assegnate alle scuole

I docenti richiedono pertanto che la situazione venga chiaramente denunciata e propongono una assemblea pubblica che coinvolga i genitori di tutte le scuole della rete.
Ne segue un ampio dibattito durante il quale si evidenziano differenti posizioni; in particolare i DD.SS. ritengono che una assemblea pubblica in questo momento non raccoglierebbe grandi adesioni come già purtroppo accaduto in passato: i genitori che partecipano sono sempre quelli già informati ed anche i comitati dei genitori che si sono costituiti nelle diverse scuole non sempre sono riusciti a coinvolgere gli altri genitori. Il DS Pintus propone quindi di organizzare assemblee a livello territoriale per gruppi di scuole; il prof. Natalini propone l’organizzazione di notti bianche nelle scuole per sensibilizzare l’opinione pubblica; i docenti richiedono una maggiore incisività nelle posizioni dei DD.SS. di tutte le scuole della rete; i DD.SS. presenti lamentano di aver sempre denunciato la situazione di grave difficoltà delle scuole ma che molti genitori non comprendono fino in fondo le difficoltà delle scuole anche perché tutte le scuole hanno sempre cercato di dare l’offerta formativa migliore in relazione alle risorse assegnate; da parte delle scuole è stata una grande dimostrazione di senso di responsabilità ed è ciò che molti intendono continuare a fare.
Viene evidenziato come i Collegi docenti si stiano muovendo per mettere in atto azioni di protesta che verranno successivamente socializzate nelle riunioni dei docenti referenti.
In merito ai dimensionamenti viene riferito quanto già predisposto dai municipi VI e VII.
I DD.SS., sentite anche le proposte dei docenti, concordano nel sostenere, presso gli EE.LL.,  con un breve documento di rete, la richiesta dell’ASAL di rimandare almeno di un altro anno l’attuazione della norma di legge.
Si passa quindi alla discussione del secondo punto.
L’insegnante Falsetti riferisce l’intenzione dei docenti di continuare il lavoro già avviato nel precedente a.s. che ha visto la costituzione dei seguenti gruppi di studio:

  • intercultura (al fine di predisporre un protocollo di accoglienza degli alunni stranieri condiviso a livello di rete scolastica)
  • valutazione (per la definizione di modalità valutative condivise)
  • formazione (in particolare italiano come L2 e DSA)
  • progetti relativi all’educazione alla cittadinanza e costituzione e/o ad altre tematiche per le quali sono previsti finanziamenti di una certa rilevanza

I DD.SS. condividono l’impostazione.

I DD.SS. concordano di rivedersi il 6 ottobre al fine di potersi confrontare su questioni più tecniche in relazione all’avvio dell’anno scolastico. In tale occasione non ritengono necessario riconvocare i referenti dei docenti ai quali danno appuntamento per il primo giovedì di novembre.

            La riunione termina alle ore 19.00

Ha verbalizzato
Il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 1 GIUGNO 2011

Il giorno 1 giugno 2011, alle ore 11.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso il 107° C.D. “Giulio Cesare”, in Via dei Sesami Conte di carmagnola n. 27, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Comunicazioni dei DD.SS.
  2. Resoconto della riunione dei docenti referenti (relazionano Cortellessa o Falsetti)
  3. Ipotesi per la proposta di un protocollo di intesa con i Municipi VI e VII
  4. Valutazione delle attività di rete
  5. Informativa sul bilancio del Municipio VII

Sono presenti: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto), Giovanni Infantino (19° C.D. “Toti”), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), T.Santoro (34° C.D.), T. Luongo (303° C.D.), A. Simonelli (I.C. Manzi), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), M.M.Colabianchi (132° C.D. “P.R.Pirotta”), A.Cataneo (Liceo scientifico “Tullio Levi Civita”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), E.Labasi (S.M.S. “Parri” e Scuola primaria “Marconi”), M.Picchiassi (107° C.D. “Giulio Cesare”),  M.Luzzi (docente delegata Istituto superiore “Giovanni XXIII”), F. Longhi (I.C. “Via Lavarelli”), M.Cortellessa (referente docenti I.C. “A.Manzi”), G.Pirrotta (S.M.S. “Piranesi”), F.Conte (77° C.D. “Belli”), A.Simonelli (I.C. “A.Manzi”)

In apertura di seduta prende la parola il D.S. Santoro che informa i presenti in merito alle iniziative dell’Osservatorio sulla disabilità.
Il referente R.Zarra ha comunicato che nelle giornate del 20 e 22 giugno sono previsti degli incontri gratuiti di formazione con la Dott.ssa Lattanzio, la dott.ssa Ferri ed il prof. Bocci. In merito alla eventualità di spostare detti incontri al mese di settembre i presenti ritengono che sia più opportuno lasciare le date già concordate al fine di favorire la partecipazione degli insegnanti di scuola primaria che hanno espressamente richiesto tali date. Si ricorda a tutti i presenti che nel mese di settembre (presumibilmente i giorni 6 e 7) si svolgerà il consueto Convegno dell’osservatorio sulla disabilità realizzato con il patrocinio della Provincia di Roma. A tale riguardo viene anche comunicato che l’ufficio H della provincia ha in programma una serie di incontri con gli assessorati e i servizi sociali del VI e VII Municipio, nonché con le due ASL di riferimento, al fine di formalizzare una rete per l’integrazione scolastica che farebbe ‘perno’ sulla rete del XIV e XV distretto. I presenti esprimono apprezzamento a riguardo.
In merito alle iniziative di formazione per le quali è in scadenza il bando per la presentazione delle richieste all’USR per il Lazio l’Osservatorio ha predisposto una proposta per ogni municipio: si rendono disponibili come capofila: la scuola Iqbal Masih per il VI e la Scuola “San Benedetto” per il VII.
I DD.SS. Labasi e Santoro riferiscono in merito al dimensionamento delle scuole del VII municipio ed alle richieste dell’Assessore Galli per la formalizzazione della posizione delle scuole della Rete; si concorda che il coordinatore Santoro invii una nota all’assessore nella quale si esprime la volontà dei DD.SS. di non procedere ad ulteriori dimensionamenti nel VII municipio in quanto non risultano scuole sottodimensionate. I DD.SS. del VI riferiscono brevemente sulle proposte del loro municipio in merito ai dimensionamenti e sull’incontro svoltosi prima delle riunione di rete per discutere sulle medesime proposte: sarà necessario procedere a dimensionamenti per l’esistenza di scuole sottodimensionate fra le quali la Giulio Cesare. In ogni caso le eventuali proposte diverranno operative nell’a.s. 2012-2013.
Infine il DS Santoro anticipa il 5° punto all’o.d.g. presentando brevemente, per conto dell’Assessore Galli, il bilancio del VII municipio e le sue criticità nei riguardi delle scuole.

Si passa quindi alla discussione del 2° punto all’o.d.g.
L’insegnante Cortellessa riferisce sullo stato dei lavori dei gruppi costituitisi che intendono proseguire i loro lavori nel prossimo a.s.

Per il 3° punto all’o.d.g. il DS Caroni riferisce in merito a quanto emerso nel recente Convegno Asal sui rapporti fra scuole ed EE.LL.
Essendoci numerose iniziative ed interessanti protocolli stilati fra gli EE.LL. e le scuole di diversi territori del Lazio e di Roma si concorda sull’ipotesi di procedere ad analoga iniziativa con i Municipi VI e VII. Si inizia a discutere sui punti da porre all’attenzione dei due municipi. Si concorda sulla seguente modalità: un gruppo di lavoro ristretto produrrà alcune linee guida per l’eventuale proposta da sottoporre in seguito al vaglio della riunione dei DD.SS. e quindi ai due municipi. Si concorda sul procedere in tal senso a partire dal mese di settembre.

Si passa alla discussione del 4° punto all’o.d.g.
Tutti i presenti esprimono apprezzamento per il lavoro svolto durante l’anno e per il rinnovato coinvolgimento delle scuole superiori avvenuto anche grazie al D.S. Cataneo. La valutazione è pertanto positiva. Particolare spessore, fra le iniziative messe in campo dalla rete, hanno avuto: il progetto sul Curricolo verticale e le attività messe in essere dall’Osservatorio sulla disabilità. Si spera, in particolare per il progetto sul Curricolo verticale, di reperire finanziamenti per poterlo portare avanti anche nel prossimo A.S. Il DS Frasca riepiloga brevemente le iniziative previste per la fase finale del progetto.
Il DS Luongo prende quindi la parola per proporre un maggior coinvolgimento della rete in merito a questioni ‘delicate’ che coinvolgono tutte le scuole della rete, in particolare fa riferimento alle notevoli difficoltà derivate dalla nuova modalità di definizione delle quote per la refezione scolastica, che, almeno per il VII municipio, è ricaduta pesantemente sulle segreterie delle scuole, nonché sulle problematiche derivate dalle morosità degli utenti e dalle iniziative di recupero credito intraprese dalle singole ditte assegnatarie dell’appalto nelle mense autogestite.
Tutti i presenti concordano nella necessità che la rete assuma posizione comuni e ben definite rispetto a dette problematiche.

Si concorda infine che la prossima riunione di rete si svolgerà il giorno mercoledì 28 settembre, alle ore 15.00, presso la S.M.S. “San Benedetto”, alla presenza di tutti i docenti referenti di rete delle singole scuole, al fine di procedere alla definizione della programmazione delle attività per il prossimo anno scolastico.

La riunione termina alle ore 13.30

Ha verbalizzato il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 5 MAGGIO 2011

Il giorno 5 maggio 2011, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Comunicazioni dei DD.SS.
  2. Protocollo di Intesa Assessorato alle politiche Educative e Scolastiche Comune di Roma e ASAL
  3. Resoconto della riunione dei docenti referenti del 4 maggio (relazionano Cortellessa o Falsetti)
  4. Dimensionamento: proposta di autocoordinamento tra Istituti superiori sui nuovi indirizzi da richiedere alla Regione e alla Provincia sulla base delle effettive esigenze del territorio (vedi il recente incontro con la Provincia); eventuali analoghe proposte per gli altri ordini di scuola
  5. Prove Invalsi
  6. Definizione linee comuni  per la validità dell’anno scolastico
  7. Certificato delle competenze scuole secondarie di I grado (si prega di portare il proprio documento)
  8. Organici scuola primaria

Sono presenti: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto), Giovanni Infantino (19° C.D. “Toti”), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), T.Santoro (34° C.D.), delegato Antonietta Larocca (Iqbal Masih), T. Luongo (303° C.D.), A. Simonelli (I.C. Manzi), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), M.M.Colabianchi (132° C.D. “P.R.Pirotta”), A.Cataneo (Liceo scientifico “Tullio Levi Civita”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), E.Labasi (S.M.S. “Parri” e Scuola primaria “Marconi”), M.Picchiassi (107° C.D. “Giulio Cesare”), W.Giacomini (81° C.D. “Marco Polo”), A.Bellu e B.Vallefuoco (IIS “Di Vittorio-Lattanzio”), A.Bartoli (docente vicaria Istituto superiore “Giovanni XXIII”), R. Lauricella (I.C. “Via G.B.Valente”), U. Poce (docente Liceo “Benedetto da Norcia”)

In apertura di seduta prende la parola il D.S. Santoro che informa i presenti in merito alle seguenti questioni:
il secondo punto all’o.d.g. non verrà discusso in quanto la riunione dei docenti referenti è stata rimandata. Tramite il DS Picchiassi è stata contattata dall’Associazione “Arianna” che organizza interventi di sostegno alle famiglie e corsi di formazione per docenti; il D.S. Picchiassi illustra brevemente le proposte dell’Associazione; il DS Santoro informa di aver già richiesto alla medesima Associazione l’invio delle proposte in formato elettronico in moda da poterle inoltrare per conoscenza a tutte le scuole della Rete.

Prende la parola il DS Colabianchi che informa in merito alla collaborazione da lei già attivata con il NAE del VII Municipio; riferisce che il comandante del NAE suggerisce di attivare le segnalazioni al proprio nucleo per tempo e non solamente nei casi di evasione scolastica in quanto loro sono comunque deputati anche a verificare situazioni socialmente deprivate in relazione alla frequenza degli alunni a scuola.

Si discute quindi sulla data per la riunione di Giugno e si concorda che la medesima riunione verrà convocata per mercoledì 1 giugno alle ore 10.00; nella medesima data verrà organizzato un pranzo di fine anno.
Prende la parola il DS Caroni che riferisce in merito alle iniziative dell’ASAL.
Informa che è stata predisposta la bozza della lettera annuale che l’Asal invia a tutte le famiglie; anche quest’anno è stata mantenuta la data del 19 maggio; la lettera descrive tutte le criticità delle scuole laziali, dai fondi assegnati ai tagli di organici; è possibile, senza stravolgere il contenuto della lettera stessa, adeguarla alle proprie situazioni di contesto, inserire il logo della Rete e farla firmare anche dal presidente del Consiglio di Circolo/Istituto; raccomanda di dare la massima visibilità all’azione congiunta di tutte le scuole che verrà accompagnata dalla consueta conferenza stampa del Presidente dell’Asal P.Mazzoli.
Si concorda con l’iniziativa.
Il D.S. Caroni ricorda quindi a tutti i presenti il Convegno di studio organizzato dall’Asal “Enti locali e scuole: quale coordinamento” che si svolgerà il 18 maggio p.v. In tale data verrà presentato anche il protocollo di intesa di cui al punto 2 dell’o.d.g.
Si discute quindi il 2 punto all’o.d.g.
Si dà lettura del Protocollo. Il DS Caroni riferisce di tutta l’attività propedeutica che ha condotto alla stesura del protocollo evidenziando la disponibilità del nuovo assessore De Palo a considerare comunque l’Asal, e le reti che vorranno firmare il protocollo, un interlocutore accreditato; ritiene che tale fatto sia importante; il DS Lauricella fa presente che nel protocollo sarebbe stato opportuno inserire le problematiche delle scuole relative alla messa in sicurezza degli edifici ed agli arredi; Caroni replica chiarendo che, pur essendo un problema fondamentale per le scuole, non è di competenza dell’assessorato alle politiche educative; dopo ampia discussione si dà mandato al coordinatore di rete D.S. Santoro per la firma del protocollo in questione a nome della rete.
Il D.S. Lauricella solleva quindi il problema degli AEC in relazione all’ultima comunicazione del Comune di Roma e dei rispettivi Municipi che chiarisce che gli AEC delle Cooperative non possono più usufruire del pasto gratuito a spese del Comune stesso.
Ne segue un’ ampia discussione; il DS Lauricella ritiene il momento del pasto un momento fortemente educativo e disapprova questo tipo di scelta; molti condividono la sua posizione evidenziando anche la discriminazione riservata ai lavoratori in oggetto; si discute sull’eventualità di produrre un documento a riguardo; alcuni DD.SS. fanno però notare che la problematica dovrebbe essere risolta a livello sindacale in quanto dovrebbero essere le Cooperative che gestiscono il servizio a prevedere il pagamento del pasto ai propri dipendenti; sarebbe quindi opportuno che tale ‘voce’ sia inserita nel bando di gara per l’assegnazione del servizio; ritenendo pertanto la maggioranza dei presenti non opportuno inserirsi in dinamiche di tipo anche sindacale viene stabilito di non produrre alcun documento in merito.

Prende quindi la parola il DS Frasca che riferisce sullo stato dei lavori del Progetto con l’Università sul Curricolo verticale.
Le diverse micro-reti stanno lavorando alla programmazione degli eventi finali che si svolgeranno nel mese di giugno; pur comprendendo la difficoltà organizzativa richiede ai presenti di dare la massima disponibilità alla riuscita dell’evento favorendo la partecipazione dei docenti. Ci saranno degli eventi a livello territoriale; ogni micro-rete deciderà come realizzarli; prende la parola il DS Santoro che illustra l’ iniziativa pubblica che intende realizzare il Municipio VII presso il parco “Madre Teresa di Calcutta”; si tratta di una manifestazione che durerà dal 20 maggio al 19 giugno p.v. e che prevede la partecipazione di associazioni, centri culturali, centri anziani, comitati di quartiere, scuole ecc. alle quali sarà data la possibilità di utilizzare spazi predisposti all’esposizione di prodotti, manufatti, cartelloni, ecc., nonché un palco attrezzato per spettacoli teatrali e musicali e per dibattiti pubblici. In tale contesto si potrebbe prevedere la richiesta di uno stand dedicato alla micro-rete del VII municipio in relazione all’evento finale del progetto sul Curricolo verticale; il DS Santoro chiede anche ai presenti se si intende richiedere uno stand per la rete in generale.
Ne segue un ampio dibattito durante il quale molti Dirigenti evidenziano le grandi difficoltà logistiche e tempistiche della proposta del Municipio VII, pur apprezzando l’idea di iniziative che possano coinvolgere le scuole.
La posizione della maggioranza è quella di non ritenere possibile in questa fase la partecipazione a livello di rete all’iniziativa del Municipio VII, pur lasciando ovviamente alle singole scuole la possibilità di decidere la partecipazione con iniziative già pronte e attuabili in uno spazio pubblico. Allo stesso tempo, in relazione alla proposta avanzata di un mese di festa delle scuole della rete con calendario delle iniziative, la maggioranza ritiene che tale proposta debba essere valutata ad inizio anno poiché la sua fattibilità deriva da una programmazione a lungo termine.
Rispetto alle iniziative relative all’evento finale del progetto “Curricolo verticale” i DD.SS. delle scuole coinvolte, dopo ampia discussione, decidono di lasciare la decisione finale alle singole micro-reti, garantendo il proprio impegno nel favorire quanto programmato purché senza ulteriori oneri per i docenti.

Si passa quindi alla discussione del quarto punto all’o.d.g.
Il D.S. Cataneo riferisce in merito alle riunioni svoltesi per le scuole superiori con la provincia, riunioni con poche presenze da parte delle scuole superiori. In merito ai dimensionamenti ed alle proposte per le attivazioni degli indirizzi l’assessore Stella chiede alle scuole delle proposte in merito. Cataneo ritiene opportuno attivare un coordinamento delle scuole superiori affinché le richieste di indirizzi non si sovrappongano e siano coerenti con i bisogni del territorio. Sarebbe quindi opportuno presentare all’assessorato una proposta condivisa dalle scuole anche in merito ai dimensionamenti.
A tale scopo si decide che la Rete si farà promotrice della convocazione di una riunione di tutte le scuole superiori del VI e VII municipio, comprese quelle che non aderiscono alla nostra rete, entro il 20 maggio, al fine di valutare la possibilità di coordinarsi per presentare all’assessorato una proposta condivisa dalle scuole, sia in merito alle richieste di indirizzi che ai dimensionamenti. Il DS Cataneo coordinerà l’iniziativa.
In merito ai dimensionamenti per le scuole primarie e secondarie di I grado sembra che al momento sia tutto fermo almeno fino al 2012; comunque emerge l’esigenza di predisporre una proposta condivisa dalle scuole che potrà essere discussa entro il mese di ottobre p.v.

Si passa alla discussione del quinto punto all’o.d.g.
Si discute ampiamente delle proteste in corso e delle posizioni dei diversi sindacati.
Tutti concordano sulla obbligatorietà della somministrazione delle prove in orario di servizio.
In merito alla trascrizione dei risultati delle prove emergono diverse posizioni. In alcune scuole è considerato obbligo di servizio, in altre è stata prevista retribuzione tramite FIS, in altre ancora recupero delle ore svolte.
Il DS Caroni ritiene, in accordo con alcuni dirigenti, che i risultati delle prove servano più alle scuole stesse che non all’Invalsi che effettua la rilevazione su scala nazionale con le sole classi campione. In presenza di ‘rifiuto’ da parte dei docenti di trascrivere i risultati dichiara che provvederà personalmente e/o con personale di segreteria alla trascrizione stessa trattandosi di semplice operazione ‘manuale’. Anche il dirigente Pintus ritiene utile il confronto dei dati a livello per esempio di rete: valutare i risultati che gli alunni hanno avuto nelle classi di scuola primaria rispetto a quelli conseguiti nelle classi di scuola media o anche solamente all’interno della medesima scuola è utile per una autovalutazione.
Il DS Cataneo ritiene che la questione delle prove Invalsi richieda una riflessione profonda in quanto le proteste dei Collegi docenti sono giuste perché le scuole superiori dovevano essere coinvolte prima e si sono ritrovate con poche informazioni a vivere in una situazione di disagio l’intera procedura. Per rispetto dei docenti era necessaria una informazione più ampia ed un maggior coinvolgimento. Anche rispetto all’ipotesi di inserire le prove Invalsi nel piano delle attività dei docenti ritiene che i collegi potrebbero rifiutarsi dal momento che spetta agli OO.CC. la delibera sul piano delle attività.
Il DS Santoro solleva invece il problema del ‘peso’ che la valutazione delle prove Invalsi ha sui risultati degli esami di terza media; ritiene che sarebbe più opportuno che i Collegi Docenti decidessero, come due anni fa, il peso da dare alle prove al fine di non penalizzare in particolare alunni che hanno avuto un buon percorso scolastico e per i quali una valutazione inferiore ai loro standard potrebbe pregiudicare il voto finale. Si auspica che la normativa per il corrente a.s. lo consenta.
Il D.S. Colabianchi ritiene che tutto il tempo che è utilizzato per discutere sulle prove sarebbe ampiamente sufficiente per le operazioni di trascrizione dei risultati; esprime inoltre una valutazione in merito alle prove di matematica, ritenendo che puntino troppo sugli aspetti logici e non su quelli meccanicistici che sono invece i più sentiti nella attuale didattica dei docenti; il DS Simonelli concorda.
Alla fine del dibattito si decide sulla posizione della Rete:
pur condividendo il disagio dei docenti in merito alle prove, si ritiene che le medesime siano da considerarsi obbligatorie; si auspica comunque che il Ministero e l’Invalsi prevedano una maggiore partecipazione ed un maggior coinvolgimento dei docenti.

Per il punto 6 si rimanda a quanto già discusso nella precedente riunione ed alle circolari ministeriali.

Per il punto 7 non si procede al confronto in quanto il medesimo è stato già avviato dai docenti referenti di rete.

Per il punto 8 verrà predisposto un documento di protesta della rete.

La riunione termina alle ore 12.30

Ha verbalizzato il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 7 APRILE 2011

Il giorno 7 aprile 2011, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

1.     Comunicazioni in merito alle iniziative di aggiornamento e formazione promosse dalle scuole e dall' Osservatorio di rete sulla disabilità
2.     Resoconto della riunione dei docenti referenti del 23 marzo (relazionano Cortellessa o Falsetti)
3.     Progetto Educazione stradale
La riunione proseguirà con la sola presenza dei DD.SS.
        4. Normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari (legge 136/2010)
        5. Normativa sulla validità dell'anno scolastico
In coda alla riunione i DD.SS. interessati si confronteranno, per livelli scolastici, sui seguenti punti:
- Orientamento di rete sugli esami di terza media
- Problematiche delle scuole superiori relative ai bocciati delle classi seconde

Sono presenti: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto), Giovanni Infantino (19° C.D. “Toti”), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de’ Schiavi), T.Santoro (34° C.D.), delegato Antonietta Larocca (Iqbal Masih), G.Mercurio (80° C.D.), T. Luongo (303° C.D.), A. Simonelli (I.C. Manzi), A. Caroni (21°C.D. “Cecconi”), M.M.Colabianchi (132° C.D. “P.R.Pirotta”), A.Cataneo (Liceo scientifico “Tullio Levi Civita”), M. Frasca (S.M.S. “Toniolo”), E.Labasi (S.M.S. “Parri” e Scuola primaria “Marconi”), M.Picchiassi (107° C.D. “Giulio Cesare”), W.Giacomini (81° C.D. “Marco Polo”), A.Bellu e B.Vallefuoco (IIS “Di Vittorio-Lattanzio”)

In apertura di seduta prende la parola il D.S. Santoro che riporta i dati sugli organici delle scuole primarie con i relativi tagli appena comunicati alle scuole dall’Ufficio X dell’USR per il Lazio. I DD.SS. Santoro, Labasi e Mercurio decidono di lasciare la seduta intorno alle ore 11.00 per recarsi all’USR al fine di comprendere le motivazioni di tali tagli che hanno colpito, oltre ogni previsione, tutte le scuole primarie del distretto.

Si passa quindi alla discussione del primo punto all’o.d.g.
Il DS Santoro riferisce le iniziative che l’Osservatorio per la disabilità sta predisponendo così come comunicate dal referente R.Zarra:

  • il Convegno annuale da realizzarsi, come richiesto dalle scuole, nel mese di settembre possibilmente prima dell’inizio delle lezioni. In tale convegno è prevista l’attivazione di un workshop per le scuole medie in relazione ai DSA.
  • Nei mesi di maggio-giugno si prevede l’attivazione di un corso sulle difficoltà in matematica degli alunni con DSA della fascia di età 4-7 anni; detto corso prevede 5 incontri e verrà tenuto dal prof. Luigi Marotta del “Bambino Gesù”
  • A conclusione del Progetto ABC L’opera Sante De Santis prevede un convegno finale nel mese di giugno aperto a tutte le scuole della Rete sui DSA, la legge 170 ed i nuovi codici per la certificazione dell’handicap. Le scuole potranno far partecipare 3-4 docenti al massimo
  • Il prof. Fabio Bocci dell’Università di Roma, docente di Pedagogia speciale 2, ha richiesto la collaborazione della rete per un progetto di ricerca sull’integrazione degli alunni, in particolare degli alunni con ADHD.

Vengono sollecitate quindi le scuole a comunicare sempre tutte le iniziative che vengono attivate là dove le medesime possano essere estese agli altri istituti; la recente esperienza della scuola Toti testimonia che è utile condividere in rete le iniziative di formazione e/o gli incontri che vengono attuati su tematiche specifiche.
I presenti concordano.
Il D.S. Infantino riferisce in merito ai corsi attivati in ottemperanza al D.L.vo 81/08 ed informa degli ulteriori corsi che stanno per iniziare chiedendo alle scuole interessate la richiesta di partecipazione e la conferma del numero di iscritti per ogni singolo corso.
I presenti esprimono comunque piena soddisfazione sui corsi appena conclusi.

Si passa alla discussione del secondo punto. In assenza dei due referenti per i docenti prendeno la parola i DD.SS. Santoro e Pintus.
Santoro riferisce quanto le è stato comunicato dall’insegnante Falsetti.
I docenti referenti si sono suddivisi in gruppi di lavoro:

  • il gruppo sull’Intercultura ha predisposto una analisi dei protocolli di accoglienza presenti nella scuola al fine di produrre un protocollo comune da condividere in rete.
  • il gruppo incaricato di produrre il progetto per la regione Lazio ha concluso i lavori e la scuola capofila lo presenterà
  • il gruppo sulla valutazione ha preso in considerazione le prove di ingresso che le scuole medie utilizzano nelle classi prime al fine di concordare delle prove comuni a tutte le scuole medie della rete in accordo anche con le scuole primarie

Il DS Pintus presenta quindi due mozioni che i docenti vorrebbero inviare a nome della rete:
la prima riguarda provincia, regione e USR con i quali si vuole esprimere il disagio di dover predisporre progetti ‘imposti’ nei contenuti e non decisi dalle singole scuole; la seconda mozione è relativa ai Municipi VI e VII ai quali si vuole chiedere di prevedere una collaborazione e dei tavoli tecnici al fine di programmare congiuntamente eventuali progetti da attivare sulla base anche dei bisogni dell’utenza rilevati dalle singole scuole.
I presenti concordano ed il DS Pintus viene incaricato dell’invio dei documenti a nome della Rete.
Prende la parola quindi il DS Caroni che riferisce sulle ultime iniziative dell’Asal. In particolare ricorda il Convegno su EE.LL. e scuola che l’Asal ha organizzato per il 18 maggio e che in qualche modo parte dalla medesima esigenza espressa dai docenti a livello di territorio locale. Informa quindi che nuovamente verrà predisposta una lettera a tutti i genitori per il giorno 19 maggio, come già negli anni precedenti, accompagnata da una conferenza stampa del presidente Mazzoli e che riguarderà le principali sofferenze della scuola. Viene chiesto che nella lettera ci sia una parte dedicata ai tagli degli organici.

Si passa al terzo punto all’o.d.g.
Il prof. Vallefuoco espone le linee essenziali del progetto per il quale l’IIS Di Vittorio-Lattanzio sarà capofila. Richiede alle scuole interessate alla partecipazione l’invio della scheda con i dati delle scuole. Descrive brevemente lo stato di attuazione del progetto già finanziato ricordando che il finanziamento è stato molto inferiore a quanto richiesto e che per tale motivo il progetto è stato ‘ridimensionato’.

In merito al quarto punto all’o.d.g. non emergono osservazioni; tutti i DSGA si stanno attenendo alla procedura prevista anche per somme minime. I DD.SS. Santoro e Infantino ritengono che per spese minime la procedura non dovrebbe essere attivata ma in tal senso mancano indicazioni da parte dell’USR per il Lazio, pertanto non vengono assunte posizioni comuni in merito.

Rispetto al 5 punto all’o.d.g. si invierà quesito all’USR per il Lazio per comprendere se il calcolo debba essere fatto sul monte orario standard calcolato sulle 33 settimane di scuola o sui giorni effettivi di scuole di ogni singolo istituto.
Il problema è più avvertito nelle scuole superiori, in quanto le scuole medie, essendo scuole del’obbligo, raramente applicano tale norma senza considerare le deroghe previste per legge.

In chiusura di seduta i DD.SS. si scambiano brevi osservazioni sugli ultimi argomenti posti all’o.d.g.

La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 3 MARZO 2011

Il giorno 3 marzo 2011, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

Resoconto della riunione dei docenti referenti del 23 febbraio (relazionano Cortellessa o Falsetti) Prove Invalsi 
La riunione proseguirà con la sola presenza dei DD.SS.
  1. Organici 2011-2012
  2. Contratto Multiservizi (solamente scuola primaria)
  3. Varie
In apertura di seduta sono stati invitati due rappresentanti degli studenti del Comitato di Coordinamento per esporre alla  Rete la loro richiesta di partecipazione.

Sono presenti: M. Pintus (S.M.S. San Benedetto), Lucarini Corinna (su delega del DS Infantino - 19° C.D.), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), F.Conte (77°C.D.), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de’ Schiavi), delegato Pirrotta Gianni (vicario - S.M.S. Piranesi), T.Santoro (34° C.D.), delegato Stefano Bozza (vicario - Liceo Classico Kant), delegato Antonietta Larocca (Iqbal Masih), G.Mercurio (80° C.D.), D. Gaspodini (117° C.D.), T. Luongo (303° C.D.), A. Simonelli (I.C. Manzi), Lauricella (I.C. “Valente”), delegato L.Codella (Cine- TV “Rossellini”), i referenti per i docenti M.Cortellessa (I.C. Manzi) e C.Falsetti (21° C.D.), i rappresentanti del Comitato Studentesco (L.Classico Kant e L.S. F.D’Assisi)

            In apertura di seduta viene data la parola ai rappresentanti del Comitato degli Studenti.
Dopo aver brevemente motivato la richiesta di partecipazione agli incontri di rete, gli studenti formalizzano la loro proposta che consiste sia nella richiesta di partecipazione alla stesura di progetti che coinvolgono la componente studentesca sia nella richiesta di avere l’opportunità di presentare a loro volta idee progettuali a tutte le scuole della rete. I presenti apprezzano la proposta degli studenti. Se ne esaminano quindi gli aspetti pratici. Si concorda che la partecipazione studentesca può essere prevista solamente in alcuni momenti dell’anno e che comunque le proposte da loro avanzate debbono avere in ogni caso una approvazione da parte degli OO.CC. delle scuole di appartenenza in quanto la Rete non ha una struttura deliberante; inoltre, come sottolinea il DS Pintus, la rete non intende ‘rischiare’ di imporsi sulle libere scelte delle singole scuole.

Gli studenti comprendono tale posizione e si rendono conto degli aspetti a volte strettamente tecnici che caratterizzano le riunioni di Rete. Espongono quindi una loro proposta progettuale che riguarda l’orientamento suggerendo una attività che coinvolga gli studenti delle superiori negli incontri con gli studenti delle scuole medie attraverso la realizzazione di attività di laboratorio durante le quali sia loro consentito di presentare ‘dall’interno’ e ‘da pari’ le caratteristiche dei diversi istituti superiori. L’idea incontra il favore di tutti i presenti. Su proposta del DS Santoro si concorda quindi la seguente modalità operativa: rispetto al progetto sull’orientamento gli studenti se ne faranno portavoce presso i loro DD.SS. ed all’interno delle riunioni dei Consigli di istituto dove sono rappresentanti; proporranno l’inserimento di tali linee progettuali nelle Linee di Indirizzo del POF per il prossimo anno scolastico; in merito ad altre eventuali proposte si concorda di invitare i rappresentanti degli studenti alla partecipazione alla riunione di Rete del mese di settembre/ottobre,  durante la quale si discutono i progetti da realizzare durante l’a.s., al fine di poter consentire la presentazione delle loro idee progettuali; una volta raccolta l’adesione dell’assemblea dei DD.SS. della rete, gli studenti si muoveranno poi per acquisire pareri e delibere degli OO.CC. dei rispettivi istituti.  Gli studenti, lasciando la seduta, ringraziano per l’opportunità che è stato loro concessa di presentare proposte e di incontrare i DD.SS. della Rete.

            La riunione prosegue con una breve discussione relativa alle dichiarazioni del Presidente del Consiglio sulla scuola pubblica. Si concorda nella pubblicazione sul sito della Rete del Comunicato stampa dell’Asal e della lettera del D.S. in pensione S.Salacone.


            Come già preannunciato viene concessa quindi la parola al prof. L.Codella del “Cine-Tv Rossellini” per la presentazione di una idea progettuale da realizzare in rete.
            L’idea che viene proposta nasce dalla riflessione sulla difficoltà di acquisire un pensiero critico in particolare nei confronti delle culture diverse dalla nostra; prendendo spunto dalle trasmissioni dell’emittente estera Artè che inserisce, all’interno di una programmazione di grande interesse, immagini di volti di diverse età e nazionalità fortemente espressivi, è nata l’idea di realizzare dei ‘corti’ di pochi minuti nei quali vengano intervistate persone e personaggi di diversi paesi che in qualche modo possano riportare l’attenzione al loro punto di vista anche attraverso poche e semplici domande (da dove vieni, perché sei venuto in Italia, cosa hai portato del tuo paese, cosa hai lasciato lì, che relazione mantieni ancora con il tuo paese, ecc. ecc.); questi brevi ritratti potrebbero poi costituire un video da far girare nelle scuole: il Cine TV Rossellini metterebbe a disposizione le sue strutture e le sue professionalità, mentre le scuole della Rete, date le caratteristiche del territorio, si farebbero carico di trovare ‘le persone’ adatte e disponibili e di stabilire il contatto con loro. Il progetto presentato  incontra il favore di tutti i presenti ma vengono sollevati alcuni problemi di ordine pratico. In particolare il problema maggiore è quello dei costi iniziali. Le scuole in questo momento storico hanno difficilmente la possibilità di reperire fondi quindi il progetto dovrebbe ricercare i finanziamenti attraversi bandi regionali o altre ipotesi. Il prof. Codella si rende disponibile per una prima quantificazione dei costi e per inoltrare, tramite il coordinatore della Rete, Dirigente Santoro, a tutte le scuole il progetto al fine di acquisire le disponibilità per la sua realizzazione.
            Viene data quindi la parola ai docenti referenti della rete: prende la parola l’insegnante Falsetti che riferisce quanto emerso nell’ultima riunione dei docenti. I docenti propongono, data la complessità della presentazione di progetti che rispondano a bandi nazionali o regionali, di costituire un gruppo di progetto formato dai docenti delle diverse scuole che, tramite la comunicazione da parte dei DD.SS. della rete, possano visionare immediatamente i bandi regionali ed elaborare un progetto da presentare come rete. Il DS Pintus si mostra favorevole; il DS Santoro esprime alcune perplessità legate allo scarso coinvolgimento delle scuole e propone che questo gruppo che si è costituito venga integrato di volta in volta dai docenti di tutte le scuole che intendano partecipare alla fase progettuale; resta comunque perplessa sulla modalità di preparazione dei progetti in quanto potrebbe anche verificarsi il caso che i docenti lavorino al progetto e le scuole poi non intendano aderire; a tale riguardo il DS Aglirà esprime la medesima perplessità in quanto i Collegi docenti spesso non ‘deliberano’ su progetti già predisposti da altri; il DS Pintus ritiene che si possa comunque procedere in tal senso al fine di poter avere un gruppo di docenti della rete che predispone i progetti con tutti i rischi che ne possono conseguire; Falsetti precisa che si sono costituiti in tal senso tre gruppi che si sono offerti di predisporre progetti in relazione alle seguenti tematiche: Valutazione; Intercultura; Progetti con cospicui finanziamenti tramite bandi regionali; sottolinea inoltre, come già più volte evidenziato, la necessità della presenza dei DD.SS. come professionalità ‘tecniche’ nella predisposizione del progetto.
            Dal momento che in questo momento è pervenuto il bando sul progetto “Cittadinanza e Costituzione” si decide di affidare a tale gruppo la predisposizione del progetto, sperimentando così questa modalità, e si offre come scuola capofila il D.S. Pintus.
            In relazione al punto 2, prove Invalsi, il DS Santoro, per conto del DS Cataneo, presenta la documentazione da lui raccolta ed espone le difficoltà che ci  sono in molte scuole per la protesta contro le prove Invalsi; il DS Luongo informa su quanto sta accadendo nella sua scuola, anche il prof. Pirrotta precisa la posizione del Collegio Docenti della Piranesi. Le situazioni nelle diverse scuole non sono omogenee; l’assemblea comunque ribadisce che i DD.SS. ritengono le Prove Invalsi obbligatorie e sono convinti che, se ben utilizzate, possano anche essere uno spunto di riflessione per i Collegi Docenti, allo stesso tempo espone tutte le perplessità e le rimostranze relative alla farraginosità della procedura ed all’obbligo di utilizzare in maniera rigida i risultati delle prove nella definizione del voto in uscita degli esami di terza media.
            In relazione al punto 3, organici 2011-2012, non essendo ancora uscito il D.I. ci si confronta sulle notizie che pervengono in merito al medesimo decreto. Viene sollevato il problema degli organici di sostegno, la difficoltà nel gestire nel prossimo a.s. gli alunni con DSA, le nuove modalità di certificazione non ancora univocamente utilizzate da ASL e USR – Lazio. Inoltre, come ricorda il DS Conte, non è stato ancora costituito nella nostra regione, come invece prevede la normativa vigente, il GLIR (gruppo di lavoro integrazione regionale) che dovrebbe intervenire per favorire l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità.
            Si passa quindi alla discussione del punto 4. Prende la parola il DS Conte che riferisce quanto emerso nella riunione dell’Asal. Verrà organizzato un seminario tecnico verso la fine di marzo, successivamente alle note che il dirigente del Ministero Filisetti è in procinto di inviare alle scuole. Probabilmente verrà predisposto un rinnovo od una proroga del Contratto con la Multiservizi, specificandone le condizioni, per il periodo 1 novembre 2011 - 31 dicembre 2012; per il periodo successivo sembra che il Ministero si stia orientando nel predisporre nuovamente una gara a livello nazionale gestita dal ministero stesso almeno nei suoi aspetti contrattuali economico normativi.
            Tutti i presenti concordano comunque sulle difficoltà che attualmente si riscontrano nelle singole scuole che sono sporche e per le quali è ‘complessa’ la fase di controllo del servizio effettuato che non sempre sembra corrispondere ai canoni stabiliti contrattualmente anche là dove gli standard sono stati ridefiniti bassi.

            La riunione termina alle ore 13.00

Ha verbalizzato
Il DS Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL13/01/ 2011

Il giorno 13 gennaio 2011, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Presentazione del sito web di Rete (a cura di Valentina Talamonti)
  2. Comunicazioni Asal (da parte del D.S. Caroni)
  3. Piano annuale delle attività
  4. Iscrizioni A.S. 2011-2012
  5. Modalità per la definizione degli o.d.g. e della loro discussione

Sono presenti: Marco Pintus (S.M.S. San Benedetto), M.Frasca (S.M.S. Toniolo), G. Infantino (19° C.D.), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A. Caroni (21°C.D.), A.Cataneo (Liceo “Tullio Levi Civita”), F.Conte (77°C.D.), A. Bellu e B.Vallefuoco (Istituto “Di Vittorio – Lattanzio”), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de’ Schiavi), E. Proietti (S.M.S. Piranesi), M.Picchiassi (107° C.D.), M.M.Colabianchi (132° C.D.), T.Santoro (34° C.D.), delegato Stefano Bozza (Liceo Classico Kant), delegato Antonietta Larocca (Iqbal Masih), delegato Maria Luzzi (I.T.I.S. Giovanni XXIII), G.Mercurio (80° C.D.), E. Labasi (S.M.M. Parri e scuola primaria Marconi), W.Giacomini (81° C.D.), D. Gaspodini (117° C.D.) e i referenti per i docenti M.Cortellessa (I.C. Manzi) e C.Falsetti (21° C.D.)

  1. Presentazione del sito web di Rete (a cura di Valentina Talamonti)

La dott.ssa Valentina Talamonti, webmaster per la Rete, presenta il sito in tutte le sue parti e  con tutte le sue potenzialità; ne segue un’ampia discussione durante la quale i presenti manifestano l’intenzione di potenziare il più possibile l’uso del sito all’interno delle proprie scuole; viene richiesto ai DD.SS. di verificare quanto riportato nella parte del ‘Chi siamo’ per poter apporre le eventuali modifiche; Talamonti presenta quindi l’opportunità di iscriversi ad una piattaforma Google per attivare un’ambiente cooperativo fra docenti; l’esigenza nasce dal Progetto relativo al Curricolo verticale del quale molte scuole di rete fanno parte ma tutti i presenti ritengono che potrebbe essere una buona opportunità per la rete; si decide pertanto di attivare la piattaforma come rete di scuole e di farla utilizzare, al momento, per il progetto sul Curricolo verificandone in seguito le potenzialità per tutte le scuole.

  1. Comunicazioni Asal (da parte del D.S. Caroni)

Il D.S. Caroni riporta alcune delle proposte emerse dall’ultima riunione di coordinamento dell’Asal; ricorda che il giorno 27 gennaio 2011 ore 9:30 - 16:00  presso l’ IIS Machiavelli di Roma è prevista l’Assemblea plenaria alla quale tutte le scuole sono invitate a partecipare; ricorda che nel pomeriggio si svolgerà un approfondimento legislativo con la presenza degli Onorevoli Aprea e Coscia.
In merito alla questione ‘Multisevizi’ informa su alcune questioni tecniche specificando che ancora non si hanno indicazioni pratiche su come procedere e che si è in attesa di chiarimenti da parte del Ministero. Probabilmente ci sarà una proroga di due mesi per i contratti in scadenza al 31 ottobre 2011.
Infine comunica che durante un incontro con l’Assessore Marsilio erano state poste alcune questioni di rilevante importanza per le scuole romane: arredi, ristorazione, progetti, dimensionamenti, ecc. e che l’Assessorato stesso aveva avanzato l’ipotesi di stilare un protocollo di intesa con l’Asal per definire congiuntamente le questioni sollevate. In particolare in merito ai dimensionamenti l’Assessore aveva ipotizzato di relazionarsi direttamente con le reti di scuole per discuterne la reale fattibilità.

  1. Piano annuale delle attività

Si concorda sull’opportunità di portare avanti i progetti relativi all’Osservatorio integrato sulla disabilità ed al Curricolo Verticale.
I referenti dei docenti chiedono che si concentri l’attenzione su un paio di tematiche ritenute ormai da anni punti chiave per la rete: l’Intercultura e la Valutazione. In particolare ritengono difficile mettere in campo ulteriori iniziative almeno fino a quando non emergano da parte delle singole scuole ulteriori disponibilità ad impegnarsi in lavori di rete o si reperiscano fondi per la retribuzione dei docenti.
Si ritiene possibile organizzare a livello di rete iniziative di formazione.
Infine la rete prenderà in esame tutte le iniziative progettuali che verranno proposte in corso d’anno e che siano di interesse per le tematiche trattate.
Il DS Pintus rilancia l’idea di realizzare una festa di rete per la fine dell’anno. I presenti concordano pur evidenziandone le difficoltà organizzative.
Il DS Infantino ricorda che i Progetti Comenius sono delle ottime possibilità per le scuole anche in termini di finanziamento; si prenderà pertanto in considerazione l’idea di aderire anche come rete utilizzando le esperienze delle scuole che hanno già partecipato come la Toti, l’Iqbal Masih e la San Benedetto.

  1. Iscrizioni A.S. 2011-2012

Non si rilevano particolari novità rispetto alla Circolare sulle iscrizioni. Il prof. Vallefuoco lamenta che anche quest’anno si evidenziano comportamenti poco corretti da parte di alcuni istituti superiori. È importante che tutti gli alunni possano visitare tutte le scuole durante gli open-day; inoltre il DS Labasi suggerisce che venga organizzata una giornata di orientamento per le classi terze di scuola media alla quale siano invitati a partecipare tutti gli istituti superiori: questo, per sua esperienza, dà a tutti gli istitutii la possibilità di presentare la propria scuola; alcuni DS lamentano la difficoltà di ‘confutare’ credenze su particolari aspetti delle scuole del quartiere.

  1. Modalità per la definizione degli o.d.g. e della loro discussione

Si evidenzia la necessità di definire gli o.d.g. in maniera da non privilegiare un ordine di scuola rispetto ad un altro; in particolare definire i diversi punti in modo da lasciare alla fine argomenti specifici che possono interessare un solo ordine di scuola.
Il gruppo di coordinamento, a fine riunione, si riunirà per discutere più approfonditamente la tematica in questione.

Fra le varie vengono date le seguenti informazioni:

  • è auspicabile organizzare un corso di formazione sull’utilizzo delle Lim, l’argomento verrà pertanto discusso nella prossima riunione
  • il DS Infantino comunica i costi dei corsi per la formazione D.L.vo 81/08: ultima scadenza per eventuali adesioni 31 gennaio; le date di inizio dei corsi verranno comunicate una volta raccolte tutte le adesioni
  • il prof. Vallefuoco informa che i finanziamenti per l’Ed. stradale sono stati ridimensionati ma sarà comunque possibile predisporre un progetto di rete per il quale il Di Vittorio-Lattanzio si offre capofila
  • il DS Caroni suggerisce di condividere le iniziative che si organizzano nelle proprie scuole, estendendole, dove possibile, alle altre scuole della rete; in tal senso comunica che nella sua scuola sono state organizzate le seguenti iniziative aperte alle scuole del territorio:
        • una lezione interattiva tenuta dal prof. Squicciarini, medico volontario della Croce Rossa, sul primo soccorso e sulle tecniche di disostruzione: si svolgerà Lunedì 31 Gennaio dalle ore 16,30 alle ore18,30 presso il teatro del plesso Pezzani Piazza dei Mirti 31.
        • una collaborazione tra 21° Circolo, Parrocchia di San Felice e Università Salesiana: un mini corso di formazione per i genitori (ma anche per i docenti e i DS che vorranno partecipare) su tre temi dell'educazione: educare insieme, educare alle regole, educare all'affettività.

                               Il DS Caroni invierà comunicazioni più dettagliate alle scuole.
   La riunione termina alle ore 11.30

Ha verbalizzato il D.S. Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 2 DICEMBRE 2010

Il giorno 2 dicembre 2010, alle ore 15.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso il liceo ”Tullio Levi Civita”, in Via Torre Annunziata 11.

Alle ore 15.00 sono presenti i DD.SS.: A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A. Caroni ( 21°C .D.), G. Infantino (19° C.D.), A.Cataneo (Liceo “Tullio Levi Civita”), F.Conte ( 77°C .D.), A. Bellu (Istituto “Di Vittorio – Lattanzio”), A.Simonelli (I.C. A.Manzi), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de' Schiavi), E. Proietti (S.M.S. Piranesi), M.Picchiassi (107° C.D.), T.Santoro (34° C.D.) M.Frasca (S.M.S. Toniolo), Giuseppe Mercurio (80° C.D.), Wanda Giacomini (81° C.D.), E.Labasi (S.M.S. Parri e 82° C.D.), R.Lauricella (I.C. Viale G.B.Valente), Marco Pintus (S.M.S. “San Benedetto”)  

Viene discusso il seguente o.d.g.

  Corsi formazione D.L.vo 81
È in corso la rilevazione dei bisogni e delle offerte di formazione. I DD.SS. Infantino e Cataneo si impegnano a completare il lavoro entro il mese di dicembre al fine di poter programmare i corsi a partire dal mese di gennaio.

  Esami di licenza media (problema della prova della II lingua)
Non c'è uniformità nei Collegi docenti pertanto ogni scuola, in autonomia, deciderà come procedere. Viene sollevato il problema dei tempi troppo ristretti da dedicare alle prove orali in relazione alla data già prevista per la somministrazione delle prove Invalsi. Il D.S. Frasca si impegna a presentare un quesito all' Invalsi per poter iniziare gli orali prima di tale data.

  Iscrizioni in corso d'anno degli alunni stranieri.
Si concorda di inviare nuovamente l'accordo di programma già definito a tutte le scuole della Rete, richiedendo la massima condivisione in relazione alle difficoltà di inserimento in corso d'anno.

Alle ore 16.00 sono stati accolti tutti i docenti referenti delle scuole alla presenza dei quali è stato presentato e firmato il Protocollo.
Sono presenti tutte le scuole.

Al termine della presentazione il referente del Cine-Tv “Rossellini”, prof. Vico Codella, presenta le motivazioni che hanno condotto la sua scuola ad aderire al protocollo. Come prima cosa sottolinea la specificità della sua scuola che non ne fa un istituto legato ad una dimensione territoriale; infatti gli alunni che frequentano il Cine-TV vengono da tutti quartieri di Roma; ricorda come la realizzazione in anni passati del progetto “Gli occhi degli altri” in collaborazione con alcune scuole della nostra rete ha dato risultati eccellenti e di grande soddisfazione; sottolinea infine che fra le tematiche di interesse comune il suo istituto pone in primo piano l'intercultura, da sempre al centro delle loro iniziative progettuali, tematica che ben si concilia con il territorio del VI e VII Municipio che a Roma è fra quelli maggiormente sensibili, data anche la percentuale di presenze di alunni stranieri, a dette tematiche. Propone infine alcune idee progettuali che verranno successivamente esaminate in apposite riunioni di progetto.

Ha preso quindi la parola il referente dei docenti C.Falsetti che ha presentato le richieste dei docenti in merito alla rete. Gli insegnanti referenti sentono l' esigenza di ritornare a lavorare su tematiche concrete fra le quali vengono ricordate: il curricolo verticale, la certificazione delle competenze con l'individuazione di indicatori e strumenti, la valutazione, l'alfabetizzazione degli stranieri; la necessità è quella di arrivare a posizioni il più possibile concordate al fine di avere documenti comuni a tutte le scuole della rete; viene inoltre richiesto che la rete si faccia promotrice di ‘cultura' attraverso una serie di iniziative, che abbia maggiore visibilità nel territorio con il quale è necessario migliorare il rapporto; viene proposta la costituzione di gruppi di lavoro sulle varie tematiche ai quali possano partecipare anche i Dirigenti; viene infine richiesto di programmare almeno due incontri collegiali all'anno Dirigenti/Docenti: uno per predisporre il piano di lavoro annuale ed uno finale per la valutazione del lavoro svolto.

Prende la parola il dirigente Pintus che, a nome del suo referente prof. Natalini, porta anche la proposta che le scuole della rete si aprano al territorio per evidenziare le loro identità e si facciano promotrici di iniziative culturali in orario extrascolastico che coinvolgano i genitori come per esempio la ‘notte bianca'.

Ne segue un ampio dibattito.

Alle ore 18.00 ha termine l'incontro.

Ha verbalizzato Il DS Tiziana Santoro

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 4 NOVEMBRE 2010

Il giorno 4 novembre 2010, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Verifica progetti in corso e programmazione attività (anche in funzione delle proposte del gruppo dei referenti dei docenti)
  2. Corsi di formazione D.L.vo 81/08
  3. Iscrizioni in corso d'anno degli alunni stranieri
  4. Esami di licenza media (problematiche connesse alla prova della II lingua)

Alla riunione invitati i referenti ‘uscenti' dei docenti C.Falsetti, M.Cortellessa e, per l'Osservatorio integrato sulla disabilità, R.Zarra e M.Mencarelli.

Sono presenti: Sandro Alquati (S.M.S. San Benedetto), Ugo Poce (Liceo “Benedetto da Norcia”), M.Frasca (S.M.S. Toniolo), G. Infantino (19° C.D.), A.M.Aglirà (16° C.D. “Trilussa”), A. Caroni ( 21°C .D.), A.Cataneo (Liceo “Tullio Levi Civita”), F.Conte ( 77°C .D.), A. Bellu (Istituto “Di Vittorio – Lattanzio”), A.Simonelli (I.C. A.Manzi), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de' Schiavi), delegato E. Proietti (S.M.S. Piranesi), M.Picchiassi (107° C.D.), T.Luongo ( 303°C .D.), M.M.Colabianchi (132° C.D.), T.Santoro (34° C.D.), il referente dell'Osservatorio integrato per la disbilità R.Zarra, il referente per i docenti M.Cortellessa.

In apertura di seduta il D.S. Santoro ed il D.S. Luongo riferiscono l'esperienza negativa delle loro scuole in merito alle attività progettuali proposte da “ProgettoCultura”.

La riunione inizia quindi con la discussione del primo punto all'o.d.g.

Verifica progetti in corso e programmazione attività (anche in funzione delle proposte del gruppo dei referenti dei docenti)

Il D.S. Santoro, ricordando che il Progetto di rete sull'Osservatorio integrato per la disabilità è una fra le azioni più incisive messe in campo dalla rete, ne sintetizza gli aspetti più salienti. Passa quindi la parola all'insegnante R.Zarra in qualità di referente del progetto. Zarra espone dettagliatamente ‘lo stato dell'arte' dell'Osservatorio, ne illustra i principali risultati e le prospettive per il futuro, impegnandosi a preparare un abstract per la rete; ricorda che con la ASL RMC è stato formalizzato un protocollo di intesa che va rinnovato mentre con la ASL RMB, pur non essendoci mai stata una vera e propria formalizzazione, la collaborazione è stata sempre molto attiva.
Evidenzia alcune criticità presenti attualmente nelle due Asl di riferimento (RMC e RMB) dovute sia ai tagli del personale che al pensionamento di figure chiave all'interno dell'osservatorio (in particolare la dott.ssa Irene Sarti ed il dott. Tentori); inoltre non è ancora chiaro come la Regione Lazio intenda procedere per l'accorpamento delle due ASL. Ci sono comunque al momento delle iniziative che potranno essere realizzate in tempi brevi: l'ospedale Bambino Gesù ha proposto una formazione per i docenti sui disturbi dell'apprendimento in relazione al pensiero matematico da realizzarsi in collaborazione con la nostra rete; l'associazione di psicologi PSI-ONLUS propone dei corsi di specializzazione in modalità mista (in presenza ed on-line) con il riconoscimento dei crediti ECM; il progetto ABC, attualmente in fase di attuazione in 8 scuole della rete, dovrebbe concludersi a Gennaio ma si sta cercando un finanziamento per il suo prolungamento; portare avanti questo progetto sarebbe molto importante in quanto i due presidi rimasti sul territorio (Via Casilina e Piazza dei Mirti) dal mese di gennaio avranno i tempi di attesa per la prima visita da 4 a 12 mesi!! Si prevede comunque la realizzazione di un Convegno tra marzo e aprile; infine il prof. Fabio Bocci, professore di Pedagogia Speciale all'Università di Roma, ha richiesto la collaborazione per l'elaborazione di modelli di rete e la compartecipazione per realizzare disegni di ricerca e sperimentazione.

Tutti i presenti concordano sull'importanza di portare avanti il progetto dell'Osservatorio; in particolare in questo momento così difficile che vede tagli del personale di sostegno e tagli alle ASL si ritiene importante dotarsi di strumenti di analisi e programmazione condivisi con le strutture territoriali; le relative attività saranno programmate in apposite riunioni alle quali parteciperanno i referenti per il sostegno delle singole scuole.

Si passa quindi alla discussione delle proposte emerse dalla riunione dei docenti. Prende la parola il D.S. Caroni che ha parlato con l'insegnante della sua scuola C.Falsetti, referente dei docenti oggi non presente, illustrando le principali richieste dei docenti; viene coadiuvato in questo dall'insegnante M.Cortellessa, anch'essa referente dei docenti.
Dalla riunione dei docenti sono emerse le seguenti richieste: implementare il sito di rete con una sezione dedicata alle principali circolari ministeriali; far sì che la rete sia un punto di riferimento per realizzare iniziative culturali sul territorio (iniziative di diverso tipo, compresa anche la notte bianca); ricordare i disagi che le scuole vivono quotidianamente; prevedere un incontro fra i docenti referenti delle singole scuole e i DD.SS.

Dopo ampia discussione i DD.SS. presenti accolgono la proposta di una riunione congiunta e concordano che si svolga in occasione della prossima riunione di rete, durante la quale si firmerà il protocollo, e che, per agevolare la partecipazione dei docenti, la medesima si terrà giovedì pomeriggio (ore 15.00: riunione e firma protocollo DD.SS.; ore 16.30-18.00: riunione docenti / dirigenti).
Rispetto alla richiesta della sezione del sito con la normativa si decide di predisporre un link al sito del MIUR – sezione circolari ministeriali, al fine di avere una immediata pubblicizzazione delle circolari. Viene infine stabilito all'unanimità che le riunioni si continueranno a svolgere presso la San Benedetto in quanto sede più centrale per i due Municipi e dotata di buona possibilità di parcheggio; si ribadisce che la scelta della sede è legata esclusivamente a problemi logistici ed alla necessità che nella sede prescelta sia presente un DS del coordinamento.

Corsi di formazione D.L.vo 81/08

Dal momento che tutte le scuole hanno necessità di provvedere alla formazione delle diverse figure (RLS, ASPP, addetti alle misure di primo soccorso, addetti alle misure antincendio), il D.S. Cataeno effettuerà una rilevazione dei bisogni formativi di tutte le scuole mentre il D.S. Infantino raccoglierà i preventivi delle diverse società-agenzie formative da sottoporre successivamente all'attenzione dell'assemblea dei DD.SS.

Iscrizioni in corso d'anno degli alunni stranieri

Si discute ampiamente del problema degli alunni stranieri e della problematica relativa al loro inserimento in corso d'anno. Si evidenziano due problematiche:

•  la difficoltà di accettare l' iscrizione se la classe richiesta non può più accogliere ‘numericamente' alunni in più;

•  la difficoltà di inserire alunni non alfabetizzati

Per il primo problema si concorda che, in caso l'alunno provenga dal bacino di utenza di altro istituto, dovrà produrre nota scritta del D.S. della scuola di pertinenza territoriale che dichiari l'impossibilità di accogliere l'alunno per effettiva mancanza di posti.

Per il secondo problema vengono avanzate alcune proposte fra le quali quella di consorziare risorse e predisporre progetti comuni per l'alfabetizzazione.

Esami di licenza media (problematiche connesse alla prova della II lingua)

Dopo un rapido esame delle posizioni assunte dalle singole scuole, dei vantaggi e degli svantaggi delle medesime, si concorda di rimandare la discussione alla prossima riunione al fine di concordare una posizione comune della Rete.

Il prof. Poce riferisce all'assemblea la richiesta dell'Istituto Cine-TV Rossellini di Roma, che già negli anni ha partecipato ad alcuni progetti delle nostre scuole, di aderire alla Rete del XIV-XV distretto in relazione alle competenze specifiche dell'istituto stesso; il CINE-TV è da anni impegnato in progetti specifici con particolare attenzione ai problemi del Sud del mondo e ritiene per questo motivo che esista una grande sintonia con le finalità della rete anche in considerazione della presenza nel territorio del VI e VII municipio di una grandissima quantità di alunni stranieri.

L'assemblea dei Dirigenti accoglie favorevolmente la richiesta.

Il Dirigente Picchiassi riferisce ai dirigenti del VI municipio che ci sarà una riunione sul dimensionamento.

In chiusura il DS Frasca chiede ai colleghi delle scuole che partecipano al protocollo di rete con L'Università di fermarsi per definire alcuni aspetti organizzativi; comunica a tutti che sarà aperta una piattaforma dedicata al progetto sul sito della rete.

La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato

Il D.S. Santoro

Inizio pagina

Verbale della riunione dei Dirigenti Scolastici del giorno Giovedì 7 ottobre 2010

Il giorno Giovedì 7 ottobre 2010 alle ore 9,00 presso i locali della Scuola Secondaria di I Grado “San Benedetto” si è svolta la riunione dei Dirigenti Scolastici della rete del XIV e XV distretto per la discussione del seguente ordine del giorno:

  1. Modalità e scadenze per l'adesione alla rete e la firma del nuovo protocollo
  2. Contrattazione Integrativa di Istituto e Circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n.7 del 13 maggio 2010
  3. Problematiche connesse al pagamento delle visite fiscali
  4. Sostituzione del personale assente (docente e ATA)
  5. Iscrizioni in corso d'anno degli alunni – in particolare degli alunni stranieri

Sono presenti i Dirigenti Scolastici delle seguenti scuole:

SMS San Benedetto, 303° Circolo Didattico “Ungaretti”, 16° Circolo Didattico “Trilussa”, 132° Circolo Didattico “Pirotta”, 21° Circolo Didattico “Cecconi”, 77° Circolo Didattico “Belli”, 80° Circolo Didattico “Gesmundo”, 34° Circolo Didattico “Madre Teresa di Calcutta”, IISS “Di Vittorio Lattanzio”, 19° Circolo Didattico “Toti”, 117° Circolo Didattico “Troisi”, SMS “Toniolo”, IC “Manzi”, IC “Via Tor de' Schiavi”, Liceo Scientifico “Levi Civita”, 107° Circolo Didattico “Giulio Cesare”, SMS “Piranesi”.

Punto 1. Dopo aver esaminato le varie proposte si concorda che entro l'inizio del mese di dicembre tutte le scuole dovranno provvedere ad approvare le rispettive delibere di adesione. La quota da versare è di € 200,00 comprensive della quota ASAL (€ 25,00). La firma del nuovo protocollo avverrà nel corso della prima riunione del mese di dicembre. Le riunioni di rete, fino a nuova decisione, si svolgeranno nella sede della scuola “San Benedetto”.

Punto 2. Alla luce delle novità introdotte dal decreto 150/09 e dalla circolare 7/10 ed in considerazione dei numerosi seminari organizzati da associazioni e sindacati sul tema della contrattazione integrativa, si discute ampiamente su cosa debba concretamente essere cambiato nei contratti integrativi di istituto, con particolare riferimento all'organizzazione degli uffici e del personale (assegnazione del personale alle sedi, ai plessi, alle classi, orari di servizio etc). I Dirigenti Scolastici della rete, pur mantenendo le prerogative dirigenziali peraltro già esistenti, consapevoli delle innovazioni normative tuttora in continua evoluzione, in attesa di ulteriori chiarimenti da parte dell'amministrazione, si impegnano a garantire trasparenza e correttezza nei confronti di tutto il personale in vista della contrattazione integrativa di istituto.

Punto 3. I Dirigenti Scolastici evidenziano le problematiche relative all'impossibilità di pagamento delle visite fiscali per mancanza di fondi ad esso finalizzati. Decidono perciò di inoltrare ai competenti uffici scolastici tutte le richieste di pagamento delle visite fiscali provenienti dalle AASSLL.

Punto 4. Il tema delle sostituzioni del personale docente ed ATA risulta essere sempre più urgente per carenza di fondi sufficienti a garantire adeguata copertura del fabbisogno e, relativamente alla scuola primaria, per la costante diminuzione delle ore di contemporaneità che fino ad ora aveva garantito numerose possibilità di utilizzazione del personale interno. Le scuole primarie della rete si stanno organizzando per far fronte al problema attuando diverse modalità: dall'utilizzo di tutte o parte delle ore di compresenza, alla strutturazione di orari che prevedano coperture nelle diverse fasce orarie, specie quelle in cui risulta più difficile trovare sostituzioni. In ogni caso i Dirigenti Scolastici valutano a seconda delle situazioni e delle organizzazioni interne, l'opportunità o meno di nominare personale supplente in caso di assenze inferiori ai 5 giorni. Si evidenzia la difficoltà di operare scelte dovendo tener presente il diritto allo studio, le esigenze di sicurezza ed i vincoli di bilancio che, allo stato attuale risultano essere caratterizzati da sempre maggiore incertezza sulle effettive disponibilità.

Il punto 5 viene rinviato alla riunione successiva.

La seduta termina alle ore 12,30.

Inizio pagina

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL 23 SETTEMBRE 2010

Il giorno 23 settembre 2010, alle ore 9.00, i DD.SS. della scuole del XIV-XV distretto si sono riuniti presso la S.M.S. “San Benedetto”, in Via dei Sesami 20, per discutere il seguente o.d.g.:

  1. Nuovo protocollo di rete
  2. Programmazione delle attività
  3. Problematiche di avvio dell'anno scolastico

Sono presenti: M.Pintus (S.M.S. San Benedetto), W.Giacomini (81° C.D.), M.Frasca (S.M.S. Toniolo), G. Infantino (19° C.D.), A. Caroni ( 21°C .D.), A.Cataneo (Liceo Tullio Levi Civita), F.Conte ( 77°C .D.), A. Bellu e B. Vallefuoco (Di Vittorio – Lattanzio), A.Simonelli (I.C. A.Manzi), E.Labasi (S.M.S. “Parri” e 82° C.D.), A.M.Giuliani (I.C. Via Tor de' Schiavi), Flora Longhi (I.C. Via Lavarelli, 60), G.Neri (L.C. “Kant”), R. Lauricella (I.C. G.B.Valente), E. Proietti (S.M.S. Piranesi), M.Picchiassi (107° C.D.), T.Luongo ( 303°C .D.), M.M.Colabianchi (132° C.D.), M.Ciucci (L.C. “Benedetto da Norcia”), T.Santoro (34° C.D.)

In apertura di seduta il D.S. Pintus saluta tutti i presenti e dà il benvenuto nel territorio ai nuovi DD.SS..

Prende quindi la parola il D.S. Santoro che illustra brevemente, in particolare ai nuovi DD.SS. del territorio, le caratteristiche che ha avuto fino a questo momento la Rete del XIV-XV distretto il cui protocollo di intesa che è appena scaduto.

Si passa quindi ad esaminare la proposta del nuovo protocollo di rete, che viene presentato dal D.S. Pintus e di cui è stata inviata copia a tutte le scuole insieme alla convocazione della riunione.

La maggior parte dei presenti esprime parere favorevole rispetto ai contenuti del nuovo protocollo, che comunque non si distanzia significativamente da quello precedente, e manifesta la propria intenzione a continuare a far parte della rete, fermo restando le delibere collegiali previste dalla norma.

Si discute quindi del bilancio della rete e della proposta contenuta nel nuovo protocollo. Il D.S. Santoro comunica che, grazie all'impegno di tutti i DD.SS., il consuntivo si è chiuso senza passività.

La maggior parte dei DD.SS. rappresenta la difficoltà relativa al pagamento della quota di adesione alla rete, viste le continue riduzioni dei fondi assegnati alle scuole. In particolare alcuni DD.SS., pur apprezzando il lavoro svolto fino adesso dal webmaster, prof.ssa V.T., ritengono che tale spesa (2000 euro lordi) ormai non sia più sostenibile e si rendono disponibili a verificare la possibilità di acquisire preventivi più economici.

Si concorda di continuare ad incontrarsi in attesa della firma del nuovo protocollo che avverrà, per le scuole che intendano aderire, entro il mese di dicembre 2010. Le riunioni si svolgeranno il primo giovedì del mese alle ore 9.00; momentaneamente la sede delle riunioni, su richiesta della maggior parte dei presenti, sarà la S.M.S. “San Benedetto”.

Si concorda inoltre sulla necessità di organizzare le riunione di rete in maniera tale che gli o.d.g. consentano la discussione collegiale di tematiche comuni a tutte le scuole e la discussione invece per ‘ordini di scuola' di tematiche specifiche.

Il D.S. Caroni ricorda che, dal momento che le scuole intendono aderire all'Asal, ciò potrà essere fatto attraverso la Rete che si farà carico di versare la quota per tutte le scuole aderenti.

Viene costituito un gruppo di coordinamento formato dai DD.SS.: A.Caroni, A.Cataneo, M.Pintus, A.Simonelli e T.Santoro (con ruolo di coordinatore). Viene confermato ai DD.SS. A.Caroni e F.Conte l'incarico di partecipare alle riunioni dell'Asal in rappresentanza della rete.

Per il II punto all'o.d.g. si decide di rimandare a riunioni successive la programmazione delle attività per le quali è opportuno effettuare prima una verifica di quelle in corso. In ogni caso emerge la necessità, per le singole attività da programmare, di avere diverse scuole capofila al fine di distribuire equamente, all'interno della rete, i compiti di lavoro.

Si passa quindi alla discussione del III punto all'o.d.g.

Dal momento che le problematiche di avvio dell'anno scolastico sono numerose e ad esse si uniscono ulteriori problematiche da discutere collegialmente, i presenti definiscono alcuni argomenti da trattare nelle prossime riunioni:

Contrattazione Integrativa di istituto e Circolare D.F.P. n,7/2010; problematiche connesse al pagamento delle visite fiscali; gestione delle iscrizioni in corso d'anno in particolare per quanto riguarda gli alunni stranieri; esami di terza media (II prova scritta di lingua straniera, prove Invalsi, valutazione alunni stranieri, ecc.); verifica progetti in corso; piani per il dimensionamento; corsi di formazione D.L.vo81/08; supplenze brevi; ecc.

Il D.S. Proietti espone brevemente la situazione in relazione alle problematiche connesse a futuri dimensionamenti nel VI Municipio; il D.S. Labasi, per il VII, ricorda che l'U.S.R. intende dimensionare gli istituti e creare istituti comprensivi. In questa fase transitoria sarà fondamentale, per entrambi i distretti, concordare con i Municipi di riferimento, VI e VII, eventuali proposte.

La riunione termina alle ore 12.00

Ha verbalizzato

Il D.S. Santoro

Inizio pagina